Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Oltralpe: i rifugiati tra Italia e Francia

Ci sono migliaia di persone che attraversano l’alta montagna ogni anno. E le loro vie di fuga stanno diventando sempre più ardite. Lavoro pericoloso per la vita, soprattutto di notte.

Gli sforzi su entrambi i lati del confine stanno aiutando i rifugiati ovunque possano. Tuttavia, non si vedono come aiutanti di fuga, ma piuttosto come soccorritori di chi è nel bisogno, come gli sforzi nel Mediterraneo.

Naturalmente, le autorità francesi la vedono in modo molto diverso. Si riferisce a loro Sicurezza delle frontiere dell’UE Davanti. Atteggiamenti dei rifugiati in cerca di asilo nel loro primo paese dell’UE. In quel caso in Italia.

Le restrizioni sono ancora più severe di prima. Inoltre, a causa dell’infezione da corona, si chiama. Le misure di sicurezza non impediranno ai rifugiati di attraversare le Alpi.

Fuga dall’alta montagna

Il punto di partenza per molti rifugiati diretti in Francia è la piccola città italiana di Olks. La cittadina italiana è circondata da un magnifico panorama montano. Dal turismo, agli ospiti dello sci invernale, agli escursionisti e ai ciclisti estivi.

Ma molte persone che non possono godersi il panorama montano o la natura vengono alla stazione ferroviaria di Olks, persone che vogliono continuare ad ogni costo. Rifugiati in viaggio verso la Francia.

Provengono dall’Africa occidentale e settentrionale, ma più recentemente provengono principalmente dall’Afghanistan e dall’Iraq. Per loro, gli Olks sono l’ultima tappa prima del confine. E la catena montuosa che si estende sul luogo è l’ultimo grande ostacolo.

“Ultimamente, stanno arrivando molte giovani famiglie. Donne incinte o donne che sono scappate e hanno dato alla luce il loro bambino, da qualche parte nei boschi. Stanno arrivando persone anziane, bambini, bambini”. Sylvia Masara

Sistemazione per pellegrini Sistemazione di emergenza

Sylvia Masara è in realtà un’insegnante di francese in un liceo locale, ma cambia ruolo ogni mercoledì. Successivamente lavora presso il Rifugio Oulx su base volontaria. I devoti hanno soggiornato qui al Camino de Santiago.

Oggi quella casa è un rifugio di emergenza a gestione privata per i rifugiati. Quello che Sylvia Masara deve vivere a volte – racconta – in mezzo all’Europa, è inimmaginabile anche dopo tanti anni di impegno.

“Hanno cicatrici, problemi alle dita dei piedi e non possono più camminare. Eppure è difficile convincerli a restare qui. Vogliono continuare nonostante il dolore. Spesso hanno un solo obiettivo: la Germania”. Sylvia Masara

La storia dei rifugiati ad Aulx inizia all’inizio del 2016. A quel tempo, c’erano milioni di immigrati in Europa. L’umore è cambiato per molto tempo. Molti valichi di frontiera sono rigorosamente monitorati e molti luoghi non vengono attraversati.

READ  Partita per il 3° posto: Italia - Belgio: TV & Live, Series, Shape Curve | UEFA Nations League

Si trova a Ventimiglia sul Mar Mediterraneo e sulla strada dall’Italia alla Francia. I rifugiati cercano altre rotte a nord attraverso le Alpi. A poco a poco la Valle di Susa sta diventando un nuovo punto di contatto. E il rifugio negli Olks.

“Diamo il benvenuto alle persone che vengono qui. Parlate con loro, cercate di capire la loro storia, i loro bisogni, cercate di aiutarli, dotateli di vestiti se non sono pronti per la montagna”. Sylvia Masara

Scarpe invece di infradito

Una piccola stanza buia al piano terra di Refukio, piena di scaffali e armadi fino all’ultimo centimetro: l’armadio. I rifugiati qui hanno scarpe e giacche, alcune delle quali altrimenti sarebbero salite in cima alle montagne con le pieghe e i pantaloncini. Anche in estate le temperature in alta montagna a volte scendono sotto lo zero di notte.

Davanti al negozio di abbigliamento si è formata una folla. Una dozzina di profughi vuole ancora dotarsi di vestiti nuovi. C’è anche una famiglia con alcuni giovani e due bambini piccoli. Leggermente lontana dal sentiero di base, una donna siede da sola al sole e osserva la folla.

