Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Ora Draghi ha un problema: la cessione del Monte dei Paschi è fallita

Ora Draghi ha un problema: la cessione del Monte dei Paschi è fallita

Ora il mio Draghi ha un problema
Il Monte dei Paschi non è riuscito a vendere

Negli ultimi anni, la banca più antica d’Italia, il Monte dei Paschi, ha fatto notizia soprattutto per i crediti inesigibili. Al governo è chiaro: un’istituzione finanziaria cronicamente non redditizia deve fondersi con un partner forte. Ma le conversazioni con UniCredit falliscono.

La possibile vendita della banca di crisi nazionalizzata italiana Monte dei Paschi di Siena (MPS) al concorrente UniCredit è fallita. Unicredit e il ministero dell’Economia hanno dichiarato che la trattativa è stata interrotta e non proseguirà più. Secondo una fonte interna, idee molto diverse sugli aspetti finanziari dell’accordo hanno portato al fallimento. Il finale rende difficile per il Primo Ministro Mario Draghi vendere Monte Paschi, che è stato salvato dalla bancarotta nel 2017 con miliardi di dollari di tasse, entro la metà del 2022 come concordato con l’Unione Europea.

Inoltre, il governo deve ottenere l’approvazione da Bruxelles per poter pompare più denaro nella banca di crisi senza uno scenario per l’uscita dello stato da MBS. Da sabato circolano voci secondo cui i colloqui erano sull’orlo del fallimento dopo mesi di trattative. Il motivo era la disputa su una costosa ricapitalizzazione di MPS, ha detto l’insider. L’Italia ha salvato dal crollo la banca più antica del mondo nel 2017 con 5,4 miliardi di euro, e da allora possiede il 64 per cento delle azioni.

Il governo ha sempre considerato la fusione con un partner più forte come la migliore soluzione per Banca Toscana. Una persona che ha familiarità con la questione ha affermato che le due parti differivano su questioni finanziarie. UniCredit ha chiesto allo Stato di mettere altri 6,3 miliardi di euro al Monte Paschi in vista delle necessarie correzioni sui libri MPS.

Tuttavia, il ministero delle Finanze ha ritenuto che tali emendamenti fossero ampiamente ingiustificati. Inoltre, Unicredit ha valutato le parti MPS che voleva acquistare a soli 1,3 miliardi di euro. Il ministero delle Finanze, invece, ha ipotizzato da 3,6 a 4,8 miliardi di euro. Quindi, le richieste di Unicredit avrebbero vanificato l’obiettivo del governo di non vendere MPS per meno del suo valore.

Prevede di vendere entro la fine di dicembre

Unicredit non ha risposto alle informazioni. Una fonte ha detto che il governo potrebbe ora elaborare un “Piano B”. La persona che ha familiarità con le considerazioni ha detto: “Nessun accordo è attualmente possibile secondo i termini di UniCredit. Ma lo stesso schema che è stato introdotto per UniCredit può essere applicato a un piano ‘stand alone'”. Il governo ha già valutato i potenziali vantaggi dell’indipendenza di MPS, in quanto il Tesoro attuerà parti delle misure che sono state presentate anche a UniCredit, tra cui un aumento di capitale multimiliardario. È possibile che il governo riorganizzi la gestione in Monte Paschi e trasferisca le sofferenze da Mps alla società di salvataggio statale AMCO.

La Direzione Generale della Commissione Europea (DG-COMP) ha l’ultima parola sulle sorti del Monte Paschi. Ciò richiedeva un piano per vendere la banca in crisi entro la fine di dicembre. L’estensione delle colline può essere visualizzata. Secondo gli addetti ai lavori, è improbabile che la pubblica amministrazione abbandoni l’ordine di vendita.

READ  Le aziende tedesche stanno ristrutturando la loro forza lavoro