Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Pensieri del momento: come vede l’Italia la Germania? | NDR.de – Cultura – Trasmissione

A partire dal: 08/07/2021 18:00

Come vedono la Germania le persone di altri paesi nel 2021? Capitolo 1 della serie estiva Pensieri in questo momento Vista dall’Italia. Articolo del giornalista dell’ARD Jörg Seisselberg.

Di Jerk Seiselberg

Sebastian Vettel, Rammstein, Herta Muller. Un pilota di auto da corsa, una band metal hard rock e premio Nobel per la letteratura. Questi sono i tre tedeschi più famosi in Italia. Almeno secondo un sondaggio rappresentativo nell’ambito di un recente studio della Fondazione Friedrich Ebert sui rapporti italo-tedeschi. Sport, Musica, Cultura – Gli italiani possono interagire con la Germania quando la visitano.

Angela Merkel: Il volto della Germania in Italia

Zurk è un reporter ARD presso il Seiselberg Studio Rome.

E la politica? Il nome citato nel sondaggio di Angela Merkel non fa parte del pool. È ammessa una tesi particolarmente audace: se la Merkel fosse eletta, non tutti gli atleti, i musicisti e tutti gli operatori culturali avrebbero l’opportunità. Negli ultimi 16 anni, Angela Merkel è diventata il volto della Germania per gli italiani. Una faccia che manca agli italiani. Quando è stato chiesto il mese scorso quale degli attuali capi di governo stranieri è più rispettato, la maggior parte delle persone in Italia non ha nominato Joe Biden o Emmanuel Macron ma Angela Merkel – con un ampio margine.

Ricorda, la domanda non riguarda la simpatia, ma la lode. Dovrebbe esserci sempre una differenza nel rapporto italo-tedesco. Vale sempre la vecchia regola: i tedeschi amano gli italiani ma non li apprezzano – allo stesso tempo gli italiani apprezzano i tedeschi, ma non li amano.

READ  Italia, Spagna, Paesi Bassi: attuali numeri delta e regole della corona per le destinazioni turistiche più popolari

La crisi finanziaria sta influenzando le relazioni

Questo non è cambiato sotto la Merkel. Al contrario, inizialmente c’era anche una mancanza di apprezzamento. Negli ultimi anni, negli anni della Merkel, il rapporto italo-tedesco è stato spesso difficile. Inizialmente, il collega della Merkel a Roma si chiamava Silvio Berlusconi. Dà un senso della dimensione temporale del tuo capo. Quegli anni furono discussioni sui criteri di Maastricht. La Germania sta guardando per vedere se il suo partner nel sud aderisce al limite del tre per cento di deficit nei suoi piani di bilancio. In Italia era percepito come il miglior autore, e alcuni critici cercavano immagini più serie. Come un cane, la Germania vuole guidare l’Italia. Il tutto era nel libro “Toss verte Reich” e non solo il commento ivi pubblicato, racconta molto di come l’Italia, la Merkel Germania, vedeva un buon decennio fa.

I luoghi comuni che giocano con il passato nazista quando si parla di paesi vicini del nord non sono lontani tra Bolzano e Palermo. Un po’ è cambiato qui negli ultimi decenni. Spesso, tuttavia, l’etichetta “insegnante senior” appare quando le cose diventano importanti nei confronti della Germania. Molti italiani pensano che sia di scarsa qualità in termini di tedeschi. UN Comportamento primarioHanno mostrato il comportamento di un padrone, un datore di lavoro. Per inciso, questo entusiasma le persone in Italia non solo con i politici tedeschi, ma anche con i turisti tedeschi. Quando ospiti da ogni parte delle Alpi vogliono spiegare che qualcosa deve funzionare, in Italia colpisce un nervo sentimentale e conferma il pregiudizio negativo più importante sui tedeschi.

Trattare con la Grecia come un segnale di avvertimento

La Merkel, pensata da molti italiani per molti anni, era una tedesca comune in questo senso negativo. La debolezza del Cancelliere durante le vacanze in Alto Adige e Ischia non ha portato davvero alcun punto di simpatia con l’apparenza di niente nei vestiti da passeggio. La Merkel ha insistito sulle regole di Maastricht, niente debiti comuni, e poi, soprattutto, il fratello mediterraneo ha fatto i conti con la Grecia durante la crisi finanziaria, che molti a Roma hanno visto come un segnale di avvertimento. La cancelliera, insieme al suo ministro delle finanze, Schuble, voleva che gli stati mediterranei in Europa fossero soggiogati, che è una lettura diffusa. Secondo l’obiettivo: si parte in Grecia, a un certo punto sarà italiano.

In questa discussione si possono osservare ripetuti scioperi negli ultimi anni: in Italia l’Europa è spesso equiparata alla Germania. Quando Bruxelles decide qualcosa, Roma guarda la mano di Berlino dietro di essa – ed è principalmente nel ruolo di vittima. Il complesso storico di inferiorità di un paese che ha visto più industrializzazione e modernizzazione di Gran Bretagna, Germania e Francia gioca un ruolo qui. Allo stesso modo, il paese è in ritardo rispetto alla Francia in termini di popolazione e forza economica, con l’attuale mancanza di comprensione che l’Italia è costantemente solo al secondo posto nell’UE. L’Italia vuole far parte della leadership informale dell’Ue, insieme a Germania e Francia. È stato registrato con soddisfazione a Roma che il nuovo presidente del Consiglio, Mario Draghi, è preso più sul serio dai suoi alleati rispetto ai suoi predecessori, tedeschi compresi.

Questo argomento nel progetto:

NDR 90.3 | Pensieri in quel momento | 08/07/2021 | 13:05

Logo NTR