Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nove mesi dopo l’orribile rottura: Woods “non è più un giocatore di golf professionista a tempo pieno”

Nove mesi dopo il terribile incidente
Woods “Non giocherò mai più a golf professionale”

A febbraio, Tiger Woods si è gravemente ferito alla gamba in un incidente d’auto e da allora la sua vita è stata tra un intervento chirurgico e la riabilitazione. Un suo video su un campo da golf fa sperare che i fan tornino. Ma lo stesso Woods ha dei dubbi sul suo ritorno in cima al mondo.

Nove mesi Dopo aver subito un grave incidente stradale, La superstar del golf Tiger Woods non crede più nel pieno ritorno del PGA Tour e nell’apice assoluto della qualità mondiale. Woods ha detto in uno Intervista a “Golf Digest”. Sceglierà diversi tornei e si preparerà per loro. “Penso che d’ora in poi dovrò giocare così. È una realtà sfortunata, ma è la mia realtà. Lo capisco e lo accetto”.

Il cinque volte vincitore del Masters ha confermato che non ha più bisogno di vincere tornei per vivere bene. Dopo la sua penultima operazione alla schiena, ha detto che “doveva scalare di nuovo l’Everest. Dovevo farlo e l’ho fatto”, con l’obiettivo di vincere il Campionato Master 2019. “Questa volta non ho più il mio corpo per scalare l’Everest e va bene”, ha detto Woods. Quando la gamba sta bene, può ancora giocare a golf e partecipare ai tornei.” “Ma quando si tratta di scalare di nuovo la montagna e arrivare in cima, non credo che sia un’aspettativa realistica di me.”

Il 45enne americano è uscito di strada a Los Angeles il 23 febbraio a causa dell’eccessiva velocità, è rotolato più volte e ha riportato una frattura complessa alla gamba. Ha detto che è stato ricoverato in ospedale per tre settimane e poi in un letto d’ospedale nella sua casa in Florida per altri tre mesi.

Proprio la scorsa settimana, Woods ha suscitato scalpore con un breve video clip che lo mostra mentre colpisce un campo da golf e alimenta le speranze di un ritorno. Ma ha detto che ha ancora molta strada da fare prima di riprendersi: “Non sono a metà strada”.

READ  Robbolding: Lesser e Dole perdono l'occasione di incoronare al poligono - sorprende David Zobel con il 10° posto