Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Missili russi minacciano l’Unione europea: l’Europa ha bisogno del suo deterrente nucleare?

Per dissuadere la Russia da un attacco nucleare, paesi europei come la Germania si affidano agli Stati Uniti. Il presidente degli Stati Uniti assume il comando delle armi nucleari della NATO. Berlino dovrebbe accettare l’offerta di Parigi di creare il proprio scudo nucleare nell’Unione europea?

Il comune di Buchel è incastonato tra le montagne alberate dell’Eifel e il pittoresco paesaggio della valle della Mosella, da qui è possibile esplorare la regione vinicola durante le escursioni. Tuttavia, il villaggio non è necessariamente conosciuto come casa per le vacanze. Buchel è l’unico sito in Germania dove la NATO immagazzina bombe atomiche. Probabilmente quasi nessuno vuole immaginare esattamente cosa sarebbe successo prima che si accendessero. Ma il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affrontato esattamente questa domanda durante la sua campagna elettorale del 2020.

All’interno della NATO, gli Stati Uniti svolgono il ruolo di proteggere l’energia nucleare di paesi come la Germania che non dispongono di un proprio arsenale nucleare. La decisione su quando far esplodere un’arma nucleare Bushel spetta all’attuale presidente degli Stati Uniti. La Germania ha solo un veto qui. Biden all’epoca disse che, se eletto, avrebbe voluto cambiare la strategia della Nato: gli Stati Uniti risponderebbero solo con un contrattacco nucleare in caso di attacco nucleare ai suoi alleati, ma non, come precedentemente garantito, dopo un grave attacco. Attacca con armi convenzionali.

Biden non ha implementato l’idea dopo la sua elezione. Dal momento che il presidente russo Vladimir Putin ha minacciato pubblicamente attacchi nucleari all’inizio della guerra in Ucraina, Biden e i suoi partner occidentali devono continuare a dimostrare la loro forza con un potenziale scenario di deterrenza. Ma l’annuncio pre-elettorale di Biden mette in evidenza la misura in cui le nazioni europee fanno affidamento sugli Stati Uniti per scoraggiare efficacemente la Russia dalla proliferazione nucleare.

Merz vede la capacità nucleare come “assicurazione sulla vita”

Questa dipendenza dal Pentagono desta preoccupazione in Germania, soprattutto per la Cdu, anche con l’obiettivo di una possibile rielezione del dichiarato rivale di Donald Trump alla Nato entro due anni. Thorsten Frey, amministratore delegato della fazione dell’Unione al Bundestag, ha chiesto a fine maggio. posta ospite Per FAZ, l’Europa deve essere pronta a “pensare l’impensabile”. Deve “trovare una risposta alla domanda su come, se necessario, possa affermarsi senza il grande alleato in Occidente”. Frey vede l’unico modo per arrivarci nell'”Europa del nucleare francese”.

Eckhard Löppkemer era l’ambasciatore della Germania in Irlanda e negli Emirati Arabi Uniti. Attualmente sta facendo ricerca per la Science and Policy Foundation sulle crisi nell’Unione Europea.

(Foto: Eckhard Luebkemer/Fondazione per la scienza e la politica)

“La capacità nucleare europea è l’assicurazione delle nostre vite”, afferma Frederic Merz, leader dell’Unione Cristiano Democratica. I due politici dell’UE sottolineano un’offerta che Emmanuel Macron ha fatto anni fa ad altri membri dell’UE: i paesi dovrebbero condurre un dialogo strategico sul ruolo della deterrenza nucleare francese nel raggiungimento della sicurezza comune. Il presidente francese ha ripetuto la sua offerta all’inizio del 2022, prima dell’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina. Ma la risposta del governo è ancora in sospeso.

READ  Il Partito dei Verdi prende le distanze dalle critiche di Hofriter a Schultz

Eckhard Luebkemer, che ricerca le crisi nell’Unione europea per la Fondazione per la scienza e la politica, sostiene anche che Berlino dovrebbe finalmente cercare un dialogo con Parigi. Gli europei possono considerarsi fortunati a beneficiare delle garanzie di sicurezza degli Stati Uniti, dice a ntv.de. Tuttavia, non dovrebbero perdere di vista il fatto che si tratta di un fattore deterrente che non è radicato nella stessa Unione europea.

Il Presidente degli Stati Uniti deve innanzitutto proteggere il suo Paese

“La questione centrale nella deterrenza nucleare, che non serve all’autoprotezione di chi possiede armi nucleari, è: quanto è credibile la promessa di protezione, sia per i suoi alleati che per il potenziale avversario, cioè per la persona da scoraggiare ?” afferma Lübkemeier. Dopotutto, devi metterti nei panni del Presidente degli Stati Uniti. Se accade l’inimmaginabile prima, il suo primo compito è difendere il suo popolo dalla minaccia nucleare. Ciò porta quindi alla domanda se, in casi estremi, gli americani siano disposti a rischiare la loro presenza per proteggere gli europei.

Lubkemeer ha lavorato presso il Dipartimento europeo della Cancelleria federale prima di diventare ambasciatore tedesco in Irlanda e negli Emirati Arabi Uniti. Per il suo dottorato, poco prima della fine della Guerra Fredda, ha affrontato i dilemmi della cosiddetta deterrenza estesa, ovvero la promessa degli Stati Uniti di fornire protezione nucleare alla Germania e agli altri alleati della NATO. “Purtroppo, molte delle domande di cui mi occupavo in quel momento ora mi vengono poste di nuovo”, dice. In uno studio pubblicato nel 2020, Lübkemeier spiega i problemi con questa deterrenza estesa.

