Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’UE vuole proteggere gli agricoltori: risolvere la controversia sulle importazioni agricole ucraine

L’UE vuole proteggere gli agricoltori: risolvere la controversia sulle importazioni agricole ucraine

L’Unione europea vuole proteggere gli agricoltori
Risolvere la controversia sulle importazioni agricole ucraine

A causa della guerra russa, l’Ucraina può esportare grano attraverso il Mar Nero solo in modo limitato. Alcuni dei vicini dell’UE sono arrabbiati per il fatto che i prodotti agricoli finiscano invece sui loro mercati. Secondo la Commissione Ue, ora c’è un accordo.

Nella controversia sulle importazioni di prodotti agricoli dall’Ucraina, la Commissione Ue afferma di aver raggiunto un accordo con diversi paesi dell’Europa orientale. Il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis ha scritto su Twitter che le preoccupazioni degli agricoltori di diversi paesi vicini dell’UE e della stessa Ucraina sono state prese in considerazione. Pertanto, Polonia, Bulgaria, Slovacchia e Ungheria revocheranno le loro contromisure. Ci saranno invece “tutele straordinarie” per frumento, mais, colza e semi di girasole. Non ha approfondito.

Inoltre, gli agricoltori interessati beneficiano di un pacchetto di sostegno di 100 milioni di euro a loro destinato. In una prima reazione su Twitter, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha scritto che l’accordo preserva “la capacità di esportazione dell’Ucraina in modo che possa continuare a nutrire il mondo, così come i mezzi di sussistenza dei nostri agricoltori”.

Le restrizioni all’importazione dovrebbero diminuire

I quattro paesi hanno limitato le importazioni agricole dall’Ucraina, sostenendo che il grano a buon mercato proveniente dal paese devastato dalla guerra sta distorcendo i loro mercati. Hanno giustificato la mossa proteggendo i produttori locali. Anche la Romania si è lamentata. Come parte dell’accordo ora raggiunto, le importazioni di prodotti agricoli controversi potrebbero essere nuovamente autorizzate, ma solo per il trasporto successivo e non per la vendita nei vicini dell’UE interessati.

Von der Leyen la scorsa settimana ha promesso un ulteriore pacchetto di aiuti del valore di milioni per gli agricoltori dell’Europa orientale. Lo sfondo sono le loro lamentele sui prezzi bassi. Come risultato della guerra di aggressione della Russia, l’Ucraina può esportare meno prodotti agricoli via mare verso l’Africa, ad esempio, ma utilizza la rotta terrestre attraverso l’Unione europea. Nei paesi limitrofi come la Polonia e l’Ungheria, ciò garantisce silos pieni e prezzi alla produzione notevolmente inferiori.

Le importazioni ucraine rimangono esenti da dazio

Sulla scia dell’attacco della Russia lo scorso anno, l’Unione Europea ha sospeso i dazi sulle importazioni dall’Ucraina per dare al paese un migliore accesso ai mercati internazionali. L’Ucraina è uno dei più importanti produttori di grano, ma può utilizzare i suoi porti sul Mar Nero solo in misura limitata a causa della guerra.

Venerdì scorso, gli stati membri dell’Unione Europea hanno concordato di sospendere le tariffe per un altro anno. Questo ha lo scopo di rafforzare l’economia ucraina, come annunciato dal Presidium del Consiglio svedese. Il Comitato dei rappresentanti permanenti dell’Unione europea ha espresso il proprio sostegno. Non è chiaro se tutti i paesi abbiano accolto con favore la decisione, ma per una decisione finale non è richiesta l’unanimità. Il Parlamento europeo deve ancora approvare una proroga. Successivamente, i paesi dell’UE voteranno formalmente sulla misura.

READ  I due leader del nuovo governo talebano hanno perso in Afghanistan