Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Nel mezzo della Via Lattea: forti campi magnetici sono stati rilevati attorno al buco nero

Nel mezzo della Via Lattea: forti campi magnetici sono stati rilevati attorno al buco nero

Nel mezzo della Via Lattea
Rilevamento di forti campi magnetici attorno al buco nero

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Utilizzando l'Event Horizon Telescope, i ricercatori possono individuare uno speciale campo magnetico situato al centro della Via Lattea. Questa scoperta fornisce dettagli importanti sulla fisica dei buchi neri e ricorda M87.

Un campo magnetico potente e organizzato viene emesso dal grande buco nero al centro della nostra Via Lattea. Lo dimostrano le osservazioni effettuate dall'Event Horizon Telescope (EHT), una rete di otto sistemi di radiotelescopi distribuiti in tutto il mondo. La struttura di questo campo magnetico è sorprendentemente simile alla struttura del buco nero supermassiccio nella galassia M87, hanno affermato gli scienziati del team EHT nel loro rapporto. Due articoli Nel Lettere del diario astrofisico.

“Osservando la radiazione polarizzata del gas caldo e incandescente attorno ai buchi neri, possiamo determinare la struttura e l'intensità del campo magnetico lì”, afferma Angelo Ricarte del Centro di astrofisica di Harvard-Smithsonian negli Stati Uniti, uno scienziato senior dell'Harvard -Centro Smithsonian per l'Astrofisica negli Stati Uniti. “. Collaborazione EHT. La luce e le radiazioni radio sono oscillazioni dei campi elettrici e magnetici. Nel caso della radiazione polarizzata, questi campi non oscillano in modo casuale, ma in una direzione specifica e fissa.

Somiglianze con il buco nero di M87

La radiazione radio misurata dagli astronomi è causata dal movimento di particelle caricate elettricamente. I campi magnetici influenzano questo movimento e quindi un campo magnetico strutturato produce una radiazione polarizzata. “Dalla radiazione possiamo quindi vedere che c'è un forte campo magnetico vicino al buco nero al centro della Via Lattea”, afferma Sarah Isson dell'EHT, anche lei dell'Harvard-Smithsonian Center for Astrofisica. “Vediamo anche che questo campo magnetico è simile a quello del buco nero più massiccio di M87”.

Il buco nero nel cuore della Via Lattea, che gli astronomi chiamano Sagittarius A*, si trova a 27.000 anni luce dalla Terra e contiene circa quattro milioni di volte la massa del Sole. Al contrario, il buco nero al centro della galassia M87, distante 55 milioni di anni luce, contiene 6,6 miliardi di masse solari. “I campi magnetici forti e ordinati – indipendentemente dalla loro massa – sembrano essere una caratteristica dei buchi neri”, ha concluso Mariafelicia De Laurentiis dell’Università di Napoli in Italia.

Si presume che i campi magnetici regolino il flusso di gas dall'ambiente circostante al buco nero. Inoltre, non tutto il gas che fluisce verso il buco nero vi cade effettivamente. Una parte del gas viene deviata dal campo magnetico, si raccoglie in uno stretto flusso di materia e viene proiettata nello spazio per migliaia di anni luce. Gli astronomi vedono tali “getti” in molti buchi neri supermassicci in galassie lontane, inclusa M87.

Sagittarius A* è di nuovo sotto sorveglianza

Tuttavia, i ricercatori non sono ancora riusciti a rilevare alcun flusso di materia nel buco nero centrale della nostra Via Lattea. Ma la somiglianza tra i campi magnetici in M87 e Sagittarius A* suggerisce che tali flussi esistano anche qui, dice De Laurentiis: “Dobbiamo solo trovarli”. Ciò potrebbe accadere presto, poiché l’EHT osserverà nuovamente Sagittarius A* ad aprile.

Le osservazioni stanno migliorando utilizzando la rete globale di telescopi: nuovi telescopi vengono aggiunti e i miglioramenti nella tecnologia rendono possibile coprire una gamma più ampia di frequenze e aumentare la sensibilità dei ricevitori. “Osservando la radiazione polarizzata, possiamo imparare moltissimo sulla fisica dei buchi neri, sulle proprietà del gas nell’ambiente e sul modo in cui fluisce nel buco nero”, afferma Rickart.

READ  La KFA2 GeForce RTX 4070 Ti Super EX Gamer parte da € 949