Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Metropoli altoatesine: cosa rendono Posen e Merano così speciali – e chi visitare

Metropoli altoatesine: cosa rendono Posen e Merano così speciali – e chi visitare

Le città dell'Alto Adige hanno un tono speciale: una combinazione di fascino alpino, atmosfera italiana e lingua tedesca. Abbiamo esaminato due delle città più grandi della regione e abbiamo trovato moltissimi motivi per visitarle. Una passeggiata primaverile in città davvero speciale.

Un posto al sole con vista sulle acque increspate di Pasar, un caffè freddo in mano e un mix di canti di uccelli e musica rilassante da bar nelle orecchie: non ci vuole molto per sentirsi a proprio agio a Merano. Sono questi semplici, piccoli piaceri che costituiscono il segreto della località climatica altoatesina. Sia gli ospiti delle terme che i turisti vengono qui per sperimentare le gioie della vita italiana con un buon senso di tranquillità in un imponente scenario montano. “Non pensare troppo al domani, goditi questa giornata di sole sul lungomare” potrebbe essere il motto di Merano.

La seconda città più grande dell'Alto Adige ha sicuramente abbastanza sfilate. La Passeggiata Sissi, ad esempio, costeggia il Pasar – un fiume impetuoso che attraversa la città termale e le dona una certa aria “di mare” – con vista su alberi e palme e oltre punti ombrosi. Molti bar e ristoranti sull'altro lato del fiume. La passeggiata termale attraversa le attrazioni della città: il teatro termale, i bagni termali e molti bistrot e bar affascinanti invitano a soffermarsi.

Vista dalla Passeggiata di Sissi alla Wandelhalle di Merano

© Leonie Zimmerman

Scene in fiore a Merano

La Via Tappiner a Merano è probabilmente la passeggiata più apprezzata. L'amato sentiero conduce dal centro città lungo il pendio del Küchenlberg e soprattutto offre una splendida vista sul Merano. Su un percorso totale di circa sei chilometri (andata e ritorno), i camminatori attraversano una ricca vegetazione, ad esempio cedri dell'Himalaya, querce da sughero e diversi tipi di bambù.

Chi ama i piaceri botanici dovrebbe assolutamente fare una deviazione… Castel Trautmannsdorf fare Il bellissimo giardino è aperto dal 29 marzo al 15 novembre. Se vuoi fare una passeggiata tranquilla tra palmeti e aiuole, dovresti arrivare presto: il forte è considerato una destinazione popolare. Dal parcheggio, le viste fiorite sono a pochi passi di distanza. Un piccolo consiglio per tutti i romantici: prendete un cestino da picnic e mettetevi comodi in giardino. In alternativa c'è un ristorante e una caffetteria.

READ  Giro d'Italia 2023: Primos Roglic vince la 106esima edizione del Giro d'Italia - Mark Cavendish vince a Roma

A volte basta una passeggiata per le strade di Merano per immergersi nell'atmosfera del nord Italia.

© Leonie Zimmerman

Merano significa maestosità dei fiori. La città termale lo dimostra ogni anno al Merano Flower Festival. Il festival di quest'anno si svolgerà dal 25 al 28 aprile. In questi giorni, la passeggiata termale nel centro ospita numerosi espositori che mostrano tutto ciò che riguarda la botanica e i giardini, c'è musica dal vivo e i visitatori possono ammirare le artistiche sculture floreali di Pasar.

Cultura e salute a Merano

Con circa 2.500 ore di sole all'anno, Merano è una delle località più soleggiate di tutto l'Alto Adige. Eppure, anche in questa località climatica paradisiaca a volte si accumulano nuvole scure e piove. Fare un'escursione sul lungomare non è più molto attraente per molti vacanzieri. Ma come visitare le terme di Merano? Lì puoi rilassarti in 25 piscine e saune.

Se hai voglia di cultura, puoi fare una passeggiata al coperto ed esplorare i numerosi dipinti di Wandelhall o fare una deviazione al Museo delle Donne. È ancora un vero consiglio da addetti ai lavori, ma molto utile.

Al Museo delle Donne troverai un'interessante mostra di vari documenti della storia contemporanea e occasionali dichiarazioni politiche

© Leonie Zimmerman

Parzialmente nascosta al terzo piano dell'edificio ufficiale, troverete una collezione di attrezzature educative realizzate con amore provenienti da diversi periodi della storia delle donne. Lo spettacolo assume una tonalità reale e femminista guardando allo sviluppo della società e ti porta in un tipo speciale di viaggio nel tempo.

Se vuoi interagire con la gente del posto, il posto migliore per farlo è il mercato settimanale del venerdì. Dalla Praderplatz davanti alla stazione ferroviaria fino alla Meinhardstrasse dalle ore 20 troverete bancarelle con frutta e verdura regionale, artigianato e altri prodotti. Ma la visita è ancora più emozionante grazie al colorato trambusto attorno agli stand: qui gli ospiti delle terme, i turisti e la gente del posto si incontrano e si scambiano idee – sui prodotti, sul clima o sulle bellezze dell'Alto Adige.

