Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

“Ora sei soddisfatto!” Ricorda il turno di notte nelle neuroscienze

Berlino – Al posto di guardia neurochirurgica dell’ospedale Neukölln di Berlino, poco dopo le otto di sera, il turno è cambiato. Lo studente, That’s Me, è di guardia extra e la giornata dovrebbe iniziare prima del solito a causa di una grave carenza di personale.

Fuori dalla clinica, all’inizio dell’autunno, gli ultimi giorni sono stati soleggiati, non poca pioggia, faceva quasi caldo. Sulla strada per il lavoro in bicicletta. Inizia dall’albero, dalla colonia al mulino a vento direttamente da Pritzer Garten, e da qui dista solo pochi minuti da Neuköllner; Il paesaggio serale vola a sud di Berlino, da qualche giorno la città ha cambiato rapidamente colore, le foglie gialle ora girano su e giù per la diga del Pritzer, la stessa foto è in Gutschmidtstrasse, che ora è sulla destra, il traffico è ancora inceppato, qualcuno disturba sempre qualcuno, perché non succede mai abbastanza velocemente, qualcosa disturba sempre una persona, si è già infastidito prima o minaccia di infastidire una persona dopo.

L’aria, come sempre qui al sud con una minore sensibilità al traffico, puzza pesantemente sulle foglie colorate che ora dominano l’immagine della strada (quasi la città) – persone e natura – entrambe appese ai loro alberi anche poco prima della partenza come giocare in aria, solo per essere calciato a terra dopo l’atterraggio, e distintivi, puoi anche portare con te, sempre, questa nuova esibizione, come richiesto al momento. Poi la barriera del suono, dopo pochi metri, diventa improvvisamente molto silenziosa: percorri le strade laterali con le case unifamiliari attraverso il “cancello” sul retro, la porta sul retro dell’edificio della clinica dopo le lunghe ali verso la tua destinazione , il posto di guardia, il piano terra.

È iniziato. Cinque posti letto per i pazienti

Si sta facendo buio adesso. Uno mi lascia con una bocca grande, doppia porta di metallo grigio. Dietro c’è la “stazione”. Sono lì quando la luce intensa illumina il corridoio. Dillo brevemente alle sorelle, cambiati d’abito, fallo. Gli infermieri rimangono nella sala d’attesa fino alla sala di trattamento vera e propria, discutendo tranquillamente di cosa sta succedendo, chi viene, chi va, chi è critico e chi potrebbe non passare stanotte. Allora spiegami a cosa dovresti prestare particolare attenzione. Regna il clima di routine, chiacchiere, fa tutto, prepara, lavora, alcuni vengono, altri vanno. Suoni sempre bassi e forti.

Il primo entrerà presto con me nella stanza accanto. È iniziato. Cinque letti per malati, un sacco di attrezzature simili testa a testa simili a piccole torrette, ognuna una navicella spaziale, Destinazione sconosciuta Dalla Terra a Marte, l’ormai a terra Berlin Neukölln Ground Station, un castello permanente, lo staff è pronto. Tutte le donne a bordo. Sempre donne e uomini si preoccupano. Un letto per ammalati in ogni angolo della stanza, e un altro letto sospinto in mezzo a loro sulla parete più larga, con un corridoio che porta alla stanza delle infermiere proprio accanto. La sala per i trattamenti è luminosamente illuminata da alte lampade a soffitto e strisce luminose. Luce al neon, blu nel tono primario, con un po’ di bianco e cromo che vorticano sopra di essa. Varie sorgenti eruttano al centro a livello del letto: un esercito tremolante e ostinato di spie luminose, gialle, rosse, verdi, blu, punti luminosi, stelle nella notte.

READ  Puoi anche guardarlo

Le pareti sono piastrellate a metà, ogni spazio della parete è sfruttato senza soluzione di continuità da cavi, prese e allacciamenti del gas. Un concerto rumoroso costante di trasformatori, trasformatori e trasformatori ovunque, i toni e i suoni onnipresenti delle correnti (senza che l’elettricità scorra senza intoppi), che sono costantemente interrotti dal rumore di vari segnali, spesso ad alta frequenza, frequenze di allarme di ogni tipo, fischi , fischiando, ronzando. Fino a quando l’infermiera non lo spegne, di solito accende, spegne o accende un’altra macchina. Fino al prossimo avviso. Disturbo acustico quando entrano nella stanza, facendo silenziosamente il loro lavoro, cambiando sempre l’acustica della stanza, vivide sfumature di suono. Parla al paziente in modo forte e chiaro, breve e succinto, obiettivamente e talvolta più attivamente, se necessario, sempre in modo amichevole e fermo, ogni parola, ogni tono corretto. Quando arrivano in coppia, cosa che fanno raramente, parlano sempre tra loro in modo ovattato, come un’esibizione che non vogliono disturbare, a volte come una prova sussurrata, in cui le indicazioni vengono mostrate in modalità semiascoltata.

