Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’Albania prende in prestito dall’Italia – EURACTIV.com

Il governo albanese ha ottenuto un prestito di 30 milioni di euro dall’Italia per rafforzare la capacità di protezione civile del paese, in particolare nei vigili del fuoco, secondo il ministro della Difesa Niko Peleschi.

L’annuncio è stato fatto durante una riunione di gabinetto lunedì (19 dicembre) e i piani includono l’istituzione di un centro di protezione civile, strutture di ricerca e soccorso e l’acquisto di due elicotteri per aiutare a combattere gli incendi boschivi.

“È stata approvata la bozza di decisione tra Italia e Albania sull’istituzione di un sistema di protezione civile. L’Italia si è impegnata a sostenere la protezione civile all’estero con 30 milioni di euro. “Sarà costruito un centro di protezione civile e saranno allestiti 12 pronto soccorso in rete in tutte le province”.

Di conseguenza, dovranno essere acquistati veicoli e attrezzature per i vigili del fuoco e una parte del prestito sarà investita nell’acquisto di elicotteri antincendio. L’attuale flotta non è in servizio a causa di problemi irrisolti con i contratti di manutenzione.

Secondo il ministro, anche le attività di formazione per i vigili del fuoco dovrebbero essere finanziate con l’aiuto del denaro.

Nel 2021, l’Albania ha vissuto una stagione degli incendi superiore alla media che ha distrutto migliaia di ettari in tutto il Paese.

Nel 2022, nonostante la situazione fosse molto peggiore, centinaia di ettari erano ancora distrutti e la Grecia ha inviato due idrovolanti per combattere gli incendi, ha sottolineato il commissario Ue per la gestione delle crisi, Janes Lenarczyk.

“L’ondata di caldo si diffonde in tutto il sud-est dell’Europa e c’è un alto rischio di incendi boschivi. In risposta alla richiesta di assistenza dell’Albania nell’ambito del meccanismo di protezione civile dell’UE, la Grecia ha esteso il suo sostegno”, ha twittato Lenarčič.

READ  Interesse per Union Ryerson dall'Inghilterra e dall'Italia

Uno studio pubblicato nel 2013 ha raccomandato al governo, tra l’altro, di attrezzare meglio i vigili del fuoco per combattere gli incendi nelle zone inaccessibili. Occorre pertanto migliorare la formazione dei vigili del fuoco e aumentare la capacità dei vigili del fuoco volontari.

Sono stati formulati suggerimenti per modificare le leggi esistenti e migliorare il coordinamento e la cooperazione tra organizzazioni e istituzioni.

Tuttavia, la situazione dovrebbe continuare a peggiorare. I paesi balcanici devono ancora sentire gli effetti del cambiamento climatico, come temperature più elevate, estati più lunghe e meno precipitazioni. L’estate del 2022 è stata una delle più calde degli ultimi anni, con temperature superiori ai 33 gradi dall’inizio di giugno e fino a 43 gradi in diverse occasioni.

È probabile che ciò aumenti e prolunghi il rischio di incendi boschivi e boschivi. Alcuni studi Secondo l’Albania e altri paesi della regione, la stagione degli incendi dovrebbe aumentare da due a sei settimane nei prossimi 40 anni.