READ  Tre morti e molti dispersi in Sicilia

Bolzano: puro piacere nel capoluogo dell'Alto Adige

Cambio di posizione. Vai a Bolzano. Da Merano al capoluogo dell'Alto Adige ci sono 35 chilometri. L'autostrada attraversa piccoli borghi, pittoreschi vigneti e verdi vallate. Una volta arrivati ​​a Bolzano, non c'è più traccia del tranquillo trambusto dell'idilliaco resort benessere di Meren. Al contrario, c'è più attività nel centro storico. Turisti e gente del posto si affollano lungo le stradine, passeggiando da un negozio all'altro o chiacchierando animatamente in uno dei tanti caffè e ristoranti. La vita a Bolzano sboccia – in tanti modi diversi.

Lapengas è il punto focale di molti tour della città. Il viale principale della città vecchia è fiancheggiato da bellissime case medievali. Questi di solito hanno un arco circolare che forma una pianta aperta: i cosiddetti portici sono un motivo fotografico popolare per una buona ragione. Se non volete semplicemente godervi un viaggio architettonico nel passato, potete acquistare qui bellissimi souvenir o concedervi delizie culinarie nei dintorni.

Bolzano, il capoluogo dell'Alto Adige, ha sempre molto da fare

© Leonie Zimmerman

Cucina tipica alpina e vista unica sul centro storico si trovano ad esempio “Ristorante 37“. Questo ristorante è uno dei ristoranti di alta cucina più amati dell'Alto Adige e oltre ai classici altoatesini come i canederli di semola, offre anche varianti moderne come i ravioli di pane nero. Se volete qualcosa di più semplice, la locanda sul corner di Vogele è in buone mani: tanta scelta, ottimo servizio e buona cucina tradizionale con un'atmosfera accogliente: questo è ciò che gli ospiti amano di più qui.

Per uno strudel a colazione o una dolce merenda pomeridiana, vale la pena visitare la Pasticceria Cafe Lindner, ai margini del centro storico. La panetteria è popolare tra la gente del posto, soprattutto per la sua vasta selezione di cioccolatini, strel e torte. Dove andare la sera? In alcuni locali di Bolzano le luci si spengono solo a tarda notte. Ad esempio, puoi goderti un aperitivo al Banco 11, provare la carta dei vini al Lisa's Wine Bar o ballare tutta la notte al Disco Miro Club.

READ  Italia: decine di feriti! Il tetto è crollato durante la cerimonia di nozze notizia

Gita sulle Colline di Bolzano

Sì, Bolzano significa piacere. Anche la cultura bolzanina. In Castel Roncolo, noto anche come Picture Castle, puoi immergerti nel passato con i suoi dipinti murali ben conservati. Ad esempio, mostrano scene di Tristano e Isotta a corte. Il castello è raggiungibile con l'autobus dalla Piazza Walther di Bolzano. A proposito, puoi anche vedere il monumento Walther, un'attrazione popolare. Come sarebbe visitare il capoluogo dell'Alto Adige senza rendere omaggio a Ötzi? Il pupazzo di neve si trova al Museo Archeologico dell'Alto Adige in Via dei Musei.

Il castello di Sigmundskron ospita il Messner Mountain Museum Firmen ed è una destinazione popolare per escursionisti e alpinisti.

© IDM Alto Adige-Alto Adige/Alex Filz

Particolarmente utile è una deviazione verso l'emblema dell'Alto Adige: Castello di Sigmundskron. Adagiata su una piccola collina e circondata da splendidi vigneti, questa apprezzata meta escursionistica alle porte di Bolzano si gode al meglio passeggiando lungo un piccolo sentiero attraverso il bosco (partendo dalla fermata omonima). Andare in bicicletta. Se non vuoi fare un breve trekking, in alternativa puoi prendere un autobus fino al confine del forte.

Chi passa attraverso l'arco entra in un mondo che entusiasmerà soprattutto gli appassionati della montagna. Il castello ora funge da residenza di Messner Museo della Montagna Firmiano – e accompagna i visitatori del sito attraverso il mondo dell'alpinismo. Un giro tra ripide scale metalliche e sentieri tra antichi bastoni da trekking, rappresentazioni artistiche delle Dolomiti e tante storie sulle vette più alte del mondo.

Sale, scende e ancora e ancora trovi parole di saggezza da parte di persone che dedicano la loro vita alla montagna. “Vivere è rischiare” è scritto su una scala. “Le montagne custodiscono tesori misteriosi”, si legge su una scala. “Volevo salire in alto per guardare più a fondo dentro me stesso”, è scritto sotto un portico. Una citazione di Reynold Messer, il fondatore di questo museo speciale, che mostra un lato completamente diverso della città di Bolzano: la calma filosofica della montagna.