Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Eintracht va a Berlino

L’Eintracht va a Berlino

  1. Pagina iniziale
  2. solitudine

creatura:

da: Thomas Kilchenstein, Daniel Schmidt

Gioia concentrata: Daichi Kamada (al centro) festeggia il gol del 2-1 con Christopher Lenz (a sinistra) e Ivan Ndica. © dpa

Nel momento cruciale, il Francoforte ha sviluppato nuovamente la sua vecchia forza e ha battuto lo Stoccarda 3:2 dopo essere stato in svantaggio per 1-0.

L’Eintracht Frankfurt ha afferrato questa goccia con entrambe le mani, il che avrebbe potuto consentire al club della Bundesliga dell’Assia di fare un lucroso affare europeo che si trovava da solo da qualche parte in Svevia. È stato un po’ sorprendente dopo la lunga serie negativa delle ultime settimane senza vittorie proprie, visto che l’Eintracht Francoforte ha raggiunto la finale della Coppa DFB. E mercoledì sera c’erano 50.000 spettatori, tra cui il direttore sportivo della DFB Rudi Voller e l’ex allenatore della nazionale Joachim. Löw, in semifinale contro lo Stoccarda, ha ottenuto un successo quasi eroico 3: 2 (0: 1).

Dramma dell’ultimo minuto: Aurelio Bota avrebbe dovuto commettere un fallo di mano su calcio di rigore nella propria area di rigore? L’arbitro Daniel Schlager ha deciso davanti allo schermo: No! “È stato un parto difficile e certamente non una festa del calcio, ma ha dimostrato che ci aspettano partite così speciali”, ha detto il portavoce del consiglio Axel Heilmann.

Gli Hessiani giocheranno la finale a Berlino il 3 giugno, dove incontreranno l’RB Leipzig, che il giorno prima ha sconfitto in modo impressionante l’SC Freiburg. Dopo il 2017 e il 2018, questa è la terza finale dell’Eintracht in sei anni. Il Lipsia è il campione in carica.

L’Eintracht, che da mesi langue in Bundesliga, continua a sognare di impreziosire questa marcio seconda metà di stagione con un posto in finale e magari salvare l’intera stagione con una vittoria in coppa. Quindi gli assiani possono almeno raggiungere l’obiettivo sportivo di un posto di partenza internazionale. Non sembra che questo sia possibile attraverso il campionato, la coppa rimane l’ultima speranza.

READ  L'Ungheria fa esplodere il sogno mondiale dell'Italia: le Nazionali

A Stoccarda, l’Eintracht ha saputo dimostrare ancora una volta di essere una squadra che gioca in momenti speciali. Ogni volta che Spitz era sul bottone, è stata all’altezza della situazione con prestazioni straordinarie e il colpo di stato a Stoccarda non era direttamente previsto. Ma questa volta, il cosiddetto gene della Coppa di Francoforte è riuscito a svilupparsi e la squadra dell’Assia ha resistito anche a Stoccarda, battendo Magdeburg (4-0), Stuttgarter Kickers (2-0), Darmstadt 98 (4-2) e Union Berlino (2: 0) – innocuo. È stato impressionante.

Come previsto, l’allenatore Oliver Glassner è riuscito a fare a meno degli attaccanti Randall Kolo Mwani e Djibril Sow e del difensore Ivan Ndyka, con il pacemaker Jesper Lindström a bordo. Fondamentalmente, gli Assiani avevano la presunta formazione più forte sulla carta. Tuttavia, non sono stati in grado di mostrare questa evidente qualità nel primo tempo. Al contrario: gli ospiti sono rimasti chiaramente colpiti dall’atmosfera generale nell’ampio cerchio dell’Arena di Stoccarda accanto al Cannstadter Wassen. Nella vicina Schleyer-Halle, la cantante pop Helene Fischer potrebbe aver avuto problemi a soffocare il rumore del campo di calcio.

All’inizio era un gioco selvaggio e selvaggio, e c’era molto da sperimentare. Mario Gotze ha ricevuto un cartellino giallo quattro minuti dopo, così come Djibril Sow un minuto dopo. Entrambi gli avvertimenti hanno lasciato il segno e non avevano lo scopo di diminuire l’incertezza generale nella squadra di Francoforte. La squadra di Francoforte sembrava turbata, non si metteva le pantofole, e Sow, Götze e, soprattutto, Daichi Kamada erano inizialmente più coinvolti con se stessi che con l’avversario, che mostrava passione, erano agili e leggermente esagerati nella loro tendenza ad agire.

READ  Giro d'Italia dopo la corsa a gironi: Merlier vince a Padova

Il fatto che lo Stoccarda sia andato in vantaggio dopo 19 minuti non è più stata una grande sorpresa. Waldemar Anton ha inviato il nuovo giocatore della nazionale Josha Vajnomann sulla sua fuga, Ndica ha fornito solo la scorta, Thiago Thomas è stato in grado di accettare un cross nell’area di rigore del Francoforte e usarlo con un tiro secco nell’angolo del portiere per fare 1; 0. Kevin Trapp non sembrava molto felice lì, ma ha fatto una brillante parata in seguito contro Silas (35° posto), che si è rotto da solo.

La partita per l’Eintracht è stata lenta, senz’anima, senza idee. Per quella che è sembrata un’eternità, la palla è stata passata avanti e indietro a centrocampo e indietro senza trovare spazio. Le mancavano vigore, destrezza, passione e forza. Solo Makoto Hasebe ha provato occasionalmente a passare un passaggio filtrante a Randall Kolo Mane, l’unico che inizialmente ha formato almeno un accenno di minaccia da gol. Ha anche creato la scena più calda nell’area di rigore di Stoccarda. Il subentrato Axel Zagado lo aveva fatto cadere a terra in area di rigore, che puzzava fortemente di rigore, ma l’arbitro Schlager (Rastat) ha deciso di continuare a giocare dopo aver consultato l’assistente dell’arbitro video. Fondamentalmente, gli Assiani hanno sparato un solo colpo – innocuo – nella prima sezione.

Girati dopo la pausa

Ma l’allenatore Oliver Glasner deve aver detto qualcosa di speciale alla squadra nello spogliatoio: dopo il riavvio, un’altra squadra di Francoforte era in campo, prima della lotta e ha mostrato una faccia diversa. È stato Kamada a perdere subito una buona occasione (47° posto). Poi è stato Ivan Ndyka, prima poco appariscente, a segnare il pareggio (51) dopo i preliminari di Linz e Kolo Mwani. E appena tre minuti dopo, Kamada segna il 2-1 con un tiro dalla distanza (55′). Le abilità dei giapponesi sono esplose di nuovo, battendo i giocatori dello Stoccarda e segnando un gol. Potevi letteralmente sentire le rocce che cadevano dalla sua anima fino alla superficie dell’anfiteatro.

READ  Le qualificazioni agli Europei in diretta TV e streaming gratuito

Era Kolo Mwani, il piantagrane costante, che avrebbe dovuto chiudere il sack dopo 70 minuti, ma ha calciato la palla oltre la porta da cinque metri fuori. Poi ha fatto un lavoro ancora migliore sette minuti dopo: trasformando un calcio di rigore che ha portato il 77 a segnare il 3-1, Kamada lo ha usato abilmente in contropiede e il portiere del VfB Fabien Prideaux ha steso il francese.

È stato Enzo Milot a riportare il VfB sul 2:3 a sette minuti dalla fine. E l’Eintracht ha dovuto rabbrividire per dieci minuti prima che il volo per Berlino fosse pieno.