Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Myanmar: Consiglio militare giustizia quattro dissidenti

Stato: 25/07/2022 10:06

Per la prima volta dal 1990, i generali in Myanmar hanno giustiziato quattro persone che hanno combattuto per la democrazia nel paese per decenni. Secondo gli attivisti per i diritti umani, le loro famiglie non hanno saputo delle esecuzioni fino a dopo che sono state eseguite.

Nonostante le proteste internazionali, la giunta militare del Myanmar ha eseguito condanne a morte per la prima volta dopo decenni. Quattro dissidenti condannati sono stati giustiziati a gennaio, tra cui l’ex parlamentare e artista hip-hop Phyo Zia Tho, 41 anni, e l’eminente attivista democratico Kyaw Min Yu, 53 anni, noto anche come Jimmy. Lo riporta il quotidiano statale Global New Light of Myanmar.

Sono stati condannati per aver contribuito a compiere “atti terroristici disumani”.

Attivista e artista hip-hop Phyo Zeya Thaw davanti al Parlamento a Naypyidaw (foto d’archivio del 2015)

Foto: A.P

L’attivista Phyo Zeya Thaw si batte per maggiori diritti democratici dal 1988 ed è in prigione da più di 20 anni. Dopo essersi fatto un nome per la prima volta come cantante hip-hop, in seguito è entrato in politica ed è diventato uno stretto alleato di Suu Kyi.

Human Rights Watch: “Velocità scioccante”

Si tratta delle prime esecuzioni eseguite nella nazione del sud-est asiatico in crisi dal 1990. “La sorprendente velocità con cui sono state eseguite le condanne a morte e la crudeltà con cui sono state eseguite sono state esacerbate dal fatto che Mani Maung di Human Rights Watch ha raccontato l’agenzia di stampa. Tedesco (Dpa) Le famiglie – proprio come noi – hanno saputo della morte dei loro parenti in seguito e solo attraverso i media”. Ha invitato la comunità internazionale ad agire con urgenza contro il governo militare.

READ  Un riferimento agli immigrati clandestini: l'Arizona fa causa alle regole di vaccinazione di Biden

Eileen Pearson, direttrice asiatica di Human Rights Watch, lo ha definito un “lavoro crudele”. Con questa barbarie, il consiglio militare mira a mettere a tacere il movimento di protesta anti-golpe. Gli Stati membri dell’Ue, gli Usa e altri governi dovrebbero immediatamente dire al consiglio militare che “ci sono conseguenze per le atrocità che ha commesso”.

Il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Myanmar, Tom Andrews, ha twittato di essere rimasto “scioccato” dalla notizia: “Gli Stati membri delle Nazioni Unite devono onorare la propria vita facendo di questo atto atroce un punto di svolta nella risposta del mondo a questa crisi”.

Già a giugno, dopo che i condannati avevano perso l’appello, gli esperti dell’Onu avvertivano: “Queste condanne a morte, emesse da un tribunale illegale della giunta illegittima, sono un tentativo oltraggioso di intimidire il popolo del Myanmar”. Una fonte vicina alle famiglie ha detto al dpa che gli uomini sono stati impiccati domenica mattina.

I media locali e le fonti vicine alle famiglie hanno riferito che a Phew Xia Tho e Kyaw Min Yu è stato permesso di rivedere le loro famiglie tramite zoom alcuni giorni fa. “Vorremmo che le condanne non venissero eseguite, è terribile”, ha detto una donna vicina alla famiglia di Kyaw Min Yu. “Le famiglie pensavano di essere al sicuro per un po’ di tempo”.

Il Paese precipita nel caos e nella violenza

I generali hanno organizzato un colpo di stato nel febbraio 2021 e de facto hanno rovesciato il primo ministro Aung San Suu Kyi (77). Da allora, l’ex Birmania è sprofondata nel caos e nella violenza.

Numerosi procedimenti sono pendenti contro il premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi per presunti crimini. Un mese fa è stata trasferita dagli arresti domiciliari al carcere.