Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nino D’Angelo non beve più alcolici – cantanti fuori dal bar – gente

Un vero long drink…

Non ha più bisogno di bevande e farmaci per il suo benessere: Nino d’Angelo (58, “Oltre l’Eden”) ha smesso di bere alcolici cinque mesi fa, dopo 40 anni di alcolismo.

Cantante a BILD: “Ho fatto tutto da solo e non è stato difficile per me. È una questione di pura volontà. Non voglio fallire il successo che mi è permesso raggiungere di nuovo e mantenere la testa chiara”.


Nino D’Angelo e la sua ragazza Simone sono una coppia da quattro anniFoto: ninothevoicedeangelo / Instagram

Nino ha avuto una violenta caduta mentre era ubriaco nella sua vita, che gli è quasi costata la vita. A volte era anche dipendente da droghe (cocaina). I suoi eccessi a un certo punto sono cessati, ma le conseguenze sulla salute (tre trasgressioni) sono rimaste.

Nino ha trovato una vita tranquilla con la sua ragazza Simon (45 anni) in Algovia. Torna anche il successo professionale, il suo album “Gesegnet und ver cursed” raggiunge la posizione d’oro e rimane in classifica per un anno.


Nino D'Angelo è diventato famoso nel 1983 con la sua canzone

Nino D’Angelo è diventato famoso nel 1983 con la sua canzone “Jenseits von Eden”.Foto: imago/Archivi Uniti

Nino: “Non voglio ripercorrere i miei fallimenti. Perché spesso prendevo alcol per ringraziarlo”.

Quand’è stata l’ultima volta che Nino ha bevuto alcol?

“Era il giorno del mio compleanno, il 18 dicembre 2021. Il mio ultimo drink è durato quattro giorni. Un long drink, per così dire. Ero troppo grande ma avrebbe dovuto essere allora. Voglio solo uscire da questo cerchio. “

È davvero così facile per lui?

“Oh beh. A volte, quando ritiro la carta dei vini in un ristorante, inizio davvero a CRY perché non posso e non voglio ordinare nulla da esso. Ma neanche la birra analcolica ha un cattivo sapore. “

READ  HEN-AG: Che si tratti di energia elettrica o di combustione, la tecnologia dei veicoli scorre nel sangue degli Svevi