Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’attuale studio: immunità a vita contro una lieve infezione corona? – Consigliere

Chi è stato vaccinato e guarito da Corona gode di nuove libertà. E per questi ultimi, potrebbe essere vero che la loro malattia garantiva loro protezione dal virus per tutta la vita, almeno se avevano un decorso lieve.

Questo è il risultato di uno studio condotto dalla Washington University School of Medicine di St.Louis (USA), pubblicato sulla rivista specializzata “natura” È stato pubblicato. Secondo questo, dopo circa un anno, i pazienti che si sono ripresi da Corona con sintomi lievi hanno ancora anticorpi che proteggono da una nuova infezione. I ricercatori presumono che questa protezione possa durare tutta la vita.

Gli anticorpi non scompaiono

Gli scienziati affermano che i rapporti iniziali secondo cui gli anticorpi presunti contro la corona si attenueranno rapidamente dopo l’infezione non includeranno tutti i fatti. Ad esempio, il numero di cellule immunitarie che producono anticorpi diminuirà dopo il recupero, ma non scompariranno completamente.

“È normale che gli anticorpi diminuiscano dopo un’infezione acuta, ma non raggiungono lo zero, ma piuttosto raggiungono lo stadio di stabilità”, spiega Ali Al-Bedi, uno degli autori dello studio e professore di patologia, immunologia e microbiologia molecolare.

Per vedere quanto dura davvero l’immunità al coronavirus, Ellebedy e il suo team hanno prelevato sangue e midollo osseo da un totale di 77 partecipanti allo studio sopravvissuti a una lieve infezione da COVID-19.

Il sangue veniva prelevato ogni tre mesi per un mese dopo l’infortunio. Diciotto partecipanti hanno anche fornito midollo osseo da sette a otto mesi dopo l’infezione. Cinque di loro hanno fornito un secondo campione di midollo osseo circa un anno dopo la lesione. Per fare un confronto, il team ha anche raccolto midollo osseo da 11 persone che non avevano mai avuto il coronavirus.

READ  Approvvigionamento di vitamina D e percorso COVID-19: un caso di studio

Risultato: sebbene il numero di anticorpi nel sangue diminuisca entro pochi mesi, non sono completamente scomparsi e sono ancora rilevabili dopo undici mesi.

F: Quindici campioni di midollo osseo contengono cellule che producono anticorpi anti-corona. Queste cellule erano ancora presenti nel midollo osseo dei cinque pazienti che hanno fornito un secondo campione quattro mesi dopo. “Non partecipano. Dorme, sta solo seduto nel midollo osseo e produce gli anticorpi. Lo fanno da quando l’infezione si è attenuata e continuerà a farlo a tempo indeterminato”, dice Ellipidi con convinzione.

Tutte le undici persone che non avevano COVID-19 avevano nessuna di queste cellule nel midollo osseo.

Che aspetto ha l’immunità nei casi gravi?

Gli autori dello studio suggeriscono che le persone con sintomi più gravi possono avere meno protezione. “L’infiammazione gioca un ruolo importante nei cicli gravi di COVID-19 e un’infiammazione eccessiva può portare a risposte immunitarie irregolari”, ha detto Jackson Turner, professore di patologia e immunologia. D’altra parte, il motivo comune per cui le persone si ammalano davvero è che hanno molti virus nel loro corpo e questo può portare a una buona risposta immunitaria.

Per chiarire concretamente tutto questo, lo studio dovrebbe essere ripetuto nelle persone con infezione da moderata a grave.

E i vaccinatori? Qui il team ora vuole indagare se hanno avuto la stessa immunità a lungo termine di coloro che si sono ripresi e di coloro che hanno seguito un corso lieve.