Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Italia vuole vincere Intel per una fabbrica di chip multimiliardaria

Insegne all’ingresso della sede di Intel a Santa Clara, California, Stati Uniti, martedì 19 ottobre 2021.

David Paul Morris | Bloomberg | Getty Images

Tre fonti hanno affermato che Roma sta cercando di convincere Intel a investire miliardi di euro in un impianto di chip avanzato in Italia, mentre la Germania sta emergendo come uno dei principali candidati per un mega impianto ancora più grande che la società statunitense sta pianificando.

Le fabbriche faranno parte della campagna di un gruppo statunitense per costruire capacità produttive avanzate in Europa per evitare il futuro La mancanza di offerta è ciò che sta paralizzando in particolare l’industria automobilistica in questo momento.

Fonti coinvolte nelle discussioni hanno affermato che Roma è già in trattative con Intel per un potenziale investimento, le cui stime iniziali sarebbero di oltre 4 miliardi di euro (4,7 miliardi di dollari).

Qualcuno ha detto che l’importo totale potrebbe raggiungere circa 8 miliardi di euro, a seconda dei piani di Intel.

Si sono rifiutati di rivelare la loro identità perché i dettagli sono riservati.

Le fonti hanno detto che Roma è pronta a finanziare parte dell’investimento totale e ad offrire a Intel condizioni favorevoli, compresi i costi del lavoro e dell’energia.

Hanno aggiunto che l’impianto creerà più di 1.000 posti di lavoro diretti in Italia.

“Il governo sta preparando un’offerta molto dettagliata con l’obiettivo di raggiungere un accordo entro la fine dell’anno”, ha detto a Reuters una delle fonti.

“Le trattative con Intel sono in una fase avanzata. Non c’è ancora un accordo, ma se il governo lavora duro, ha buone possibilità di portare il business in Italia”.

READ  ▷ Sulla vita movimentata di una leggenda del calcio italiano: The Sky Original "Totti...

Le possibili località sono il quartiere Mirafiori di Torino, sede italiana della casa automobilistica Stylantis, e Catania in Sicilia, dove già opera il produttore di chip franco-italiano STMicroelectronics.

Intel non vuole commentare i suoi piani.

Secondo le fonti, il più grande progetto del gruppo americano in Europa è una mega struttura pianificata, con la città di Dresda in Germania che emerge come un importante candidato per il sito. Non sono direttamente coinvolti nelle discussioni sulla selezione del sito per la mega struttura.

Le fonti hanno affermato che nessuna decisione definitiva è stata presa su nessuno dei due siti e che i piani potrebbero cambiare nelle prossime settimane.

Dagli Stati Uniti all’Unione Europea

Anche la Francia è vista come un concorrente dell’enorme stabilimento, mentre l’Italia compete con la Polonia, dove Intel è anche coinvolta nella linea di confezionamento.

Il CEO di Intel, Pat Gelsinger, ha dichiarato il mese scorso che la società annuncerà due nuovi importanti siti di produzione di chip nell’Unione Europea entro la fine dell’anno, poiché prevede di spendere 80 miliardi di euro nel continente nel prossimo decennio.

I piani arrivano quando l’Unione Europea vuole ridurre la sua dipendenza dalle forniture di semiconduttori dagli Stati Uniti e dalla Cina, e la crisi della fornitura di chip non mostra segni di cedimento.

I produttori di chip stanno cercando di aumentare la produzione dopo che la tendenza a lavorare da casa durante la pandemia ha alimentato la domanda di elettronica di consumo come smartphone e computer.

La scarsità ha colpito ancora di più l’industria automobilistica, un pilastro dell’economia europea, poiché i produttori di chip generalmente preferiscono i clienti dell’elettronica di consumo perché acquistano chip più avanzati con margini di profitto più elevati.

READ  La principessa Charlotte assomiglia molto alla nipote di Diana

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato questa settimana che l’Unione europea deve agire “ora e con decisione” per aumentare la produzione al fine di raggiungere il suo obiettivo di produrre il 20% della produzione globale di semiconduttori entro il 2030.

“La Cina e gli Stati Uniti stanno già investendo decine di miliardi in questo settore”, ha affermato.

Tuttavia, la costruzione dell’enorme impianto e dell’impianto di confezionamento richiederà anni e difficilmente aiuterà i produttori di automobili europei a breve termine.

Intel prevede di mantenere la capacità per le case automobilistiche nel suo impianto di chip in Irlanda e aiutarle a passare alla sua tecnologia, secondo Gelsinger, ma anche questo potrebbe richiedere del tempo.

I colloqui potrebbero accelerare dopo la formazione di un nuovo governo in Germania dopo le elezioni generali di settembre.

Secondo fonti, la più grande economia dell’UE, con una grande industria automobilistica, è in prima linea nella costruzione di un impianto “mega-fab”, sebbene la Francia sia ancora in corsa.

Una delle fonti ha affermato che anche l’Italia ha “carte da giocare” per un think tank, un altro pezzo di investimento pubblico che Intel sta preparando per l’Europa.