Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Perché l’inflazione colpisce l’Italia più duramente della Germania

Acquirenti in un supermercato italiano

Oltre ai prezzi dell’energia, sono aumentati notevolmente soprattutto i prezzi dei generi alimentari.

(Foto: IMAGO/Antonio Balasco)

Roma Un nuovo studio in Italia dipinge un quadro desolante: il 62% delle famiglie attualmente vive con meno di 2.000 euro al mese, secondo una panoramica correlata della società di sondaggi Nomisma. Quest’anno un terzo delle famiglie ha dovuto ridurre i propri consumi. E il 46 percento non può permettersi una spesa imprevista di 5.000 euro.

Le code ai banchi alimentari delle agenzie umanitarie si stanno allungando ovunque: alla Caritas, la pandemia di corona con tutti i suoi blocchi ha aumentato il numero di persone bisognose di aiuto. Ma anche rispetto al 2019, l’anno prima della pandemia, la domanda ora è ancora più alta.

Un quarto delle famiglie che chiedono aiuto all’associazione non ha lavoro sufficiente per vivere. “Siamo particolarmente preoccupati per la povertà che si tramanda di generazione in generazione”, ha affermato Marco Bagnello, responsabile di Caritas Italia.

Dopo la guerra in Ucraina, non solo i prezzi dell’energia sono aumentati drasticamente in Italia, ma anche il cibo. Burro: fino al 38 percento. Pasta: 21 in più. Latte: 19. A ottobre, l’inflazione complessiva è salita dell’11,8%, il più alto dal 1984.

Compiti principali della giornata

Trova subito i lavori migliori
Verrà avvisato tramite e-mail.

Anche altri paesi europei stanno lottando con un’inflazione elevata. In Italia, però, c’è un altro fatto che potrebbe spingere il Paese verso la prossima ondata di povertà: i salari non sono aumentati negli ultimi 30 anni – sono addirittura leggermente diminuiti.

Forti differenze regionali nei livelli salariali

Tra il 1991 e il 2020, i salari reali in Germania sono aumentati in media del 33,4%. In Italia, invece, è stato meno 2,7 per cento nel periodo dal 1990 al 2020.

Grafica

Martedì anche il governo di destra guidato da Georgia Meloni ha messo fine al reddito di cittadinanza. L’assistenza sociale è stata introdotta tre anni fa dal movimento populista di sinistra Cinque Stelle: avvantaggia le persone che devono ancora trovare lavoro. “Ci sono persone che ottengono i contributi dei cittadini per tre anni, quindi non funziona”, ha spiegato Meloni della decisione.

Nel prossimo anno sarà disponibile per un massimo di otto mesi e dal 2024 sarà completamente abolito. Successivamente verrà creato un nuovo welfare sociale rivolto ai poveri e ai disabili. Tuttavia, non ci sono ancora piani precisi per questo.

L’ex primo ministro e leader del Partito socialdemocratico Enrico Letta afferma che il nuovo bilancio del governo sta dividendo il Paese. Inoltre, offre anche un programma “Carta Risparmio Shopping” per le famiglie con un reddito inferiore a 15.000 euro. Il governo sta spendendo 500 milioni di euro per questo, ei comuni distribuiranno tessere sconto direttamente alle famiglie povere.

Ci sono forti differenze regionali nel paese. Il reddito familiare medio del nord economicamente forte è di oltre 36.000 euro l’anno, mentre le famiglie del sud e delle isole Sardegna e Sicilia hanno una media di appena 27.000 euro. Secondo l’Istatt, il rischio di cadere in povertà è compreso tra l’11 e il 13 per cento nelle regioni settentrionali, mentre nel sud un italiano su tre ne è colpito.

Altre 300.000 famiglie sono a rischio povertà

Il think tank “Welfare Italia” ha recentemente calcolato che il numero di famiglie in povertà assoluta potrebbe aumentare da 300.000 a 2,3 milioni a causa dell’elevata inflazione. Saranno colpite un totale di 6,4 milioni di persone nel paese.

Grafica

Il divario salariale divide ulteriormente un paese già socialmente diviso in poveri e ricchi, sud e nord. Non esiste ancora un salario minimo, ma esistono diversi contratti collettivi che si applicano principalmente a industrie e settori, la maggior parte dei quali si trova nel prospero Nord.

Ovunque si sentono le stesse storie: camerieri che lavorano nelle case vacanza per quattro euro l’ora. Da giovani donne e uomini che lavorano solo quattro ore di contratto ma lavorano comunque a tempo pieno.

Gli affitti sono ora alla pari con Monaco, grazie a persone con due o tre lavori che possono permettersi una vita costosa in città come Milano o Roma.

Martedì il presidente Sergio Mattarella ha inviato un videomessaggio a un vertice di comunità. Mattarella ha definito il sistema sociale “vitale” – ed ha espresso preoccupazione: a causa dell’attuale situazione economica, c’è una chiara minaccia di aumento della povertà.

Ulteriore: Crack in Boot – Viaggia in un paese socialmente e politicamente diviso

READ  I soccorritori marittimi possono sbarcare in Italia