Gli Stati Uniti hanno chiesto una maggiore indipendenza difensiva dagli europei, e non solo dall’elezione di Trump. Dalla caduta della cortina di ferro, il fulcro della loro politica estera si è gradualmente spostato dalla sicurezza europea alla difesa contro la Cina, che afferma di svolgere un ruolo di primo piano sulla scena mondiale. Anche i presidenti degli Stati Uniti hanno subito pressioni da parte delle forze politiche interne, afferma Loebkmayer: “In futuro, sarà difficile dire agli americani che la ricca Europa non può garantire la propria sicurezza”. Anche per questo, gli Stati Uniti incoraggiano i loro alleati a fornire alla NATO il 2% del loro prodotto fondiario lordo.

READ  Forti temporali: decine di morti per tornado negli Stati Uniti

Il Cremlino ha investito molti soldi in moderne armi nucleari

L’allora cancelliera Angela Merkel ha dichiarato nel maggio 2017: “Sono finiti i tempi in cui potevamo fare affidamento sugli altri”. Se prende sul serio questa frase, inevitabilmente giunge alla conclusione che l’UE dovrebbe sviluppare la propria politica di sicurezza, afferma Lubkemeer. Alla fine, la sovranità politica di uno Stato si basa anche sulla capacità di difendersi.

Con la concentrazione delle sue armi, il Cremlino minaccia direttamente le terre europee. “I missili che la Russia ha installato a Kaliningrad potrebbero essere dotati di armi nucleari e raggiungere Berlino”, afferma Loebkmayer. La paura che la guerra in Ucraina si diffonda in Europa è già diffusa tra i tedeschi sondaggio Presentazioni effettuate dall’Opinion Research Institute “Forsa” alla fine di giugno di quest’anno. Di conseguenza, più della metà della popolazione teme che il conflitto possa portare alla terza guerra mondiale.

Secondo la NATO, negli ultimi decenni la Russia ha investito molti soldi nell’espansione del suo arsenale nucleare, mentre la stessa NATO ha iniziato a modernizzarsi solo pochi anni fa. Il Cremlino si sta concentrando sullo sviluppo di nuovi tipi di sistemi missilistici, Dice Jessica Cox, Direttore della politica nucleare presso la NATO. I missili ipersonici russi sono particolarmente pericolosi perché “volano a velocità estremamente elevate e ad altitudini relativamente basse e sono manovrabili in volo”. Questi tratti rendevano quasi impossibile difendersi da loro. Quindi la NATO dovrebbe “rivedere assolutamente le sue capacità alla luce dei nuovi sistemi russi”, chiede Cox. Dal loro punto di vista, questi sviluppi dimostrano che la deterrenza nucleare è di importanza esistenziale per i partner della NATO, anche se l’alleanza per la difesa ha sostenuto la promozione del disarmo nucleare in tutto il mondo.

READ  Cina: isolamento di Harter a Xian

La difesa richiede l’integrazione europea

La NATO mantiene segreto il numero esatto di armi nucleari di stanza in Europa. Tuttavia, gli esperti presumono che ci siano 100 bombe atomiche, di cui circa 20 sono immagazzinate in stai. Altre testate si trovano a Klein Bruegel in Belgio, Aviano e Gede in Italia, Volkel nei Paesi Bassi e Incirlik in Turchia. Tuttavia, le armi nucleari della NATO di stanza in Europa rappresentano solo una piccola parte dell’intero arsenale delle potenze nucleari. distanza Annunci Secondo l’Association of American Scientists (FAS), la Russia ha quasi 6.000 testate nucleari, gli Stati Uniti ne hanno più di 5.400, la Gran Bretagna ne ha 225 e la Francia ne ha 290.

Lübkemeier credeva che la Francia potesse fare una promessa credibile di protezione nucleare per l’Europa. Ma solo se l’Unione europea si evolverà in un’unione politica con un proprio braccio di difesa, di cui la Germania e la Francia in particolare dovranno occuparsi. Non in alternativa alla NATO, ma nell’ambito della NATO, che sarebbe poi basata su un pilastro europeo e americano. Dopo la Brexit, anche il Regno Unito sarà membro della NATO.

Alla fine, la piena sovranità europea è possibile solo se l’Europa, come gli Stati Uniti, può difendersi. Tuttavia, l’autodifesa europea può essere immaginata solo come il culmine di un processo a lungo termine in cui i paesi dell’UE continuano a crescere insieme. Nel processo di transizione verso un’unione europea della difesa con il supporto nucleare della Francia, bisogna fare attenzione che né gli Stati Uniti né i loro alleati europei vedano questa come una separazione da Washington. Altrimenti, la promessa di protezione degli Stati Uniti potrebbe essere erosa prima che ci sia un’alternativa europea. Berlino e Parigi devono anche garantire la partecipazione di altri membri dell’UE in una fase iniziale. Una più stretta integrazione degli stati nell’Unione europea è l’unico modo per un’unione europea della difesa con la Francia come spina dorsale nucleare, afferma Loebkmayer.

Lo stesso vale per la politica di difesa rispetto alla cooperazione economica: l’Unione Europea deve unirsi per non essere schiacciata tra grandi potenze come Cina e Stati Uniti. Gli europei dovrebbero ricordare molte delle parole di Trump durante la sua presidenza. Aveva descritto l’Unione Europea come una “opposizione” agli Stati Uniti d’America e la NATO come “obsoleta”. Il fatto che Trump possa ritirare le bombe atomiche da Bushel dopo la sua rielezione sembra più minaccioso oggi, dopo l’attacco russo all’Ucraina, rispetto a cinque anni fa.