Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Perché gli stranieri lasciano la Cina in tempi di epidemia?

Perché gli stranieri lasciano la Cina in tempi di epidemia?

NSVenerdì pomeriggio, il Liu Haisu Art Museum di Shanghai celebra i “legami culturali e di amicizia” tra Cina e Germania. L’Assessorato alla Cultura del Consolato tedesco ha organizzato un’impressionante mostra sul tema del tempo. Le opere realizzate negli ultimi due anni sono state realizzate da artisti di entrambi i paesi. Ma quando la loro galleria ha aperto, i tedeschi erano solo roba marginale. I tre volti delle donne rimangono muti sullo schermo a lato. Non hanno ottenuto un visto per entrare in Cina, come la maggior parte dei non cinesi dall’inizio della pandemia.

Così come gli artisti tedeschi non possono parlare, anche il direttore del museo evita la parola “Covid”, ma il console generale tedesco si rivolge all’elefante nella stanza e parla delle “sfide” delle relazioni tedesco-cinesi. Anni dopo lo scoppio della pandemia. Ogni straniero della regione sa cosa significa: da due anni la Repubblica Popolare rilascia visti solo dopo una procedura snervante solo a coloro che possono dimostrare di svolgere un lavoro importante al fisco e ai dipendenti locali. Gli artisti non sono elencati.

FAZ Frühdenker – Newsletter per la Germania

Nei giorni feriali alle 6.30.

Login

La ragione di ciò si può vedere quasi ogni sera nei principali telegiornali della televisione di stato, dove viene dipinto un quadro della Germania molto meno sensibile rispetto alla mostra del Museo Liu Haisu. Alla luce blu delle ambulanze che si fermano con pneumatici rumorosi davanti agli ospedali tedeschi e scaricano pazienti cigolanti sotto le maschere per l’ossigeno, vengono spiegate al pubblico le ultime catastrofiche statistiche Covid nella Repubblica federale di Germania utilizzando grafici a barre: “67.186 nuovi contagi e 446 morti. in un giorno”.

D’altra parte, giovedì la Cina, molto più grande, ha riportato solo 96 nuove infezioni e zero decessi. Secondo le statistiche ufficiali, solo 4.636 persone sono morte a causa dell’epidemia di virus a Wuhan, il 4% del numero di decessi per Covid riportati dalla Germania. Dieci giorni fa, l’Università di Pechino ha pubblicato uno studio condotto da matematici, affermando che ci si aspettava un “enorme focolaio” con 640.000 nuove infezioni al giorno, che avrebbe un “effetto devastante” sul sistema sanitario e sul Paese, se si prevedesse che la Cina propagazione. L’apertura delle frontiere porterà al “disastro”.

READ  Non tutti sono autorizzati a dichiarare la neutralità climatica