Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’attacco della Cina al confine indiano: i soldati si picchiano a vicenda con i bastoni

Sono i due eserciti con più truppe al mondo: Cina e India insieme hanno più di 3,5 milioni di soldati pronti al combattimento, dotati di quasi 500 testate nucleari e quasi diecimila carri armati.

Ora i soldati delle due parti hanno ripreso gli scontri al confine sino-indiano in Himalaya. Ma invece di usare armi pesanti, i soldati si sono attaccati a vicenda con bastoncini di bambù!

Il ministro della Difesa indiano Rajnath Singh ha annunciato martedì che i soldati di entrambe le parti sono rimasti feriti. L’incidente è avvenuto venerdì nello stato indiano nord-orientale dell’Arunachal Pradesh.

Il ministro indiano Singh ha accusato i soldati cinesi di aver invaso l’area intorno al confine nel distretto di Tawang. L’esercito indiano è riuscito a respingere gli invasori.

Il motivo del confronto: la Cina rivendica lo stato indiano dell’Arunachal Pradesh come suo stato. Gli incidenti si sono verificati più e più volte al confine, l’ultimo dei quali nel giugno 2020. A quel tempo 20 soldati indiani e quattro cinesi sono stati uccisi nei combattimenti. Si sono attaccati a vicenda con pugni, bastoni e pietre.

Perché: per prevenire la guerra, i soldati della zona di solito si astengono dall’usare armi da fuoco. E anche venerdì. Il noto politologo Carlo Masala (54 anni, Bundeswehr University) ha condiviso un video dell’incidente su Twitter. Puoi vedere i soldati urlanti su entrambi i lati che combattono con i bastoni. Con il progredire della battaglia, gli attaccanti cinesi vengono sconfitti dai soldati indiani.

Qui è dove troverai i contenuti di Twitter

Per interagire o visualizzare i contenuti di Twitter e altri social network, abbiamo bisogno del tuo consenso.

Dopo l’incidente del 2020, gli eserciti cinese e indiano hanno dispiegato migliaia di soldati lungo il confine. Dopo complesse trattative, gli striscioni indicavano inizialmente un allentamento all’inizio del 2021: in quel momento, i paesi hanno accettato di ritirare parte delle loro forze. Lo scorso settembre, Cina e India hanno ritirato altre truppe. Nel 1962, le potenze nucleari combatterono una breve ma feroce guerra di confine.

READ  L'"onda rossa" non è ancora apparsa