Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’asteroide appena scoperto si sta avvicinando alla Terra rispetto ai satelliti di oggi

L’asteroide appena scoperto si sta avvicinando alla Terra rispetto ai satelliti di oggi

  1. Pagina iniziale
  2. Conoscenza

creatura:

a partire dal: Stendardo Tanya

Un asteroide molto vicino alla Terra. (immagine dell’icona). © dpa

L’asteroide 2023 BU è stato appena scoperto e sta già sfrecciando vicino alla Terra. È più vicino alla superficie di molti satelliti.

Aggiornamento da giovedì 26 gennaio 2023, 16:57: Stasera (26 gennaio alle 22:17), l’asteroide 2023 BU appena scoperto volerà vicino alla Terra. Come dichiarato dalla NASA, a una distanza di poco inferiore ai 3.600 chilometri, sarà uno degli avvicinamenti più ravvicinati alla Terra mai registrati.

Resta che l’asteroide non colpirà la Terra, anche se sarà all’interno dell’anello dei satelliti geostazionari. Ma anche se la BU 2023 colpisce la Terra: una dimensione stimata da 3,5 a 8,5 metri, l’asteroide diventerà una palla di fuoco quando entrerà nell’atmosfera terrestre e brucerà nell’atmosfera terrestre. Secondo la NASA, alcuni grossi pezzi di detriti potrebbero cadere sulla Terra, ma lì non faranno alcun danno.

L’asteroide 2023 BU appena scoperto è molto vicino alla Terra

Primo rapporto da mercoledì 25 gennaio 2023: Francoforte – quasi ogni giorno asteroidi Avvistato volare vicino al suolo. “Vicino” di solito significa una distanza di diverse centinaia di migliaia di chilometri o più. Ma nel caso dell’asteroide appena scoperto 2023 BU È diverso?È molto vicino alla Terra, molto più vicino dei satelliti geostazionari che orbitano attorno al pianeta blu a una distanza di circa 36.000 km.

2023 BU
Asteroide Apollo
21 gennaio 2023
Gennadij Borisov
Da 3,8 a 8,5 metri
3506 chilometri il 26 gennaio 2023 alle 22:17

L’asteroide ha una dimensione compresa tra 3,8 e 8,5 metri e si avvicinerà alla superficie terrestre giovedì (26 gennaio alle 22:17) a una distanza di 3.506 chilometri. Per fare un confronto: questo è meno del tre percento della distanza media tra la Terra e Luna (384.400 chilometri).

READ  t3n - I pionieri digitali | Il giornale per il business digitale

L’asteroide 2023 BU è più vicino alla Terra di alcuni satelliti

L’asteroide 2023 BU è stato scoperto solo pochi giorni prima del suo avvicinamento più vicino alla Terra. Il 21 gennaio 2023 è stato visto per la prima volta dall’astronomo dilettante russo Gennady Borisov all’Osservatorio di Margo in Crimea. Borisov non è estraneo alla scena dell’astronomia: è stato il primo ad iniziare Cometa interstellare 2I/Borisov Scoperto nel dicembre 2018. È anche uno dei primi a notarlo Forse una piccola luna della Terra.

Nessuna minaccia per la Terra: Asteroid 2023 BU è molto piccolo

Anche se l’asteroide 2023 BU si avvicina alla Terra, non c’è pericolo. “L’asteroide vicino alla Terra 2023 BU avrà un incontro molto ravvicinato ma certo con noi”, ha scritto l’astronomo italiano Gianluca Massi sul sito web del Virtual Telescope Project. Il progetto studierà l’asteroide durante il suo avvicinamento alla Terra appaiono nella trasmissione in diretta.

A causa delle sue piccole dimensioni, l’asteroide non può essere visto nel cielo ad occhio nudo, a differenza di a Una palla di fuoco sul Canada sconcerta i ricercatori. Solo i grandi telescopi possono individuare il debole asteroide nel cielo.

L’asteroide 2023 BU non è pericoloso: potrebbe rompersi

Gli esperti non hanno classificato l’asteroide 2023 BU come “potenzialmente pericoloso”. Ciò è dovuto principalmente alle loro dimensioni: sono piccoli e devono disintegrarsi quando entrano nell’atmosfera terrestre, ipoteticamente le singole parti dovrebbero bruciare.

bollettino satellitare

Iscriviti alla newsletter dello spazio gratuito e tieniti informato.

BU 2023 impiega 425 giorni per orbitare intorno al sole una volta. Non si avvicinerà di nuovo alla Terra fino al 27 dicembre 2029, ma poi sarà a quasi nove milioni di chilometri dal nostro pianeta. (scheda)

READ  Ubisoft mostra come l'accessibilità può essere gestita correttamente