Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’ospite è rimasto scioccato dal presentatore di ARD – “L’Ucraina è comunque persa”

Il politologo Johannes Varwick ritiene che l’Ucraina abbia già perso. Foto: screenshot della Terra

Dirk Krampitz

Uomo d’affari preoccupato per la sua bolletta mensile del gas. Uno scienziato politico non vede più un’opportunità per l’Ucraina e tre esperti pensano che sarebbe positivo se il cancelliere Olaf Scholz (Partito socialdemocratico) volesse recarsi in Ucraina giovedì, ma si chiede cosa voglia portare con sé. Sandra Meicheberger parla dei temi della settimana con i seguenti ospiti:

  • Sabine Lothuser Schnärenberger (FDP), ex ministro federale della giustizia
  • John Farwick, politologo
  • Wolfgang Grupp, Presidente di Trigema
  • Oliver Kalkov, comico e attore
  • Elizabeth Nieger, pubblicista
  • Hajo Schumacher, giornalista e scrittore

Il dilemma della guerra in Ucraina

Johannes Varwick e Sabine Leutheuser-Schnarrenberger hanno opinioni diametralmente opposte.

Johannes Varwick e Sabine Leutheuser-Schnarrenberger hanno opinioni diametralmente opposte.Foto: screenshot della Terra

L’ex ministro della Giustizia Sabine Luthuser Schnärnberger (FDP) è uno degli iniziatori della lettera aperta, che chiede più spedizioni di armi in Ucraina. “Nel quarto mese assistiamo a una brutale guerra di sterminio”, dice il politico. Al momento, “non c’è modo al tavolo dei negoziati con Putin affinché l’Ucraina rimanga un Paese sovrano”. Ecco perché la prima cosa da fare è rafforzare militarmente la posizione negoziale dell’Ucraina. “Putin comprende già il potere della forza.”

Il politologo Johannes Warwick vede le cose in modo diverso. Ammette che l’Occidente “sta attraversando i dilemmi più difficili”. “Non esiste una cosa come giusta o sbagliata al 100 per cento.” È anche solidale con gli ucraini, “questo è fuori questione”. Ma bisogna anche vedere che la Russia è determinata a fare tutto e che la consegna delle armi vanifica una soluzione negoziata. Farwick si rende conto che questa idea “non è molto popolare, ma è necessaria”.

Una situazione in cui l’Occidente si trova con le sue forniture di armi è come “cavalcare una lama di rasoio” che potrebbe facilmente finire in una guerra con la Russia. Quando Leutser Schnenberger intervenne che l’Ucraina sarebbe morta senza la resa delle armi, Varwick non lo negò. Anzi: “E’ amaro per l’Ucraina, ma dobbiamo dire che non abbiamo obiettivi identici con l’Ucraina”. L’Occidente dovrebbe aiutare l’Ucraina, usare la pressione economica e l’energia diplomatica con la Russia, ma in nessun caso entrare in guerra con la Russia.

Da un lato Putin dice di essere capace di tutto, dall’altro è assolutamente sicuro che il presidente russo non attaccherà gli Stati baltici dopo l’Ucraina. “Se guardi ai fatti, semplicemente non ci si aspetta che il territorio della NATO venga attaccato dalla Russia, la NATO è molte volte più forte della Russia”. Inoltre, l’Ucraina è un caso speciale, è una “regione intermedia”. L’Europa non ha riconosciuto adeguatamente questo status speciale e quindi ha dato alla Russia il “Cassus Billy”.

La storia che la possibile adesione dell’Ucraina alla NATO fosse la causa della guerra proveniva originariamente dalla parte russa. Tuttavia, negli anni precedenti la guerra, la Russia ha ripetutamente sottolineato che l’espansione verso est della NATO non era vista come una minaccia.

Farwick Mechberger è rimasto scioccato

Comunque sia, Varwick è sicuro: “Il tuo percorso finirà in una guerra con la Russia”. Voleva invece “solidarietà con l’Ucraina e non una missione suicida”. Meishberger chiede come dovrebbe essere. La sorprendente risposta di Farwick: “La solidarietà li aiuta a trovare una soluzione a questo difficile conflitto stando al loro fianco”. Ma se smetterà di consegnare armi, l’Ucraina sarà da sola, sottolinea ancora una volta Meychberger. La sua risposta sobria: “In un modo o nell’altro, l’Ucraina è da sola”, l’Ucraina deve essere “informata” e “responsabile per garantire che questo problema non si aggravi ulteriormente”.

“Può sembrare poco romantico, ma è un realismo intelligente.”

