Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Luna piena di Pasqua e osservazione delle stelle: momenti salienti dell’astronomia ad aprile – Guida

La prima luna piena di primavera è anche la “vera” luna di Pasqua di quest’anno!

Perché: è la vigilia di Pasqua in paradiso. Professor Thomas W. Krupp, astrofisico e direttore Planetario di Amburgospiega cosa c’entra la luna con la Pasqua e perché brilla di quella che viene chiamata la luce della terra alla fine del mese.

Ad aprile, la luna completa un ciclo di luce completo da luna nuova a luna nuova. Il 16 aprile raggiunse il luogo della luna piena.

“È la prima luna piena di primavera”, afferma il professor Thomas W. Kraube. “La Pasqua cristiana viene tradizionalmente celebrata la domenica successiva. Questo risale alle tradizioni del Nuovo Testamento sulla risurrezione di Gesù. Quindi stiamo assistendo alla luna di Pasqua, che cade proprio il sabato prima di Pasqua quest’anno”.

L’anno scorso, la luna di Pasqua si è verificata a marzo, poco dopo l’equinozio e il cambio delle stagioni. Questa volta la luna era in luna piena tramontata a marzo due giorni prima dell’inizio astrologico della primavera e dell’addio all’inverno.

Inoltre, la data di Pasqua 2022 cade il 17 aprile. Questo ci porta abbastanza vicini all’ultima data possibile per la festa cristiana del 25 aprile.

Altri momenti salienti dell’astronomia ad aprile

Oltre alla luna piena di Pasqua, il cielo di aprile ha in serbo altre cose da vedere:

▶ ︎ Inclusi bellissimi tracker per la pioggia di meteoriti Lyrid.

L’attività degli sciami meteorici inizia solitamente il 16 aprile e dura fino al 25 aprile. Sfortunatamente, i tassi di meteoriti sono relativamente bassi durante questo periodo, ma nella notte tra il 22 e il 23 aprile lo sciame meteorico raggiunge la sua massima estensione.

READ  Problemi permanenti dovuti al corona: le conseguenze a lungo termine del COVID-19

▶ ︎ Se non sei abbastanza fortunato da avvistare una stella cadente, presta nuovamente attenzione alla luna il 26 e 27 aprile. In una serata limpida, la parte non illuminata della luna risplende di un grigio cenere.

Il professor Thomas W. Kraube spiega: “Il ‘bagliore della Terra’ o ‘il bagliore di Da Vinci’ deriva dalla luce solare che la nostra Terra riflette sulla Luna”. “Visto dal lato della luna di fronte a noi, la Terra completamente illuminata si erge nel cielo vicino alla luna nuova e illumina la notte illuminata dalla luna. Proprio come è con noi durante la luna piena”.