Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Omicron: i Paesi Bassi sono in isolamento per Natale

“Per riassumere in una frase: i Paesi Bassi andranno di nuovo in isolamento domenica”, ha detto il primo ministro Mark Rutte sabato sera in una conferenza stampa televisiva. La rapida diffusione della variante Omikron ha reso necessaria l’imposizione di queste difficili misure. “È inevitabile. Dobbiamo intervenire per prevenire ciò che è peggio”, ha detto Rutte.

Quasi tutti i negozi, ristoranti, strutture culturali e sportive, scuole e parrucchieri devono chiudere entro il 14 gennaio, cioè fino a Capodanno. Le uniche eccezioni sono strutture come supermercati e farmacie che sono importanti da rifornire. Di norma, puoi ricevere solo due ospiti in casa – solo quattro a Natale. Ruti ha detto che per ora non ci sarà il coprifuoco. Finora, la “chiusura serale” è in vigore nei Paesi Bassi dalle 17:00.

Reporter ORF sulla situazione nei Paesi Bassi

Nei Paesi Bassi, le misure CoV saranno ulteriormente rafforzate. La corrispondente dell’ORF Raffaella Scheiderter riferisce da Amsterdam.

Ritardato con le vaccinazioni di richiamo

L’organo consultivo del governo ha consigliato urgentemente una chiusura più severa a causa della variante Omikron. Dovrebbe essere concesso del tempo per proteggere il maggior numero possibile di persone dal COVID-19 con un vaccino di richiamo. I Paesi Bassi sono in ritardo nelle vaccinazioni di richiamo rispetto ad altri paesi.

L’accento è già chiaro. Sabato, le persone si sono riversate nei centri urbani di tutto il paese e si sono formate lunghe code davanti a parrucchieri e negozi. Molti olandesi volevano lo shopping natalizio dell’ultimo minuto. Il centro di Rotterdam era così affollato un sabato pomeriggio che l’amministrazione cittadina ha invitato le persone a non tornare nel centro della città.

READ  Rimane o va? Il giorno della verità per Ronaldo - Serie A.

REUTERS/Perochka van de Wo

In previsione della chiusura, in tanti volevano comprare regali all’ultimo minuto

Ospedali ad alta pressione

Secondo gli esperti, la variante Omikron si sta diffondendo molto più velocemente di quanto precedentemente previsto. Ad Amsterdam il numero dei contagi raddoppia ogni due o tre giorni. Si diceva che questa variante sarebbe stata prevalente nella capitale anche prima di Natale. Attualmente il numero dei nuovi contagi è in calo. Tuttavia, gli ospedali sono sottoposti a molta pressione, quindi gli esperti temono che non saranno in grado di gestire un afflusso di più pazienti.

Negli ultimi sette giorni, il numero di nuovi contagi è diminuito di circa il 24% rispetto alla settimana precedente. Sabato il tasso di infezione a 7 giorni è stato di 617. Per fare un confronto: in Austria, in sette giorni sono state registrate poco meno di 243,2 infezioni ogni 100.000 abitanti.

Londra dichiara disastro

Tuttavia, in Gran Bretagna, il numero di infezioni registrate con la variante Omikron è aumentato a passi da gigante. Secondo le autorità sanitarie, venerdì sera erano stati confermati 24.968 casi di Omicron. Sono 10.059 più o tre volte il numero di casi di 24 ore fa. La capitale britannica, Londra, sabato ha dichiarato un disastro a causa della rapida diffusione della variante Omikron.

Le misure internazionali per combattere il virus Corona sono state rafforzate

L’Europa è sempre più entusiasta della nuova alternativa al virus. Sempre più paesi stanno rispondendo alla rapida diffusione delle mutazioni con nuove misure.

Il sindaco Sadiq Khan ha giustificato l’aumento dei casi Omicron di grande preoccupazione. Secondo le stime degli esperti, la variante del virus rappresenta già oltre l’80% di tutti i nuovi casi di Covid 19 a Londra. La città ha causato il disastro all’inizio di gennaio. A quel tempo, il sistema sanitario era sull’orlo del collasso. Concretamente, ciò significa che sono in atto piani di emergenza speciali e che le unità coinvolte si stanno coordinando più da vicino.

Secondo il Guardian, nei primi ospedali di Londra, il personale sarà trasferito in unità di terapia intensiva e pronto soccorso. Hanno riaperto anche i centri vaccinali in alcune città britanniche – anche negli stadi o nei mercatini di Natale – dove è possibile farsi un’iniezione senza appuntamento.

La Francia offre base 2G in molti luoghi

Il governo francese vuole anche che la Francia intensifichi le procedure e introduca la regola 2-G in molti settori della vita pubblica. A tal fine, il passaporto sanitario necessario sarà convertito in anticipo in una tessera di vaccinazione, come annunciato dal primo ministro Jean Castix. Quindi un test negativo non sarà sufficiente. Solo coloro che hanno ricevuto una vaccinazione di richiamo o sono guariti riceveranno comunque un passaporto.

