Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le conseguenze delle sanzioni? Le prime banche russe a vacillare

Sanzioni notevoli: Usa, Gran Bretagna e Unione Europea hanno cercato di fare pressione su molte banche russe con misure diverse. Il primo ora ha bisogno di un’iniezione di denaro.

Secondo le stime della Banca centrale nazionale, alcune banche del settore finanziario russo, che sono state colpite dalle sanzioni occidentali, hanno bisogno di capitale aggiuntivo. Inoltre, le 20 maggiori istituzioni finanziarie del paese dovrebbero essere esaminate per la loro solidità finanziaria entro la fine del mese.

Le banche russe hanno un capitale di riserva totale di circa sette trilioni di rubli (124 miliardi di dollari), ha affermato mercoledì il primo vice governatore Dmitry Tulin in una conferenza bancaria. “Alcune banche dovranno iniettare capitale”, ha aggiunto Tolin, senza nominarle. “Non conosciamo ancora tutti i dettagli dell’apporto di capitale, ma abbiamo la capacità di risolvere tutti i problemi delle banche”, ha aggiunto.

Esclusione da SWIFT

Diverse importanti banche russe – da Sberbank e VTB di proprietà statale a AlfaBank privata e altre – sono state colpite da diverse sanzioni occidentali. È così che gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Unione Europea hanno reagito alla guerra russa in Ucraina, iniziata con l’invasione del 24 febbraio 2022.

Il sistema bancario russo ha dovuto affrontare una crisi di liquidità dopo l’invasione poiché molti cittadini hanno ritirato i propri risparmi. Dopo che la banca centrale ha alzato i tassi di interesse al 20% per evitare la volatilità, le persone hanno iniziato a restituire i loro soldi. Inoltre, ai russi era vietato trasferire ingenti somme di denaro all’estero per proteggerli dalla svalutazione del rublo.