Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Obbligo di notifica per le imprese: il ministero Hapec vuole ridurre drasticamente gli affari in Cina

Obbligo di notifica aziendale
Il ministero Hapec vuole ridurre drasticamente gli affari in Cina

Il ministero federale dell’Economia considera sempre più Pechino un concorrente piuttosto che un partner. Secondo un documento ministeriale, le società tedesche che commerciano con la Cina dovrebbero essere preparate alle restrizioni. Invece, dovrebbero aprire altri mercati di vendita.

Il ministero dell’Economia sta pianificando requisiti diffusi per le aziende tedesche che operano in Cina ed escludendo i fornitori di servizi dai paesi autoritari dalle infrastrutture critiche. In un documento di 104 pagine classificato come riservato dal ministero dell’Economia e messo a disposizione dell’agenzia di stampa Reuters, viene messo in discussione anche il passato sostegno del governo tedesco alle imprese tedesche in Cina. Le “Linee guida per la politica interna cinese” emanate il 24 novembre chiedono una significativa riduzione della dipendenza dalla Cina.

Almeno una separazione completa dal principale partner commerciale della Germania è respinta. Invece, le aziende tedesche dovrebbero ricevere maggiore assistenza nel fare affari con altri paesi, ad esempio attraverso garanzie governative sulle esportazioni. Il documento del ministero dell’Economia guidato da Robert Habeck sembra essere una critica al recente viaggio del cancelliere Olaf Scholz a Pechino con i vertici aziendali. Come raccomandazione all’azione, c’è un appello a “principalmente (mettere in discussione) gli aspetti politici dei progetti in Cina da parte di rappresentanti di alto rango del governo federale nei confronti della parte cinese”. Il sostegno dovrebbe essere concesso solo se “è dimostrata l’influenza positiva della Germania come sede”.

Per le aziende particolarmente attive in Cina, sono richiesti ampi obblighi di rendicontazione al governo federale in merito alla loro attività. Ha aggiunto che dovrebbe anche essere verificato “se, di conseguenza, debbano essere effettuati stress test regolari obbligatori o, ove necessario, stress test obbligatori”. Lo scenario di riferimento dovrebbe essere “una perdita simulata di affari o forniture dalla Cina”. Le conseguenze per le aziende non sono ancora chiare. Nel caso di tecnologie e infrastrutture critiche, il documento suggerisce di escludere “fornitori di prodotti finali, intermedi e primari provenienti da paesi terzi autocratici”. Ciò dovrebbe valere anche per i fornitori di servizi di altri paesi che utilizzano questi prodotti. I componenti IT sono forniti come esempio.

Paura dell’annessione da parte di Taiwan

Nei bandi per progetti europei di particolare importanza, ad esempio nel settore dei semiconduttori, è necessario verificare anche se possono essere escluse aziende di paesi terzi o alcuni componenti. Il ministero chiede anche una nuova revisione degli investimenti delle società tedesche in società cinesi se “appartengono ad aree di rilevanza per la sicurezza o a un complesso industriale militare o sono coinvolte in violazioni dei diritti umani”.

Lo sviluppo della Cina è descritto come molto problematico. Si notano violazioni dei diritti umani e il corso più restrittivo della politica interna. “Il fatto che il rapporto con la Cina si stia spostando sempre più nella direzione di una rivalità sistemica è dimostrato non da ultimo dalla posizione filo-russa della Cina sulla guerra di aggressione contro l’Ucraina”, afferma, riferendosi alla già citata trinità di Germania ed Europa Unione. , che vede la Cina come partner, concorrente e concorrente.

“La Cina si rifiuta di condannare la Russia per aver attaccato l’Ucraina, incolpa l’Occidente per la guerra e mantiene esplicitamente aperta l’opzione di annettere Taiwan”, ha affermato il giornale. È anche degno di nota il fatto che il presidente cinese Xi Jinping abbia indicato di voler integrare la Taiwan democratica, che è vista come una provincia separatista, durante la sua vita. Né ha escluso l’uso della forza. Gli autori sottolineano che l’anno 2027, il centesimo anno di fondazione dell’Esercito popolare di liberazione, è più volte citato come data chiave. A seguito di questo sviluppo, il Ministero dell’Economia vuole una soluzione parziale dalla Cina.

Anche il Dipartimento di Stato ha una strategia cinese

Il ragionamento è: “In una relazione bilaterale caratterizzata da una crescente concorrenza sistemica e crescenti tensioni geopolitiche, stretti legami economici con dipendenze isolate dalla Cina pongono rischi crescenti per la libertà politica di azione della Germania e dell’UE”. Pertanto la politica dovrebbe essere modificata “in modo tempestivo e deciso”. La grande importanza della Cina come mercato di vendita per un certo numero di settori industriali tedeschi e le dipendenze in alcune sfere economiche o tecnologiche sono viste in modo critico.

La tecnologia cinese è indicata nel settore mobile. La Germania potrebbe essere esposta al ricatto in caso di conflitto, che “potrebbe limitare la sua capacità politica di agire”. L’interesse primario rimane nello scambio economico con la Cina, tuttavia, “la separazione totale non è prevista”, afferma inoltre.

Il ministero degli Esteri tedesco ha già presentato la strategia cinese, che presenta una visione altrettanto critica del regime comunista di Pechino. Le carte del ministro degli Esteri Analina Berbock-Habik non sono ancora state coordinate all’interno del governo federale. C’è da aspettarsi soprattutto obiezioni da parte della Cancelleria, anche se il cancelliere Schultz sostiene esplicitamente la diversificazione e gli sforzi per diventare più indipendenti dalla Cina. Di recente, ci sono state divergenze tra la Cancelleria ei dipartimenti guidati da Green e FDP quando la compagnia di navigazione statale cinese Cosco è entrata in funzione presso un terminal nel porto di Amburgo.

READ  Afghanistan: I combattenti della Resistenza dicono che i talebani hanno subito pesanti perdite