Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’elefantino è sufficiente anche per gli strumenti a fiato

Innumerevoli concerti e festival sono stati rinviati e cancellati nei primi giorni della pandemia di coronavirus. Gli eventi in seguito si sono ripetuti, ma per lo più con un numero limitato di spettatori. Al fine di proteggere al meglio il pubblico e gli artisti dalle infezioni, è stata data un’attenta considerazione anche a come i musicisti sono stati distribuiti sul palco; A volte cambiavano le munizioni per usare più corde che fiati.

Un gruppo di ricerca dell’Università della Pennsylvania, insieme alla Philadelphia Orchestra – un’orchestra sinfonica della Pennsylvania fondata nel 1900 – ha studiato una serie di polvere atmosferica Era già prodotto da strumenti a fiato e distribuito nella regione. I risultati sono stati Nel diario di fisica dei fluidi il petto.

Gli aerosol si comportano in modo simile al parlare

I ricercatori hanno utilizzato le visualizzazioni per descrivere l’effusione di strumenti a fiato in un’orchestra, come una tromba. Quindi hanno tracciato le particelle con un laser. Hanno anche misurato la concentrazione di aerosol utilizzando un contatore di particelle. Queste due misurazioni sono state quindi combinate per calcolare come la velocità dell’aerosol diminuisce con l’aumentare della distanza dal dispositivo.

Paulo E. Aratea

Visualizza il flusso che emana dalla tromba

Risultato sorprendente: gli aerosol emessi dagli strumenti a fiato hanno la stessa concentrazione e grandezza di distribuzione degli aerosol emessi durante il normale parlare e respirare. Le misurazioni del flusso hanno anche dimostrato che la velocità con cui l’aerosol esce dal dispositivo è molto inferiore alla velocità con cui l’aerosol esce quando si tossisce o si starnutisce.

Bastano due metri

“Idealmente, i musicisti si siedono uno accanto all’altro quando compongono e compongono musica: questo è diventato un problema durante la pandemia di coronavirus”, afferma l’autore dello studio. Paolo ArateaProfessore al Dipartimento di Ingegneria dell’Università della Pennsylvania. “Ma siamo rimasti sorpresi dal fatto che la quantità di aerosol prodotti dalle macchine eoliche sia nella stessa gamma del linguaggio normale”.

Si aspettava “velocità del flusso e concentrazioni di aerosol significativamente più elevate”. La distribuzione dell’aerosol non supera i 2 metri: viene misurata dall’apertura del dispositivo. Di conseguenza, i musicisti che suonano i fiati devono stare a circa due metri di distanza – o come si potrebbe dire in Austria: la lunghezza di un elefantino – sul palco.

Successivamente, il team di ricerca vuole studiare la concentrazione di aerosol e la velocità di diffusione generate dall’interazione dell’intera orchestra. L’autore dello studio Aratia spera che in futuro le autorità sanitarie lo includano nei requisiti per l’attuazione sicura di concerti e festival.

READ  Focolaio di febbre di Lassa: primo morto! La prossima pandemia è imminente?