Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Notizie Ucraina: attacchi missilistici nell’area intorno a Odessa

DottIl nuovo comandante del comando operativo dell’esercito tedesco, Bernd Schütte, vede il pericolo maggiore di un’escalation militare con la Russia sul lato nord-orientale della NATO. “Ecco perché il punto di deterrenza affidabile in quest’area è così centrale per me. La presenza delle forze di terra qui gioca un ruolo centrale”, ha detto il generale. Ci sarà anche un maggiore addestramento per la difesa nazionale e la coalizione sotto il suo comando Schott: “Non abbiamo ancora addestrato questo tipo di guerra intensa qui. Le strutture e le procedure esistenti devono essere adattate”.

Il comando delle operazioni a Schwielowsee vicino a Potsdam gestisce le unità dell’esercito tedesco in dispiegamenti all’estero su questioni nazionali – come materiale, personale e questioni disciplinari – ma non operativamente. Durante operazioni come la Lituania – dove la Bundeswehr guida un gruppo multinazionale di combattimento della NATO (eFP) – i soldati tedeschi sono coinvolti anche nella pianificazione della difesa del Paese in questione. Dopo le minacce russe più tangibili nella disputa sul traffico di transito verso la regione russa del Mar Baltico a Kaliningrad, le preoccupazioni sono recentemente aumentate negli stati baltici.

Il Suwalki Gap, uno stretto legame terrestre tra gli stati baltici e altri paesi della NATO, è una debolezza geografica. Separa Kaliningrad dalla Bielorussia. “Nell’area di Suwalki Gap, questo è solo un breve salto e c’è un rischio relativamente alto circa la volontà e la capacità della NATO di difendersi. In quest’area puoi spostare le forze in modo relativamente rapido e quindi, ad esempio, puoi effettuare un primo attaccare usando forze aviotrasportate”, ha detto Schütte. Secondo la logica di Putin: potrebbe pensare che la Nato non verrà.

Il nuovo comandante del comando delle operazioni della Bundeswehr, il tenente generale Bernd Schut, nel suo ufficio a Schwielowsee vicino a Potsdam.

Fonte: dpa/Carsten Hoffmann

Questo è il motivo per cui la presenza e il rafforzamento delle forze NATO negli Stati baltici è così importante. “Questo è più di un semplice filo d’inciampo. Putin dovrà riflettere attentamente su come andrà a finire la reazione. Una deterrenza credibile è la chiave. “Secondo me, la credibilità è determinata da tre cose. Hanno un piano attuabile supportato da poteri e capacità appropriati. E dichiarare che sono pronti a usare queste forze. E non ondeggiare. Questo è ciò che mostrano ed è ciò che mostrano”.

Leggi anche

26 giugno 2022, Baviera, Elmau: il cancelliere Olaf Schulz (SPD) è al fianco del presidente degli Stati Uniti Joe Biden (a sinistra) all'inizio di un incontro bilaterale prima dell'inizio del vertice vero e proprio.  La Germania ospiterà il Vertice G7 delle democrazie economicamente forti dal 26 al 28 giugno 2022 a Schloss Elmau.  Il primo giorno del vertice si discuterà della situazione economica mondiale, della protezione del clima, della politica estera e di sicurezza e delle sanzioni contro la Russia.  Foto: Michael Kappeler / dpa +++ dpa picture radio +++

Ciò ha contribuito al fatto che non si potevano vedere i preparativi per un attacco sul territorio della NATO. “Una cosa è stata finalmente risolta: che si può fare senza preparazione. Nemmeno i russi possono farlo senza alcuna preparazione”.

Nel 2017 è stato creato in Lituania il gruppo di combattimento Bundeswehr eFP. “Naturalmente c’è un’altra dimensione in ciò che potrebbe contenere per noi. Poi abbiamo altre stanze, altri requisiti di coordinamento e dobbiamo esercitarci”, ha detto Schott.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49, paragrafo 1, lettera a), del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

8:13 – Russia vicina al default

La Russia si sta avvicinando al suo primo default in oltre 100 anni. Dopo la scadenza del periodo di rimborso e di grazia domenica sera, diversi investitori taiwanesi si sono lamentati di non aver ancora ricevuto il pagamento degli interessi concordato sui loro titoli di stato russi, hanno detto lunedì a Reuters due persone che hanno familiarità con la questione. Secondo le precedenti informazioni degli avvocati, non è chiaro se il termine per il pagamento dei creditori da parte del governo di Mosca non sia scaduto domenica, ma solo alla fine del primo giorno lavorativo successivo.

Domenica è la scadenza per il pagamento di 100 milioni di dollari di interessi su obbligazioni in valuta estera: 29 milioni di dollari per un titolo di Stato denominato in euro del 2036 e 71 milioni di dollari per un’obbligazione denominata in dollari con scadenza nel 2026. In effetti, la Russia avrebbe dovuto effettuare i pagamenti a maggio 27, ma non è successo. Quindi è iniziato il periodo di grazia di 30 giorni e ora è terminato. Poiché nel prospetto delle obbligazioni non è indicata una scadenza specifica, gli avvocati ritengono che la Russia avrà tempo fino alla fine di lunedì per servire i suoi creditori.