John Farwick

Il consiglio di Farwick: semplicemente “congelare il conflitto invece di intensificarlo in modo permanente”. Potrai quindi occuparti dei negoziati in un secondo momento, ad esempio dopo Putin. L’Occidente ci ha provato in Crimea. Non ha funzionato bene. Con questa Ucraina persa, interviene Meychberger. “Ho perso comunque”, dice Farwick. L’annunciatore è terrorizzato. “Con tutto il rispetto, anche gli ucraini ci stanno ascoltando”.

READ  Foo Fighters: Dopo la morte di Taylor Hawkins, la band ha cancellato il tour - gente

Schulz e due delle sue guardie del corpo della zona euro

Sandra Meicheberger (a destra) con i suoi commentatori Hajo Schumacher, Elisabethra Neaher e Oliver Kalkov (a sinistra)

Sandra Meicheberger (a destra) con i suoi commentatori Hajo Schumacher, Elisabethra Neaher e Oliver Kalkov (a sinistra)Foto: screenshot della Terra

Dopo molti litigi tra Kiev e Berlino e lunghe esitazioni, giovedì il cancelliere federale Olaf Schultz (Partito socialdemocratico) dovrebbe recarsi in Ucraina, secondo quanto riportato dai media, accompagnato dal presidente francese. Emanuele Macron e il Primo Ministro italiano Mario Draghi.

Il comico Oliver Kalkov trova gratificante il fatto che “ha trovato un gruppo turistico a cui unirsi”. Alla fine, il rifiuto di Schultz di recarsi in Ucraina ha portato a “una sorta di ostinazione”. Tuttavia, ha anche delle preoccupazioni: “Quando entrano tre di quei pesi massimi, un tre con quattro pugni, allora ti aspetti qualcosa”.

Anche la giornalista Elisabeth Nijer si chiede cosa porteranno con sé i tre primi ministri ucraini. “Mi manca un po’ di immaginazione su come uscirne senza causare delusioni”. Forse aiutando a ricostruire l’Ucraina. Ma alla luce della devastazione in corso, questo potrebbe essere un brutto momento.

Il giornalista Hajo Schumacher vede Draghi e Macron come “guardie del corpo” per Schulz. Il viaggio è “controllo dei danni”. In effetti, tutti e tre potrebbero offrire solo armi pesanti e/o un percorso speciale per l’adesione all’UE. È completamente a disagio con qualsiasi trattamento preferenziale o consegna di armi. Non è ancora chiaro se l’Ucraina vincerà o meno e cosa significhi esattamente ogni regola linguistica. “Se consegniamo armi pesanti, dovremmo anche sapere cosa accadrà loro”.

Mezzo milione di euro di gas al mese

Da Politica Alla luce delle sanzioni contro la Russia, si è sempre detto che uno stop immediato alle importazioni di gas danneggerebbe gravemente l’economia e l’industria tedesca. A Maischberger ha parlato Wolfgang Groupe, presidente di Trigema, il tipico imprenditore locale. Ammette di dover fare i conti con l’aumento dei prezzi anche senza fermarsi per il gas: la sua azienda tessile produce la propria elettricità utilizzando turbine a gas. Nel 1986 passarono dal petrolio e furono promossi anche dal Ministero dell’Ambiente. E quindi sono molto preoccupati per l’aumento dei prezzi del gas.

Nel 2020 continuavano a pagare 100mila euro al mese, e l’anno scorso erano già 200mila al mese. Attualmente l’importo è compreso tra 500.000 e 600.000 euro al mese. “Non è sostenibile per anni”. In questo contesto, sostiene con forza il punto di vista controverso del politologo Farwick. Cerca una soluzione diplomatica, non attraverso la consegna delle armi”, ha detto.

Finora, non c’è stato alcun segno di moderazione nel comportamento di acquisto tra i clienti, ma Grupp se lo aspetta ancora. Egli ipotizza che più saranno patchati di nuovo. “Era così dopo la guerra”, ricorda.

Il patriarca ha appena compiuto 80 anni e non ha ancora pensato al pensionamento. “La cosa più bella della vita non è contare i soldi, ma sentire che gli altri ne hanno bisogno.”

Gli amici e gli ex soci in affari di Bushido e Arafat Abu Shaker sono diventati da tempo acerrimi nemici. Ma una cosa li collega ancora: sono comproprietari di diverse ville a Kleinmachenau vicino a Berlino. Secondo una relazione emessa daLa rivista diceva che la “Villa Collection” di Stern sarebbe stata bloccata.