Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

‘Niente è fuori discussione’: gli Stati Uniti considerano possibile l’embargo petrolifero

“Niente è fuori discussione.”
Gli Stati Uniti d’America ritengono possibile un divieto alle importazioni di petrolio

Dopo l’attacco russo all’Ucraina, sono state ripetute le richieste di sanzioni energetiche negli Stati Uniti. Perché i paesi continuano a ricevere petrolio dalla Russia. Il presidente degli Stati Uniti Biden non può più escludere questa opzione.

In risposta all’attacco della Russia all’Ucraina, il governo degli Stati Uniti non ha escluso esplicitamente un divieto all’importazione di petrolio russo. Alla domanda su queste sanzioni energetiche dopo i colloqui a Bruxelles, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha detto: “Niente è fuori discussione”. Ogni giorno, vengono rivalutate le modalità di attuazione delle sanzioni precedenti e i possibili passaggi aggiuntivi. Gli Stati Uniti e i suoi partner hanno già imposto molte sanzioni e misure punitive che molti non credevano possibili solo poche settimane fa.

Quando gli è stato chiesto mercoledì se il suo governo stesse considerando un divieto alle importazioni di petrolio russo come parte delle misure punitive contro Mosca, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha risposto: “Non c’è nulla sul tavolo”. “Stiamo attualmente valutando le opzioni per ridurre il nostro uso di energia russa, ma siamo molto desiderosi di ridurre al minimo l’impatto sulle famiglie”, ha detto a Washington la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki. Tuttavia, va tenuto presente che se l’offerta nel mercato mondiale diminuisce, i prezzi del gas e del petrolio aumenteranno. Biden ha questo in mente. L’obiettivo è ridurre al minimo gli effetti delle sanzioni imposte alla Russia sugli americani.

Cecilia Ross, presidente del Consiglio dei consulenti economici della Camera del governo degli Stati Uniti, ha affermato che gli Stati Uniti non importano molto petrolio russo. Ma si stanno esplorando modi per ridurre il consumo statunitense di energia russa. Alla fine dello scorso anno, secondo le autorità americane, la Russia era il quarto Paese più importante per importazioni di greggio e prodotti petroliferi, dopo Canada, Messico e Arabia Saudita. Le importazioni dalla Russia rappresentavano quasi il 5% di tutte le importazioni statunitensi in questa categoria.

READ  Joe Biden accusa la Russia di genocidio in Ucraina