“Voglio andare in Francia perché mi fa bene. Prima ero in Austria, prima ero in Croazia. Ho lasciato il mio paese sei anni fa. Sono stato in viaggio per sei anni”. Immigrato in un rifugio a Olks

Aiuto anche sul lato francese del confine

L’Olx si trova tra Torino sul versante italiano e Briancon sul versante francese. In mezzo alle Alpi. Questa rotta è popolare tra i rifugiati perché molti valichi di frontiera sono ora strettamente monitorati e non possono essere raggiunti. E alcuni passi alpini sono ancora più pericolosi.

READ  Aldi: cambiati i prodotti Italia - Il cliente si rammarica: "Inappropriato"

Tuttavia, ci sono sempre incidenti qui. Almeno cinque persone sono morte oltre confine dal 2016, e innumerevoli feriti e congelamenti. Per questo i volontari della parte francese si avviano ogni sera con i profughi in montagna per recarsi sani e salvi a valle per curare i feriti.

I rapinatori, come si definiscono i soccorritori volontari della montagna, conoscono la via d’uscita dalle montagne. Mentre molti gruppi salgono ogni notte il passo, altri rimangono nel villaggio e aspettano in auto affinché i profughi possano essere portati rapidamente a valle.

Il medico dell’organizzazione umanitaria Medicines to Monte – i medici del mondo – è presente tutte le sere. Guidano attraverso il giro della città per scoprire dove sta pattugliando la polizia.

Gioco del gatto e del topo tutte le sere

Si dice che la situazione al confine sia un mondo parallelo lontano dalle grandi città. Di conseguenza, ogni notte si svolge un ridicolo gioco del gatto e del topo tra le guardie di montagna e le guardie di frontiera dei Dus Migrants. Alcuni vogliono portare a valle sani e salvi i profughi stanchi, altri vogliono impedirlo. Una situazione inaccettabile per Agnes Antoine.

“Quello che sta succedendo qui a Montgenever è un mondo diverso. Un mio amico, un giornalista una volta ha detto: quando sono andato a fare il reportage a Montgenevre, mi sono sentito un corrispondente di guerra. Mi sento allo stesso modo. Quanti poliziotti, quanti soldati sono qui riuniti da soli.”

Il punto di partenza dell’operazione di salvataggio è Montgenovre, una stazione sciistica situata a 1900 metri direttamente sul confine. Gendermary e guardie di frontiera pattugliano qui ogni minuto. Vogliono trovare ed espellere i clandestini.

La polizia di frontiera francese è stata particolarmente importante negli ultimi mesi. Combattere ufficialmente il terrorismo e a causa dell’epidemia di corona. Ma è probabile che altri fattori giochino un ruolo: molti francesi preferiscono una politica di confine rigorosa.

READ  Italy Tour: Zero: Strong Pushman in Attack Mode - Behave Like This - Game

“Unità Rifugiati”

Chiunque abbia attraversato il confine dalla Francia e dalla valle fino a Bryan troverà sempre “Refuge Solitaire” – un rifugio di emergenza volontario nel centro della città. Da molti anni Mary-Daniel, 71 anni, si prende cura dei nuovi arrivati ​​su base volontaria.

“Quando i rifugiati vengono qui, spieghiamo loro che possono passare la notte qui, ci occupiamo del cibo, li consigliamo. Tuttavia, non possiamo pagare i biglietti di viaggio. Due anni. È più dei residenti di Brian”. Mary-Daniel, volontaria al Refugee Solitaire

Non esiste un rifugio di emergenza fornito dal governo per i rifugiati a Bryancon. La manutenzione completa e la consegna vengono eseguite da volontari. C’è il sostegno di molte persone, ma fa eco.

Dalle elezioni locali dello scorso anno, Brian è stato governato da un sindaco conservatore. Il rifugio è una spina nel fianco. I suoi piani per chiuderlo completamente sono finora falliti. La tempesta di rabbia è stata molto alta in tutto il paese.

La linea sottile del telaio

Il coinvolgimento dei soccorritori alpini non è illegale fintanto che si trovano sul suolo francese. Se attraversi il confine, se per caso, stai commettendo un crimine. In molti casi andando in tribunale, due prospettive si scontrano: gli attivisti affermano di non aver attraversato il confine.

La polizia la vede in modo diverso, ma non è stata in grado di presentare prove chiare. Eppure i tribunali a volte – anche se in misura minore – seguono le richieste della procura. Di conseguenza, i salvatori della montagna reagiscono con delusione a tali giudizi.

“Vogliamo aiutare. Ma puoi vedere chiaramente cosa viene fatto per umiliare le persone. Dobbiamo impedire loro di aiutare dando giudizi severi”. Dipat, Redentore della Montagna