Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Notizie dall’Ucraina ++ Il generale statunitense stima che le perdite russe siano di 100.000 soldati ++

nastro dal vivo Guerra in Ucraina

Il generale americano stima che le perdite russe siano più di 100.000 soldati

È probabile che la Russia si ritiri da Chersun, in Ucraina

È probabile che i soldati russi si stiano ritirando dalla regione di Cherson, nell’Ucraina meridionale. Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha ordinato la pulizia della riva destra del fiume Dnipro. L’Ucraina è ancora scettica.

Secondo le stime dell’esercito americano, più di 100.000 soldati russi potrebbero essere stati uccisi o feriti nella guerra in Ucraina, anche da parte ucraina. Amnesty International ha riferito che l’elenco dei crimini di guerra russi è “in crescita”. Altro nel live streaming.

ioSecondo le stime militari statunitensi, la guerra tra Russia e Ucraina ha subito perdite significative da entrambe le parti. “Ha a che fare con più di 100.000 soldati russi uccisi e feriti”, ha detto mercoledì il generale Mark Milley. Lo stesso vale “molto probabilmente dalla parte ucraina”. I numeri sono i più accurati che gli Stati Uniti abbiano rilasciato fino ad oggi. Tuttavia, non può essere verificato in modo indipendente.

Milley ha anche promosso colloqui per porre fine alla guerra. Il generale degli Stati Uniti ha affermato che è probabile che né l’Ucraina né la Russia sarebbero in grado di vincere militarmente. Quindi è necessario cercare “altri mezzi”.

Mosca ha ordinato mercoledì il ritiro dei soldati russi dalla città strategicamente importante di Cherson, nell’Ucraina meridionale e da parti della regione omonima. Tuttavia, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha risposto con cautela e ha ritenuto improbabile che l’esercito russo avrebbe lasciato la città senza combattere.

Soldato ucraino spara contro una postazione russa vicino a Bakhmut

Fonte: AFP/BULENT KILIC

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel nastro della trasmissione in diretta:

4:24 – Governo indonesiano: il presidente del Cremlino Putin non si recherà al vertice del G20

Il presidente russo Vladimir Putin non parteciperà al vertice dei 20 più importanti paesi industrializzati ed emergenti a Bali. Lo ha annunciato il capo del ministero incaricato del coordinamento del vertice, Luhut Bensar Pandjaitan, ai giornalisti a Denpasar. Al meeting di alto livello, che inizierà il prossimo 15 novembre, dovrebbe invece partecipare una delegazione russa guidata dal ministro degli Esteri Sergei Lavrov. Panjitan ha affermato che il governo indonesiano rispetta la decisione della leadership russa, che lo stesso Putin ha chiarito in un’amichevole conversazione telefonica con il presidente Joko Widodo.

Tra le altre cose, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il presidente cinese Xi Jinping e altri capi di stato e di governo vogliono partecipare ai due giorni del vertice del G-20. Biden aveva già escluso in anticipo un incontro diretto con Putin e ha affermato che un’ipotetica conversazione con il capo del Cremlino a Bali riguarderebbe solo un accordo per liberare gli americani imprigionati in Russia.

02:08 – Amnesty International afferma che le forze russe rapiscono due cittadini ucraini

Secondo Amnesty International, negli ultimi mesi i soldati russi hanno rapito civili ucraini. Sono stati portati in Russia o ulteriormente nelle aree controllate dalla Russia. Secondo un rapporto dell’organizzazione per i diritti umani, i bambini sono stati separati dalle loro famiglie. Ci sono anche casi di arresti arbitrari, torture e altri maltrattamenti. Tutto ciò indica una politica russa deliberata e sistematica, che fa parte di un attacco a tutto campo contro i civili.

Per il rapporto, l’organizzazione ha intervistato 88 civili delle regioni di Kharkiv, Luhansk, Kherson e Zaporizhia. La maggior parte degli intervistati, in particolare da Mariupol, ha descritto situazioni coercitive in cui non avevano altra scelta che andare in Russia o in altri territori controllati dalla Russia. Secondo Amnesty, questi sono crimini di guerra. Il diritto internazionale vieta le deportazioni forzate individuali e collettive di persone protette, come i civili, dal territorio occupato.

“L’elenco dei crimini di guerra commessi dalle forze russe in Ucraina è in continua crescita”, ha affermato Janine Olmansik di Amnesty International. Dall’inizio della guerra di aggressione russa, che di per sé costituisce un crimine ai sensi del diritto internazionale, le forze russe hanno attaccato indiscriminatamente aree residenziali, utilizzato munizioni a grappolo proibite e ucciso civili presi di mira. Olmansik ha chiesto alla Russia di fermare immediatamente i rapimenti dai territori occupati e di rilasciare le persone colpite. I responsabili devono essere ritenuti responsabili.

21:35 – Attacco russo a Kryvyi Rih con bombe a cassetta

Questa sera gli attacchi russi hanno colpito la città di Kryvyi Rih, nel sud dell’Ucraina. Secondo l’amministrazione militare ucraina, diverse bombe con munizioni a grappolo sono state utilizzate da lanciarazzi russi. I residenti sono stati invitati a prestare particolare attenzione a non far esplodere piccole bombe a botte.

19:21 – Putin emana decreto contro la ‘propaganda gay’

Il presidente russo Vladimir Putin ha emesso un decreto per difendere il Paese dalle minacce di altri Paesi e dalla “propaganda gay”. Il decreto, firmato mercoledì dal capo del Cremlino, sottolinea l’importanza dei “valori tradizionali come base della società russa”. Mosca deve prendere “misure urgenti” per scongiurare le minacce provenienti da organizzazioni terroristiche e “alcuni media”, così come dagli Stati Uniti e da “altri paesi stranieri ostili”.

19:03 – Wadfull: il ritiro mostra la debolezza della Russia

Il capo del blocco parlamentare dell’UE, Johann Wadful, ha descritto l’annuncio di Mosca della sua intenzione di ritirarsi dalla capitale regionale ucraina Chersun come un “drammatico riconoscimento della debolezza della Russia”. Ciò dimostra che l’annunciata campagna di reclutamento russa non sta funzionando, ha detto a dpa l’esperto di affari esteri della CDU. Wadfull ha predetto che “questo declino porterà a crepe nella leadership russa”. Lo slancio è ancora dalla parte dell’Ucraina e ha possibilità di rioccupare le terre occupate dalla Russia. “Ma per farlo dobbiamo finalmente sostenerli più velocemente e in modo più sostanziale. È qui che entra in gioco il governo federale”, ha avvertito il politico della CDU.

Leggi anche

Il successo del suo lavoro segreto: Yuri Shkoda davanti a un carro armato russo distrutto

Tifosi in Ucraina

READ  Joe Biden Democratici difendono la maggioranza al Senato