Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Italia usa Intel per una fabbrica di chip da un miliardo di dollari

Secondo le prime stime, il governo di Roma è ora in trattative avanzate con una società statunitense per potenziali investimenti di oltre 4 miliardi di yen. Secondo una persona, potrebbero arrivare fino a 8 miliardi. Alla fine, potrebbero essere creati più di 1.000 posti di lavoro nella fabbrica, dove vengono utilizzate nuove tecnologie per intrecciare parti realizzate da Intel e altri fornitori in chip completi. Le discussioni finali sull’ubicazione dell’impianto non sono state direttamente coinvolte. Il ministero dell’Economia sassone ha annunciato che non era stata ancora presa alcuna decisione in merito alla richiesta. Allo stesso tempo ha affermato: “Naturalmente speriamo che l’azienda scelga lo stato libero della Sassonia per le sue nuove fabbriche giganti. Ci sono diverse ragioni per questo: siamo la sede numero uno di semiconduttori in Europa, quindi è il primo indirizzo per tutte le aziende che desiderano investire in questo settore. “

Solo in estate la società di chip americana Globalfoundries, pronta a quotarsi, ha annunciato che stava investendo 1 miliardo di dollari in affari in Germania. Secondo le sue stesse informazioni, Globalfoundries gestisce la più grande fabbrica di semiconduttori in Europa con più di 3000 dipendenti a Dresda. A giugno, Bosch ha anche aperto una nuova fabbrica di chip a Dresda.

Intel sta attualmente spendendo molti soldi per espandere le sue capacità nel bel mezzo della crisi dei chip e per affermarsi come produttore a contratto. Con nuovi stabilimenti in Europa, il gruppo ora vuole prevenire il ripetersi delle restrizioni alla fornitura che stanno affliggendo l’industria automobilistica. Il capo dell’azienda, Pat Jelsinger, vuole decidere un’ubicazione per i nuovi impianti quest’anno.

READ  L'Italia reintroduce i controlli alle frontiere

Non importa in borsa. La prospettiva di margine della società, che aveva deluso gli investitori, doveva essere digerita lì.

Cosa / Reuters