8:05 – Schulz non vuole far saltare in aria il G20

Il cancelliere Olaf Schultz ha espresso riserve sugli inviti a non recarsi al vertice del G20 in Indonesia a causa della possibilità che il presidente russo Vladimir Putin partecipi. Schulz di ARD afferma che una decisione sulla partecipazione verrà presa poco prima del vertice. Tuttavia, la cooperazione nell’ambito delle 20 principali nazioni industriali ed emergenti è importante, aggiunge, riferendosi alla presidenza indiana del G20 il prossimo anno. “Non dovremmo far trapelare il G-20”, afferma Schultz.

7:46 – L’esercito ucraino ha bloccato la caldaia intorno a Lysychansk

Secondo l’esercito ucraino, hanno respinto gli attacchi russi a ovest di Lysekhansk e quindi hanno impedito l’assedio della città strategicamente importante nell’Ucraina orientale. “Vicino a Verkhnyokamyanka, le forze di difesa hanno inflitto pesanti perdite al nemico e lo hanno costretto a ritirarsi”, ha affermato lunedì lo stato maggiore ucraino nel suo rapporto sulla situazione. Verkhnyokamyanka si trova a pochi chilometri a ovest di Lysychansk sull’ultima importante via di rifornimento per la città.

La stessa Lysichansk è stata ancora una volta bersaglio di attacchi aerei pesanti e artiglieria, secondo fonti ucraine. Le unità russe sono già alla periferia della città a sud. Colpite anche diverse periferie. Si dice che diverse migliaia di soldati ucraini siano di stanza in città.

07:11 – Generale Usa in pensione: gli attacchi a Kiev si riferiscono al G7

Nei recenti attacchi missilistici russi a Kiev, il generale statunitense in pensione Ben Hodges ha visto un segnale dal Cremlino al vertice del G7 a Schloss Elmau. La Russia dice: possiamo farlo tutto il giorno. “Voi ragazzi non siete in grado di fermarci”, ha detto Hodges, l’ex comandante delle forze statunitensi in Europa, in un’intervista telefonica con l’Associated Press. I russi insultano i leader dell’Occidente”.

5:30 – Zelenskyj vuole accelerare la consegna delle armi

In vista del collegamento video previsto per il vertice del G7 a Schloss Elmau in Baviera, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha nuovamente chiesto consegne di armi più rapide al suo paese. “Abbiamo bisogno di una forte difesa aerea, moderna e pienamente efficace”, ha detto lunedì sera nel suo discorso video quotidiano. Solo sabato, 62 missili russi sono atterrati nel suo Paese. Nel frattempo, la città di Lysichansk, nell’Ucraina orientale, rimane fortemente contesa.

Zelensky ha affermato che qualsiasi ritardo nelle consegne di armi all’Ucraina è un invito alla Russia per ulteriori scioperi. Zelensky ha affermato che i paesi del G7, che includono Germania, Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Francia, Italia e Giappone, hanno molto potenziale per “fermare l’aggressione russa contro l’Ucraina e l’Europa”. Ci sono già degli accordi. I partner devono muoversi più velocemente”.

5:11 – Attacchi missilistici nella regione di Odessa

Un missile ha colpito la regione di Odessa, nel sud dell’Ucraina, uccidendo sei persone. Lunedì, il comando di difesa dell’Ucraina meridionale ha affermato che il missile è stato lanciato da un bombardiere strategico russo Tu-22. Secondo le autorità, una delle vittime era un bambino. Dalle informazioni non è chiaro se le persone coinvolte siano state ferite o uccise.

“A causa della collisione in una zona residenziale di un insediamento civile, diverse case e fabbricati agricoli sono stati distrutti e dati alle fiamme in un’area di circa 500 metri quadrati”, ha aggiunto. I vigili del fuoco stanno ancora combattendo l’incendio.

In vista del collegamento video previsto per il vertice del G7 a Schloss Elmau in Baviera, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha nuovamente chiesto consegne di armi più rapide al suo paese. “Abbiamo bisogno di una forte difesa aerea, moderna e pienamente efficace”, ha detto lunedì sera nel suo discorso video quotidiano. Solo sabato, 62 missili russi sono atterrati nel suo Paese. Nel frattempo, la città di Lysichansk, nell’Ucraina orientale, rimane fortemente contesa.

Zelensky ha affermato che qualsiasi ritardo nelle consegne di armi all’Ucraina è un invito alla Russia per ulteriori scioperi. Zelensky ha affermato che i paesi del G7, che includono Germania, Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Francia, Italia e Giappone, hanno molto potenziale per “fermare l’aggressione russa contro l’Ucraina e l’Europa”. Ci sono già degli accordi. I partner devono muoversi più velocemente”.

23:09 – Von der Leyen: Putin non può più vincere la guerra

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è convinta che il presidente russo Vladimir Putin “non può più vincere questa guerra”. Ha anche affermato su ARD che la Russia deve subire una “sconfitta strategica”.

23:01 – L’appello di Zelensky alla Bielorussia: non essere trascinato in guerra

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha invitato il popolo della vicina Bielorussia a non essere coinvolto nella guerra di aggressione della Russia in Ucraina. “Il Cremlino ha già deciso tutto per te”, ha detto domenica nel suo discorso video serale, guardando Mosca. “Ma voi non siete schiavi dei cannoni. Non dovete morire.”

READ  Kadyrov incontra il ministro degli esteri di Erdogan