La lesione cerebrale traumatica incontra l’emorragia cerebrale

Poi i suoni ei silenzi continuano come al solito nell’adiacente cabina di regia, ei suoni cambiano. Uno domina sempre. Si muove anche così. In ogni turno puoi vedere e sentire la persona principale. Nel bel mezzo di questi processi senza soluzione di continuità, un secondo film, Conversation, inizia una conversazione tra tre pazienti. Sotto una direzione sconosciuta senza una struttura riconoscibile.

Agisce in modo casuale e una parola dà e determina la parola successiva, se lo è. Il contenuto cambia continuamente, rallenta o si intensifica a seconda della situazione. Dopo cosa !? Qualcuno lancia la palla, qualcun altro la prende o no, lasciandola fluttuare silenziosamente o in aria, a volte per poco tempo, a volte per molto tempo, a volte per minuti. Nessuno sembra tirare fuori niente. Cosa sappiamo sullo sfondo di ciò che ascoltiamo, vedi qui. Tuttavia, siamo sempre tenuti a pensarci, sicuramente da parte nostra. La conversazione sembra essere autodiretta.

La sospensione rompe il silenzio del paziente, il rumore delle apparecchiature. Nuove palle danzano e galleggiano. Quella notte, tre dei cinque pazienti parlavano tra loro e gli altri due comunicavano quando comunicavano, non attraverso parole, toni o suoni. Nessuno sa se sente suoni e capisce parole, suoni e toni. La scena è divisa dall’andirivieni delle suore, donne della stazione di terra sempre vestite di bianco, che tengono il terreno, prevenendo il peggio.

Tutti i pazienti con lesioni alla testa, tutti instabili, tutti sotto osservazione, tutte malattie potenzialmente letali. Il paziente A è disteso qui dopo che la sua moto è caduta nel sud di Berlino e non c’erano ancora foglie. Ho avuto un recente intervento chirurgico pochi giorni fa. Completamente ubriaco, slegato davanti a un lampione.

READ  30 gradi incrinati! Le temperature aumentano all'inizio della settimana - meteorologo

Paziente B (un uomo molto alto e forte): un caso di follow-up dopo gli ultimi numerosi tentativi di suicidio non recuperati. Si è buttato dalla finestra ed è scappato perché incastrato tra i rami di un albero le cui foglie erano ancora verdi (ancora non se ne accorgeva). Tra le altre cose, gravi traumi cranici, incontinenza urinaria e fecale. Sempre pronto a sopravvivere.

Il paziente C con encefalopatia alcolica ed emorragia cerebrale, localizzato C, è stato più volte raccolto come “persona indifesa” per le strade di Berlino qui a sud, intorno al quartiere dove si trovano i suoi pub. Sempre in pericolo di vita. Altri hanno una condizione dopo un intervento chirurgico al cranio, vari gravi danni cerebrali, emorragie di massa e tumori.

La conversazione inizia.

Paziente C: Voglio andare. Vai via mamma, stavo per venire, ora devo vedere un’altra finestra. Paziente B: Ventiquattro punti. Pausa, poi A: Comunque, sono ottantaquattro. Sorella: Adesso sei soddisfatta, buongiorno! (È pomeriggio.) R: Sii soddisfatto! Stavo per prendere una bibita.

Cosa hai sognato?

Trenta secondi dopo Paziente A: Disintegrato! A: Torna indietro con lo strumento, da dove è venuto! La sorella è seduta accanto ad “A” sul letto, dice “A” (molto rilassata e concentrata su di lei): ho sognato. C Interferire: cosa hai sognato? A (Ritorno alla sorella): Jotun Morgan! Dopo una breve pausa, spiegò: Da te!

Dopo una breve pausa, di nuovo il Paziente A: Mi divertirò – e quella porta – no – nessuna porta lì. Una breve pausa, ad alta voce verso il centro della stanza: Pronto? Ecco come dovrebbe essere un armadio! Così nudo! Prenditi il ​​tuo tempo B reagisce a: Non tornare a casa fino a domani! A: Beh, comunque. B grida: Non puoi!