Dalla fine di gennaio, la vaccinazione di terze parti sarà obbligatoria anche per infermieri e vigili del fuoco in Francia. Il ministro della Salute Olivier Veran ha affermato sabato che la misura era necessaria alla luce della crescente prevalenza di omicroni. Con il Portogallo, anche la Francia sta lavorando per espandere le vaccinazioni contro il coronavirus per i bambini più piccoli. In Portogallo, i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni sono stati vaccinati da sabato; In Francia, da mercoledì inizieranno le vaccinazioni per i bambini.

La Svizzera decide di lavorare da casa

La Svizzera ha approvato venerdì regole più severe, incluso il ritorno al dovere di lavorare da casa. Inoltre, la regola 2-G si applica a molte istituzioni pubbliche, ha annunciato venerdì il Consiglio federale. In futuro, solo coloro che sono stati vaccinati e che sono guariti potranno accedere a ristoranti, strutture culturali, sportive e ricreative, nonché eventi al coperto. Solo dieci persone, compresi i bambini, sono ammesse agli incontri privati ​​se uno dei partecipanti non è stato vaccinato o guarito.

L’obiettivo principale di queste misure è prevenire l’infezione nelle persone non vaccinate. Secondo le autorità, queste persone trasmettono il virus più facilmente e hanno un rischio maggiore di sviluppare un decorso pericoloso della malattia. La stragrande maggioranza dei pazienti in terapia intensiva in Svizzera non è vaccinata.

L’Austria ha inasprito le regole di ingresso

A differenza dell’Austria, la Svizzera ha allentato i requisiti di ammissione. Mentre un test PCR è stato richiesto per entrare nel paese per le persone che sono state vaccinate dall’inizio di dicembre, dal 20 dicembre sarà sufficiente un test rapido dell’antigene, che è stato condotto al massimo 24 ore prima di attraversare il confine. Inoltre, le persone vaccinate e sfollate non devono più sottoporsi a un secondo test dopo quattro-sette giorni come prima. La norma resta in vigore solo per i non vaccinatori.

Da lunedì, l’Austria consentirà l’ingresso nel Paese solo ai viaggiatori con un certificato 2-G. Come annunciato dal Ministero della Salute, le persone vaccinate e convalescenti devono fornire la prova di una vaccinazione di richiamo o di un test PCR corrente al momento dell’ingresso. In caso contrario, devono essere posti in quarantena, che può essere interrotta solo con un test PCR negativo.

“Queste norme di ingresso più rigorose comportano grandi sfide, soprattutto per le persone che viaggiano all’estero durante le vacanze di Natale”, ha affermato il ministro della Sanità Wolfgang Mocstein (I Verdi). “In questo momento, tuttavia, è necessario contrastare la diffusione di Omikron in Austria”.

Anche la Germania prima delle restrizioni di viaggio

Anche la Germania deve inasprire le regole di ingresso. Secondo una decisione emessa sabato dai ministri della salute degli stati federali tedeschi, i viaggiatori di età pari o superiore a sei anni provenienti da paesi classificati come regioni a rischio di cambio di virus dovrebbero poter entrare nel paese solo se presentano un test PCR negativo. A tale scopo non è più consentito un test rapido dell’antigene.

Il presente regolamento si applica anche alle persone che si muovono esclusivamente in un aeroporto della Repubblica Federale, come continua. Il ministro della Sanità tedesco Karl Lauterbach ha accolto con favore la mossa. “Rendere l’ingresso più sicuro aiuta la variante Omikron a non diffondersi così rapidamente”, ha affermato Lauterbach. “Non possiamo impedire la diffusione, possiamo solo ritardarla”.

L’Italia sta valutando l’inasprimento

Anche l’Italia sta valutando ulteriori restrizioni. Il ministro della Salute italiano Andrea Costa ha annunciato sabato sera che il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi ha tenuto una riunione speciale giovedì durante la quale verranno rafforzate le misure per combattere il virus Corona. Al vaglio la reintroduzione dell’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. Alle persone che sono state vaccinate potrebbe essere richiesto di risultare negativo per eventi in locali chiusi come le discoteche. La vaccinazione obbligatoria può essere estesa ad altri gruppi professionali.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha ordinato alle regioni Marche, Liguria e Veneto e alla Provincia autonoma di Trento di rientrare nella cosiddetta zona gialla da lunedì. Soprattutto, le persone devono essere preparate a un cambiamento importante: indossare le mascherine all’aperto. Alto Adige, Calabria e Friuli-Venezia Giulia sono già in zona gialla. Roma decide di dividersi in diverse regioni a seconda del numero regionale di casi e dell’occupazione degli ospedali con pazienti Covid-19.