Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Perché il nostro governo manca di conoscenza dei dati

Perché il nostro governo manca di conoscenza dei dati

Schuller, uno statistico

Perché il nostro governo manca di conoscenza dei dati

Oggi 05.06.2023 | 19:57

Perché la proposta dei Verdi di vietare la pubblicità per determinati alimenti è un esempio di inefficienza dei dati?

“Perché permettiamo ai bambini di guardare una media di 15 spot pubblicitari di bombe di zucchero e snack grassi e salati?” Con questo, il ministro della nutrizione Özdemir giustifica la sua proposta di vietare la pubblicità di cibi malsani per i bambini dall’aspetto severo. Buon suggerimento, ma c’è un problema: le 15 pubblicità al giorno sono completamente sbagliate. Se dai un’occhiata più da vicino allo studio principale, vedrai che l’emittente senza pubblicità Kika non è stata affatto inclusa nell’analisi. Inoltre, i 15 spot si riferiscono solo a un sottogruppo e il numero è molto inferiore per tutti i bambini. Quindi, se dai un’occhiata più da vicino ai calcoli e alle ipotesi dello studio – che dovresti aspettarti da un dipartimento federale – i 15 spot pubblicitari al giorno risultano sbagliati. Un chiaro caso di incompetenza dei dati in politica – purtroppo non l’unico.

Quali sono le competenze chiave di cui i politici hanno bisogno per agire sulla base di prove?

Per agire in base alle prove, i politici devono prima capire quali sono effettivamente le prove concrete, vale a dire: su quali dati posso davvero fare affidamento? Cosa devo considerare con questi dati? Il fornitore di questi dati potrebbe avere un interesse particolare che dovrei prendere in considerazione? Non per niente molte persone conoscono il detto: non fidarti delle statistiche che non hai visitato tu stesso. I politici in particolare, circondati da esperti e lobbisti – purtroppo a volte sono la stessa persona – devono fare attenzione quando li presentano in numeri. Perché anche se questi spesso danno l’impressione di imparzialità e accuratezza, questo è raramente il caso – vedi blocco degli annunci. Pertanto, i politici devono essere data literate, ovvero essere in grado di raccogliere, gestire, valutare e applicare i dati in modo critico. I politici stessi non hanno tempo per raccogliere e gestire i dati, il che rende ancora più importante poter controllare i dati di altre persone. Questo è l’unico modo in cui i politici possono prendere decisioni indipendenti e basate su prove.

Quali sono gli errori tipici che fanno i politici quando leggono gli studi?

Forse il primo errore è che i politici non leggono affatto gli studi. E se leggono gli studi, probabilmente è solo molto superficiale. Entrambi sono comprensibili se si pensa alla frenetica politica quotidiana. È quindi fondamentale che i politici siano consigliati da persone in grado di leggere gli studi in modo critico. Per rimanere con adblock: non suppongo che Cem Ozdemir abbia letto lui stesso lo studio discutibile, ma mi sono fidato ciecamente del suo staff o dell’autore dello studio. Questo è così ingenuo, Ozdemir avrebbe dovuto mettere in discussione criticamente i numeri o chiedere agli esperti di fare una valutazione, anche se i numeri si adattano bene alla sua agenda. A questo proposito, il problema non è necessariamente che i politici non sappiano (non possano) leggere gli studi – ma che ai politici manca la capacità di mettere in discussione criticamente i numeri – e, in caso di dubbio, di chiedere consiglio agli statistici.

Perché l’alfabetizzazione dei dati è essenziale per una democrazia funzionante?

Ebbene, affinché la democrazia funzioni, gli elettori devono sapere cosa sta succedendo: l’economia è in piena espansione? Il clima sta facendo progressi? La nuova legge ha l’effetto desiderato? Solo allora l’elettorato potrà decidere se il governo ha governato bene o male, anche se, alla fine, ovviamente, tutti la vedono diversamente. Ma alcuni obiettivi possono essere misurati in modo difficile, ad esempio le emissioni di anidride carbonica da vari settori in Germania. Dopo che i ministeri dei trasporti e delle costruzioni hanno mancato più volte questi obiettivi, Traffic Light vuole attenuare gli obiettivi senza ulteriori indugi. Quindi, se in futuro perderai il messaggio “DoT manca di nuovo gli obiettivi climatici”, probabilmente non è a causa di politiche migliori, ma a causa di obiettivi settoriali annacquati. Anche in questo caso l’efficienza dei dati aiuta, in particolare quando i politici ignorano le loro scoperte.

Suggerimento per un libro: “Statistica e intuizione” (pubblicità)

“Un interrogatorio critico di esempi quotidiani” di Katharina Schuller

Scoprilo subito su Amazon

Come possiamo garantire che le decisioni politiche siano basate su una corretta analisi dei dati?

Qui c’è bisogno di tutti: politici, media, ma anche cittadini. I politici, ovviamente, dovrebbero iniziare a pubblicare i loro dati e le loro valutazioni. Solo allora i media, gli esperti ei cittadini potranno effettivamente verificare la base rilevante per il processo decisionale e suggerire miglioramenti. A proposito, qui la democrazia vince due volte: le decisioni diventano non solo più trasparenti, ma anche migliori. Per contribuire a questo, i cittadini devono anche aumentare significativamente la loro competenza in materia di dati: secondo l’indice digitale D-21, ad esempio, quasi la metà dei tedeschi ha difficoltà a valutare la veridicità delle informazioni su Internet. Anche qui la politica deve dare i suoi frutti: l’efficienza dei dati fa parte delle lezioni scolastiche. Ma anche i media devono migliorare la loro alfabetizzazione dei dati poiché i dati svolgono un ruolo sempre più importante in politica. La pandemia della corona ha dimostrato in modo impressionante che qui c’è ancora spazio per migliorare.

READ  L’istruzione può combattere il rischio genetico della malattia di Alzheimer