Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L'industria tecnologica americana: paura dei posti di lavoro nella Silicon Valley

L’industria tecnologica americana: paura dei posti di lavoro nella Silicon Valley

Stato: 04.06.2022 13:15

I licenziamenti, il blocco delle assunzioni e le perdite di produzione preoccupano i lavoratori dell’industria tecnologica statunitense. Le piccole imprese, in particolare, temono di rimanere senza soldi in una recessione.

Scritto da Marcus Schuller, ARD Studio San Francisco

La scorsa settimana, Y-Combinator ha inviato un avviso ai suoi fondatori a Mountain View, dove ha sede anche Google. Il cosiddetto incubatore prepara le startup alla vita commerciale. L’e-mail diceva di prepararsi al peggio.

E David Sachs è d’accordo, che attraverso la sua azienda Craft Ventures ha finanziato per molti anni giovani aziende tecnologiche. “È la cosa peggiore che abbia mai visto da quando è scoppiata la bolla di Internet”, dice. “Anche peggio della Grande Recessione del 2008/2009”.

Ma non solo le startup stanno risentendo degli effetti del deterioramento del clima aziendale. Le grandi aziende tecnologiche come Meta o Salesforce vogliono assumere molti meno dipendenti. In Netflix, i primi dipendenti sono stati licenziati.

Le azioni hanno perso molto del loro valore

In Meta, la società madre di Facebook, si dice che l’umore sia particolarmente negativo, non solo perché le stock option dei dipendenti hanno meno valore a causa di un calo del valore del mercato azionario. C’è anche una preoccupazione significativa su Twitter per l’acquisizione pianificata da parte del capo di Tesla Elon Musk. A ciò si aggiunge la perdita di valore nei mercati azionari.

“Stiamo parlando di ritracciamenti del 70 percento, 80 percento e oltre”, afferma l’investitore Sachs. Ciò ha portato a un enorme cambiamento nella Silicon Valley: “È iniziato con le società quotate, e ora si è diffuso alle società in crescita e ha avuto un impatto fondamentale sull’intero ecosistema”.

READ  Azione Munich Re: la società si sta riprendendo - DAX e Munich Re sono sulla stessa pagina

Aspettati più acquisizioni

L’indice azionario S&P 500, dominato dai titoli tecnologici, ha perso oltre il 20% del suo valore finora quest’anno. Non c’è una vera bolla al momento, afferma Lars Mayer dello studio legale globale Freshfields Bruckhaus Deringer. Lo studio legale di Mayer ha un grande ufficio a Redwood City, nel cuore della Silicon Valley. Freshfields regola le acquisizioni e le fusioni nel settore tecnologico.

“Tuttavia, vediamo un contesto di mercato stabile. Ci sono ancora investitori che investono in quest’area”, afferma l’avvocato. “Ci sono ancora aziende ben gestite con team fondatori molto ben consolidati e collaudati che possono guidare tutto in sicurezza attraverso le crisi”. Quindi non crede davvero in una bolla. Tuttavia, in alcuni casi, si è verificata una “certa correzione”.

Le valutazioni di molte aziende sono ora molto basse. Quindi Meyer si aspetta più acquisizioni nella Silicon Valley: “Puoi anche vedere che ci sono ancora ottimi affari sul mercato”. Gli esempi includono la prevista acquisizione da 61 miliardi di dollari di VMware, specialista nel cloud, da parte della società di chip Broadcom. Il programma Twitter di Elon Musk.

Delusione dopo l’escalation dell’epidemia

E cosa dicono i dipendenti dell’azienda tecnologica? Molti temono, in particolare i dipendenti di aziende come il servizio di videoconferenza Zoom o la piattaforma di streaming Netflix, che sono state celebrate durante la pandemia. Ora sono preoccupati per il loro lavoro.

La stessa cosa è successa al fornitore di servizi finanziari Robinhood. Al lancio dell’exchange lo scorso anno, il prezzo delle azioni a volte superava i 70 dollari. La carta ha ora un prezzo di nove dollari. Quasi ogni decimo dipendente ha ricevuto una disdetta.