Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Martin “The Legend” si ferma e manca la medaglia | Gli sport

Brugge – Tony Martin ha iniziato a pedalare domenica con un grande annuncio – e si è concluso senza il feeling sperato della Coppa del Mondo.

Poche ore dopo aver dichiarato la fine della sua carriera dopo i combattimenti per il titolo nelle Fiandre, il veterano 36enne ha mancato la medaglia nella sua ultima esperienza di singolare ai Campionati del Mondo. “Penso che sia una leggenda del ciclismo e un esempio per gli altri nella prova del tempo”, ha detto il compagno di squadra Max Walshed dopo la sesta corsa di 43,3 km di Martin da Knokke-Heist a Bruges. A causa del profilo laterale fattibile e della forma elevata, il campione del 2011, 2012, 2013 e 2016 sperava in qualcosa di più.

Ma il grande palcoscenico all’inizio dell’anniversario della Coppa del Mondo in Belgio, pazzo per la bicicletta, era di proprietà di altri. Il campione del mondo è stato il campione in carica italiano Filippo Gana, seguito dai campioni belgi locali Wut van Aert e Remko Evenpoel, tutti troppo forti per il duo tedesco.

Mercoledì un’altra occasione

“Sulla pista di partenza ero sopraffatto dall’emozione, ma poi di nuovo mi sono concentrato molto su questa gara e ho messo tutto in bilico”, ha detto Martin della sua penultima gara da professionista. La lunga corsa ha richiesto tutto da lui. “Mi è piaciuto, l’atmosfera, il pubblico. È stato un grande giorno e sono molto orgoglioso di ciò che ho raggiunto”.

Era a 34 secondi dal metallo prezioso che aveva sperato, che è riuscito solo mercoledì nella cronometro misto, l’ultima gara della sua carriera. “Naturalmente, prendere una decisione così ampia non è facile. Il ciclismo ha plasmato la maggior parte della mia vita finora. Con alti e bassi, grandi successi e sconfitte, cadute e retrovie”, ha detto Martin.

READ  FC Bayern: la stella del PSG stava già considerando un cambiamento e ora sembra completamente diverso

L'”autoblindo”, come la chiama Martin, ha avuto un anno turbolento con molte cadute. È sempre stato chiaro a Martin che non avrebbe onorato il suo contratto con Jumbo-Visma, che aveva fissato fino alla fine del 2022. Il momento dell’annuncio è stato scelto deliberatamente. “Non dovrebbe sembrare una decisione deludente se non ottiene il risultato sperato oggi”, ha affermato Bund Deutscher Radfarer (BDR). Il risultato è stato buono anche senza medaglia.

Durante il suo viaggio in Belgio, Martin ha recentemente descritto come la pesante caduta del Tour de France di quest’anno continui a preoccuparlo. Poiché tre denti sono allentati dalla parte anteriore, deve ancora mangiare pane o mele usando le posate. Questi sono gli “ultimi cantieri che affronterò dopo la fine della stagione”, ha annunciato Kotbusser a dpa. Dopo la fine della stagione significa in questo caso: A partire da questo giovedì, quando la stagione per il ciclismo professionistico è stata finalmente chiusa per Martin.

Sharping: “Un modello eccezionale”

Il team di Martin e BDR ha particolarmente enfatizzato i servizi del veterano domenica. La squadra corse olandese ha inviato un video, in cui il presidente dell’associazione Rudolf Scharping ha scritto: “Tony Martin è un modello, lontano dallo sport. Si è fatto più di un nome nel ciclismo in Germania”. Quattro titoli mondiali, vittorie teatrali in tournée più la maglia gialla e dieci campionati tedeschi parlano di una “carriera senza precedenti”.

Dopo che il perfezionamento non ha ancora avuto successo nell’unica lotta contro il tempo, Martin spera ora di allearsi con tre uomini e tre donne ciascuno. Ha detto che il suo “obiettivo dichiarato” era una medaglia. Sul sito ZDF, ha salutato il suo primo titolo mondiale nel 2011 come “il momento più bello e più bello. Per me questo è soprattutto”. In futuro, Martin vuole salvarsi dal dolore delle cadute e dei viaggi costanti, e invece trascorrere più tempo con la sua famiglia.

READ  Il Napoli toglie la Lazio e aumenta la pressione sulla Juventus - Serie A.