Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Migrazione attraverso l’Europa: dall’hotspot al mondo dei sogni – in tre giorni

Migrazione attraverso l’Europa: dall’hotspot al mondo dei sogni – in tre giorni


Rapporto

Al: 8 dicembre 2023 16:30

Quest’anno più di 100.000 persone hanno attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Italia, molte delle quali tentando di raggiungere un altro paese dell’UE senza i documenti giusti. Il viaggio di due fratelli dalla Siria dimostra quanto sia facile.

Da un lato le ciminiere fumanti di un’acciaieria, dall’altro le strade disseminate di spazzatura che costeggiano il porto: la zona attorno all’hotspot dei migranti di Taranto, nel sud Italia, è un posto brutto. In questa grigia mattina di dicembre, i cancelli sbarrati dell’hotspot si aprono a 44 migranti appena arrivati.

Tra loro ci sono i fratelli Mohammed e Ibrahim, e questo è il loro numero di telefono Studio ARD Roma Fatto. Per i due siriani, Taranto doveva essere il punto di partenza del viaggio verso il Paese dei sogni. Un percorso non previsto dalle regole europee.

Entrambi rimangono nell’hotspot solo per poche ore. Gli italiani li registrano come immigrati in arrivo e vengono loro prese le impronte digitali secondo le normative comunitarie. Mohammed e Ibrahim non hanno chiesto asilo. Vengono poi portati in un centro di accoglienza vicino a Less, a 80 chilometri di distanza.

L’obiettivo è chiaro

La mattina dopo Mohammed e suo fratello hanno già le idee chiare su cosa fare dopo: “Vogliamo andare in Germania”, dice senza esitazione il 31enne. Secondo le norme dell’UE, i paesi in cui i migranti hanno messo piede per la prima volta sul suolo europeo sono responsabili delle richieste di asilo – in questo caso l’Italia.

Ma Mohammed e Ibrahim piacciono alla maggior parte delle persone: quest’anno più di 130.000 migranti hanno attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Italia – ma solo 10.000, o meno del 10%, hanno chiesto asilo qui entro agosto.

READ  Gli investitori restano tranquilli sulla vittoria elettorale della destra

“La Germania offre un grande aiuto”

Mohammed afferma con orgoglio di sapere molto della Germania: “La Germania è molto democratica. La Germania ha un’economia forte e molte opportunità di lavoro”. Dopotutto, “il primo Paese a sostenere le persone bisognose”. La Germania, dice Mohammed, “dà un enorme aiuto alla popolazione”.

L’ex studente di ingegneria meccanica, 31 anni, e suo fratello Ibrahim, 25 anni, sono originari di Damasco. La loro zona non era interessata dalla guerra, ma temevano di essere arruolati nel servizio militare.

Nel 2021 sono andati in Libia. Lì lavoravano in un ristorante a Bengasi e come meccanici per guadagnare i soldi per viaggiare in Germania.

Dopo due anni e mezzo, hanno affermato di avere abbastanza denaro per pagare ai trafficanti i 4.000 euro necessari per arrivare in Italia. Mohammed riferisce che ci sono alte maree nel Mediterraneo ed è spaventato. L’organizzazione umanitaria “Medici Senza Frontiere” è stata salvata dalla nave “Geo Parents” e portata a Taranto.

Se possibile, non perdere tempo

Ma dopo una notte in Italia, i fratelli avevano già messo tutte le loro cose in una piccola borsa e non volevano perdere tempo. Il centro di residenza è aperto e i migranti in arrivo possono circolare liberamente nel Paese.

Mohammed ha scambiato idee con gli altri nel centro di accoglienza sul modo più veloce per arrivare in Germania: “Ho chiesto alla gente dov’era la stazione ferroviaria, ora vado, compro un biglietto e parto”. Quando gli è stato chiesto se sapeva che doveva attraversare il confine, dato che non gli era permesso, Mohammed ha risposto con un sorriso. “I tempi duri rendono gli uomini forti”, dice English – “I tempi duri rendono gli uomini forti”.

READ  Vacanze in Italia: trova i migliori consigli su Roma

Programma: In treno fino a Monaco

Mohammed e Ibrahim camminano per due chilometri attraverso i campi fino alla successiva fermata dell’autobus e da lì alla stazione ferroviaria di Lex. Lì Mohammed ha cercato di procurarsi una carta SIM per il suo cellulare. Ma nessuno gli avrebbe venduto perché il suo passaporto siriano era scaduto.

In un bar i due fratelli si avvicinano a due giovani che parlano arabo. Mohammed impiega pochi minuti per sfrecciare con uno dei due su uno scooter elettrico noleggiato. Circa mezz’ora dopo i due tornarono e Mohamed aveva una scheda cellulare per Internet mobile.

È sempre sorprendente la rapidità con cui i due fratelli si collegano e fanno rete con altri immigrati nel loro viaggio verso la Germania. Alla stazione ferroviaria di Lecce acquistano i biglietti per il treno notturno per Milano e da lì proseguire più a nord. “Ho amici a Monaco, Berlino, Stoccarda e Düsseldorf”, dice Mohammed. Lui e suo fratello vogliono andare a Monaco.

L’80% dei pendolari dei treni notturni sono migranti. Mohammed e Ibrahim incontrano qui altri siriani, che vogliono anche loro andare in Germania. A tarda notte, tre agenti di polizia italiani arrivano su un treno ed effettuano perquisizioni casuali. Muhammad e Ibrahim non sono menzionati. In mattinata arrivano alla stazione centrale di Milano.

I piani cambiano

Dopo aver parlato con altri migranti sul treno, Mohammed ha improvvisamente cambiato il suo programma per il viaggio da Milano: non voleva prendere il Flixbus per Monaco con suo fratello, ma ha preso invece il treno per Stoccarda. “Cerco una città dove sia facile ottenere i documenti”, spiega del suo ripensamento. Alla domanda se pensa che sarà facile a Stoccarda, Mohammed risponde: “Sì, penso di sì”.

READ  Il BVB batte Nico Schulz: una pista va all'Italia

Ma qualcos’altro sta cambiando nel Milan: a Mohammed e Ibrahim non piace più Corrispondente dell’ARTE Se ne accorgono. Spariscono in città per ore.

La sera presero un vaglia dalla sorella alla Western Union, comprarono dei vestiti nuovi – compresi i guanti contro il freddo – e si tagliarono i capelli. Mohammed spiega poi il piano: “Vogliamo comprare un biglietto qui per Lugano e da lì per la Germania”. Quindi invece del percorso attraverso il Brennero, il percorso attraverso la Svizzera.

Andrà in Svizzera per il trasporto

Poco dopo, Mohammed e Ibrahim salirono su un treno regionale per Chiasso, in Svizzera, che trasportava anche molti passeggeri transfrontalieri. Da lì dovrebbe ovviamente proseguire fino a Lugano.

In serata Mohammed e Ibrahim hanno inviato la loro foto da Zurigo. La mattina dopo un messaggio da Stoccarda con una faccina. Successivamente i contatti si sono persi: tre giorni dopo la visita dell’UE nel sud Italia, sono arrivati ​​in Germania senza documenti adeguati.

Puoi anche guardare un rapporto dettagliato sull’argomento su Tasthemons – a partire da oggi alle 21:45.

Jörg Seisselberg, ARD Roma, tagesschau, 8 dicembre 2023 9:55