Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Neymar “avversario” arrabbiato finale: l’ultima possibilità di Messi per vincere il grande titoloقب

Furious Finals, “Jegner” Neymar
L’ultima possibilità di Messi di vincere il grande titolo

All’ombra dell’Europeo, sabato la Copa América realizza il suo ultimo sogno. Il duello tra le superstar Neymar e Messi sul prato ombroso del Maracanà è solo uno dei tanti momenti drammatici. Riuscirà l’Argentina a suggellare la carriera “in trasferta” del calciatore mondiale contro il Brasile?

La ‘finale mondiale’ si svolgerà sabato al Maracana, non un giorno dopo gli Europei allo stadio di Wembley. La rivista calcistica argentina Ole è stata fantastica nell’annuncio della Gran Finale di Copa America contro il Brasile, paese ospitante. Perché è probabilmente l’ultimo tentativo realistico di Lionel Messi di vincere un grande titolo con il gaucho.

Dopo un anno di ritardo a causa di Covid-19, con un rapido trasferimento in Brasile 13 giorni prima del calcio d’inizio, è stato inizialmente politicizzato dal governo del presidente populista di destra Jair Bolsonaro e ferocemente criticato in patria e all’estero, nel corso del continente. L’epidemia di Corona è ancora urgente Epidemia di Corona, il campionato sudamericano di domenica sera (2am CET), la finale dei suoi sogni

Riuscirà l’Argentina, che ha recentemente vinto il Mondiale 1986 e la Copa America 1993, a riconquistare un trofeo importante dopo 28 anni? Sei volte calciatore mondiale, vincitore della Champions League, eroe nazionale e vincitore di coppe con l’FC Barcelona, ​​Messi aveva ormai 34 anni dopo i Mondiali Under 20 del 2005 e l’oro olimpico nel 2008 finalmente festeggiato sul grande palcoscenico in una veste bianca jersey Con righe azzurre?

“Da un’altra galassia”

Nella sua città natale, Rosario, per alcuni giorni è stato posto un grande tributo sul muro di una casa – con la scritta: “Da un’altra galassia e dal mio quartiere”. Con quattro valide e cinque assist, l’80 percento dei gol del torneo argentino, ha festeggiato “lontano da terra” dopo il suo drammatico rigore in semifinale contro la Colombia come qualcuno del popolo: ballando, sorridendo, senza un’atmosfera stellata.

Il contendente è il Brasile, il campione in carica che finora ha vinto tutti e cinque i campionati cubani sul suo suolo. E Neymar “Spacey” di quattro anni insieme all’FC Barcelona. L’attaccante del Paris Saint-Germain ha portato la Seleção in finale con due gol e tre assist, vincendo già la Confederation Cup 2013 e la finale olimpica 2016 contro la Germania al Maracanà.

Neymar ha reso molto omaggio a Messi prima della finale. “Ho sempre detto che Messi è il miglior giocatore che abbia visto giocare. È un mio grande amico. Ma ora siamo in finale, ora siamo avversari. E io voglio vincere. Sarà così. Per me finalmente il primo titolo”, ha detto Neymar.

Dopo aver perso le finali di coppa nel 2007, 2015 e 2016 così come lo shock dei Mondiali contro la Germania nel Maracanã 2014, Messi sembrava sotto il peso della coppa precedente, con un solo gol nel torneo e rosso al terzo posto match (2) -1 contro il Cile) per tirare fuori il gaucho dalla serie di sconfitte Salti consecutivi sullo stesso livello con il campione del mondo 86 Diego Maradona, a fallire.

Messi ora ha una nuova possibilità, davanti agli occhi del presidente della FIFA Gianni Infantino, che ha lasciato il Congresso CONCACAF a Miami, USA, prima di recarsi alla finale del Campionato Europeo tra Inghilterra e Italia. Senza il controverso Bolsonaro, che due anni fa si trovava con il trofeo.

Il Maracana Park è stato sostituito dal 40% negli ultimi giorni. Il tappeto è stato posato per la Grand Final tra Neymar e Messi, tra Brasile e Argentina, l’ultimo vincitore nel 1998 contro A Seleção in questo luogo misterioso.

READ  L'amara fine di una favola: la retrocessione del Parma - Serie A