Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

Le autorità italiane hanno imbrogliato: l’oligarca ripara il dirottamento della barca

Le autorità italiane hanno barato
L’oligarca ha catturato la barca dirottata

Di Uladzimir Zhyhachou

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, le autorità italiane hanno sequestrato uno yacht in Sardegna appartenente all’oligarca Dmitry Mazepin. Ma la nave scompare dal porto senza lasciare traccia. Apparentemente, le grandi imprese allineate al Cremlino hanno realizzato una trama degna di un film.

Uno yacht di lusso appartenente all’oligarca russo Dmitry Mazepin, trattenuto in Sardegna a causa delle sanzioni dell’UE, è misteriosamente scomparso dal suo porto durante l’estate. Il quotidiano britannico “The Guardian” ha riferito che l’altabra lunga 22 metri, valutata tra i 700.000 e il milione di euro, è stata sequestrata a marzo quando ha attraccato al porto di Olbia ed è arrivata sull’isola di Mazepin. Elenco delle sanzioni dell’Unione europea contro l’invasione russa dell’Ucraina.

Nonostante le sanzioni, la nave è stata in grado di lasciare il porto a giugno, poche ore prima che le autorità italiane ricevessero la conferma definitiva che la barca apparteneva effettivamente a Mazepin. Secondo The Guardian, la polizia ha detto che l’oligarchia aveva assunto una ditta straniera per lo scopo. Hanno fornito un capitano per guidare la barca fuori dal porto. L’attuale ubicazione della nave è sconosciuta. Come ha spiegato ulteriormente la polizia, tutte le persone coinvolte – lo stesso Mazepin, la compagnia e il capitano – rischiano multe fino a 500.000 euro.

Sequestrata una villa da 100 milioni di euro

Dmitry Mazepin, azionista di maggioranza e comproprietario della società mineraria Uralkali. Il 54enne è considerato un confidente del leader del Cremlino Vladimir Putin. È il padre dell’ex pilota di Formula 1 Nikita Mazebin, che ha lasciato la sua cabina di pilotaggio per il team americano Haas pochi giorni dopo che le truppe russe hanno invaso l’Ucraina. era perso. L’appassionato di sport motoristici si è precedentemente rifiutato di condannare la guerra di aggressione. Anche l’accordo con il principale sponsor Uralkali è stato risolto.

All’inizio di marzo, Dmitry e Nikita Mazebin sono stati aggiunti all’elenco delle sanzioni dell’UE. Il 24 febbraio, giorno in cui è iniziata la repressione dell’Ucraina, l’oligarca ha partecipato a un incontro con Putin al Cremlino. Ad aprile la guardia di finanza aveva già una villa in Sardegna da 100 milioni di euro. ConfiscatoCausa Mazepins.

READ  La comoda mobilità elettrica con E.ON drive è ora disponibile in Italia, Belgio e Lussemburgo