Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le riforme di Troia: la delusione in Italia

MGli italiani hanno celebrato la loro festa nazionale il 2 giugno con occhi ansiosi per un futuro incerto. Il ricordo di aver vinto il Medioevo fondando la Repubblica nel 1946 non poteva dissipare le attuali preoccupazioni. I controlli dell’epidemia sono scaduti. Ma le speranze che le nuove libertà portino a una rapida prosperità sono svanite a causa della guerra e dell’inflazione in Ucraina, come altrove. Il governo ha dovuto abbassare notevolmente le sue previsioni di crescita. L’Italia, come la Germania, dipende dal gas russo e ora ha bisogno di un Tour de Force per staccarsi dal suo principale fornitore.

Ma questo è un altro enorme compito nella lunga lista di recenti conquiste di forza. L’Italia ha promesso una serie di riforme strutturali, insieme a miliardi di stanziamenti dal Fondo europeo per la ricostruzione, per garantire uno slancio di modernizzazione sostenibile. La guerra distoglie l’attenzione dalle riforme, ma non può esserci nulla di sbagliato nell’ignorarle. Perché le economie nazionali devono essere sane e competitive, soprattutto in tempi di conflitto. L’ex presidente del Consiglio e commissario Ue Mario Monti ha recentemente dato il suo nome Mario Tracy Ha affermato che le riforme strutturali non sono andate abbastanza lontano.

In effetti, molti regimi come le pensioni, il taglio della burocrazia, la magistratura e il diritto della concorrenza sono frammentati. Il fatto che il “Super Mario” celebrato come il salvatore dell’euro bollisse solo con l’acqua era già chiaro a molti italiani quando è entrato in carica come capo del governo. Deluso dopo 15 mesi, ma non deluso. La sua opera di riforma è senza dubbio un passo nella giusta direzione, ma può essere solo un inizio. Il clima politico oggi è diverso da quello di allora Monti, che ha portato molte riforme dal 2011 al 2013 sotto la pressione della crisi del debito sovrano. Purtroppo i suoi eredi, in particolare i riformatori pensionistici, presto ritirarono molte cose.

Al contrario, Draghi crede in un cambiamento duraturo e lavora nelle arti possibili, perché nella sua coalizione di governo non potrebbe governare senza i partiti popolari dalla destra all’estrema sinistra. La pressione di Bruxelles è molto importante perché Dargah ha bisogno di aiuto nella lotta contro l’opposizione interna. Tuttavia, ora il tempo per lui sta finendo. Sempre più spesso i populisti si autoproclamano per le prossime elezioni parlamentari. È discutibile se il percorso di riforma continuerà quando gli italiani finalmente andranno alle urne entro maggio 2023. Draghi è improbabile che continui. Al massimo, in caso di reiterazione dello stallo tra le parti, il suo ordine può essere prorogato. A guidare il referendum sono il populista di destra Fratelli de Italia – la notevole opposizione – e il Partido Democratico di centrosinistra. La vittoria dei populisti di destra porterà al primato di una politica economica anticoncorrenziale che si fida dello Stato e rifiuta di intervenire all’esterno. In queste circostanze, il Medioevo minacciava l’Europa.

READ  Rivolte e attentati: l'Italia discute di integrazione