Quindi continua. Ad un certo punto malato A: Erkup! Poi B: Ick sono appassionato di Idjot! A: Questo è un fatto storico da un punto di vista scientifico, stupido maiale! Ecco perché sei venuto a Tegel nel Wildpark! Ci vogliono 25 minuti per rispondere: dieci e mezzo? A: Non c’è bisogno di uscire, alle otto muori.

Il telefono squilla più volte nella stanza delle infermiere, forte, acuto, esigente. B: Dov’è il compositore? A: Bene, ci sei. Tre minuti dopo, ad alta voce: puoi rispondere al telefono?! Telefono! B in realtà dice: non sono un compositore! A: Beh, sei una testa d’uovo! Puoi sentire la sorella parlare al telefono nella stanza accanto senza che lei capisca. B (ad alta voce): Chi mangia lì? A: Stai parlando di stupidità. Prenditi qualche minuto di pausa, poi A: Devi aver visto i miei armadietti che ho realizzato. C guarda interrogativamente il gruppo muto.

6:00 fine spettacolo

Sono le quattro del mattino. La vita quotidiana in stazione continua con i suoi ritmi allenati. Ora tutti vengono “lavati” a letto, cioè l’infermiera viene bagnata e spalmata con un asciugamano usa e getta su tutte le parti del corpo leggermente sporche più intensamente, sempre dall’alto verso il basso, in modo che tutto sia visivamente pulito e i vestiti aggiuntivi ricevano occhi e bocca. Verificare che tutti i cavi e i tubi flessibili siano nella posizione corretta e che tutto funzioni senza intoppi. Liquido per la colazione in tubetto. Poi ad un certo punto va tutto bene, va tutto bene per tutti. Aiuta lo studente qua e là, soprattutto quando si gira il paziente, che è stressante e mette molta pressione sulla sua schiena.

READ  Tumore della pelle bianca: riconoscimento e trattamento degli stadi iniziali | NDR.de - Guida

A parla verso il centro della stanza, e si identifica amichevolmente: Allora – ti piacerebbe svegliarti, tre giorni e tre notti sono sufficienti in prigione. B: Oh merda. A: Posso chiudere il buco! Improvvisamente, A afferra la tecnologia lampeggiante e sottile intorno a lui all’estremità della sua testa con entrambe le mani, compresi i cavi attaccati, tenendo tutto vittoriosamente e oscillando come se volesse lanciarlo al bastone che appare immediatamente in bianco. La prima sorella si acciglia inorridita, la seconda appare, suggerendo copertura.

Tuttavia, ha interrotto bruscamente il processo prima che i nuovi arrivati ​​potessero dire qualcosa. Il tutto richiede solo pochi secondi. A permette alla macchina di sbattere in modo udibile nella direzione del suo posto sulla macchina più alta, e dopo che il lavoro è finito, ritorna nella sua vecchia posizione. Folle di uomini e donne in uniforme sistemano tutto in fretta.

Pausa circa tre minuti, poi B: Sì? Vi auguro il successo! Una pausa più lunga, A, improvvisamente come completamente distaccata, canta: Zicke, stiamo andando a Ha-hau-seee!

Non ci sono ulteriori annunci fino alla fine dei lavori. 6:00: Fine dello spettacolo. Lo studente va brevemente dalle infermiere, saluta, va tutto bene, tranne che per la spazzatura veloce, non ci sono incidenti speciali, fino alla prossima volta. Entrando nella stanza successiva, attraverso il breve vialetto nella prima fresca aria mattutina, la bici piega dietro l’angolo, il cielo ora è diventato nero e blu, e grigio e blu, e poi blu intenso, e il primo traffico in lontananza , nessuno può essere visto fuori, tranne che per i cambi di turno Gioco veloce e instabile, brevi saluti, vi conoscete. Qualcuno tira i sacchi della spazzatura blu, la città si sveglia, inizi a respirare, prendi il primo tiro profondo.

L’autore ha lavorato nel reparto nel 1982 mentre studiava medicina presso la Libera Università di Berlino e si occupava di stenografia. Oggi è professore nel Dipartimento di Dermatologia presso la Brandenburg Medical School.

Questo è un contributo dato come parte della nostra iniziativa open source. con open source Berliner Verlag offre agli autori freelance ea chiunque sia interessato l’opportunità di inviare testi attinenti ai contenuti e agli standard di qualità professionale. I contributi selezionati vengono pubblicati e premiati.

Questo contributo è soggetto a licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 4.0). Può essere utilizzato liberamente dal pubblico per scopi non commerciali, a condizione che siano citati l’autore e Berliner Zeitung e che sia escluso qualsiasi trattamento.