Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

L’agonia dei numeri: quanto sono importanti i dati clinici in una pandemia?

Aggiornato il 27 agosto 2021 alle 15:07

  • Sempre più persone sono completamente protette dalla vaccinazione SARS-CoV-2.
  • Per questo motivo, informazioni diverse dal numero di nuovi contagi ogni giorno stanno gradualmente diventando il focus per valutare lo stato attuale di Corona.
  • Ecco quanto possono diventare importanti i dati clinici in una pandemia.

Puoi trovare informazioni più aggiornate sul coronavirus qui

L’unico valore ideale da cui si possono derivare le necessarie metriche dell’aura è in pandemia Non esistono. Sarà inoltre necessario tenere conto di molti fattori. Tuttavia, i cambiamenti nella ponderazione dei dati sono del tutto possibili con i progressi nelle vaccinazioni.

E la situazione negli ospedali giocherà presto un ruolo più importante del semplice numero di contagi. Quali indicazioni cliniche ci sono e cosa dicono?

Cosa significa “7 giorni di ricovero”?

Oltre all’incidenza di 7 giorni di nuove infezioni, la pandemia registra anche il numero di persone che si recano in clinica a causa di una diagnosi di COVID-19. queste Il “tasso di ospedalizzazione a 7 giorni” rappresenta i casi segnalati Più di una settimana ogni 100.000 abitanti.

Casi in cui un paziente viene in clinica a causa di un’altra malattia o per un’operazione e anche per un test Corona È stato dimostrato che non è stato segnalato dagli ospedali. Nella relazione sulla gestione del Robert Koch Institute (RKI) giovedì il valore ha superato 1,5 e il trend continua a salire.

Il tasso di infezione di sette giorni è aumentato di nuovo. Secondo il Robert Koch Institute (RKI) venerdì mattina era 70,3 – il giorno prima il valore era 66,0, una settimana fa era 48,8.

Il massimo precedente era di circa 15,5 nel periodo natalizio. L’incidenza a 7 giorni è calcolata in base alle informazioni RKI in base alla data comunicata all’Azienda Sanitaria Locale.

READ  Un'enorme ondata di influenza minaccia: gli esperti avvertono delle conseguenze indirette delle azioni di Corona sui virus influenzali

Esiste un limite critico al verificarsi del ricovero?

Per l’Associazione Ospedaliera Tedesca (DKG), non esiste attualmente un limite fisso che può essere superato per portare la situazione fuori controllo. Bisogna invece differenziare. “Il collo di bottiglia rimane i pazienti con COVID nell’unità di terapia intensiva”, afferma Gerald Gass, CEO di DKG.

Sperimentando le ondate della pandemia, è noto che le unità di terapia intensiva a livello nazionale hanno essenzialmente un limite di gravidanza di circa 5.000 casi di COVID-19. Tuttavia, ciò si applica già a condizione che le operazioni pianificabili siano rinviate.

Cosa significa un aumento dei ricoveri per i reparti regolari?

Con più pazienti COVID-19, avrai un’esposizione significativamente maggiore, ad esempio attraverso misure di isolamento e protezione per i dipendenti, aggiunge Gass. Ma guardando al reparto di terapia intensiva, dove un paziente Covid-19 ha bisogno di cure molto più intensive di altri pazienti, non c’è paragone.

“Sono necessari fino a cinque infermieri per trasportare un paziente COVID ventilato da solo”. Tuttavia, in questo contesto, è importante sapere quanti pazienti COVID-19 dovranno essere trasferiti dalle unità di cure regolari alle unità di terapia intensiva a causa della gravità della loro malattia.

Nella prima ondata era del 14%, circa uno su sette. Il prezzo sarà probabilmente basso oggi, ma i dati finali corretti sono ancora in sospeso, secondo DKG.

Cosa influenza il numero di pazienti COVID-19 nelle cliniche?

Questo è un intero insieme di fattori. Oltre all’incidenza dell’infezione, anche i tassi di vaccinazione, la dinamica dell’infezione e i gruppi di età svolgono un ruolo importante nella DKG. Ad esempio, il tasso di ospedalizzazione nelle tabelle RKI mostra la proporzione di tutti i casi di coronavirus segnalati che devono essere trattati in una clinica.

READ  Sette ore ottimali: la mancanza di sonno aumenta il rischio di demenza nella vecchiaia

Secondo i calcoli, questo valore era di circa il 12% nel periodo natalizio e poi si è spostato verso il basso a ondate. In questo momento, è circa il 5 percento, ma sono possibili registrazioni tardive.

Quali altri numeri sono legati alle cliniche?

La Società multidisciplinare tedesca di terapia intensiva e medicina d’urgenza, insieme all’RKI, registra il numero di posti letto occupati o liberi di terapia intensiva (registro Divi). Questi numeri sono aggiornati quotidianamente e le relazioni sono obbligatorie per le cliniche secondo l’associazione.

È stato registrato anche il numero di pazienti COVID-19 nelle unità di terapia intensiva. Il numero massimo della pandemia è stato di 5.762, attualmente è di circa 840 e la tendenza è di nuovo in aumento.

Qual è il significato di tutti questi indicatori clinici?

Per gli esperti, mostrano le tendenze. Non può essere una visualizzazione in tempo reale. Da un lato, secondo l’RKI, tra il contagio e il ricovero passano ancora in media circa 10 giorni.

D’altro canto, i ricoveri registrano i ricoveri, ma non, ad esempio, le dimissioni anticipate.

Leggi anche: Tutte le informazioni attuali sulla pandemia di Corona nel nostro live blog

I ricoveri a livello nazionale possono essere una prova?

Meglio di no. Viene qui delineata una prospettiva regionale. Secondo le idee del Ministero federale della sanità, l’occupazione di cliniche regionali con pazienti affetti da corona diventerà in futuro il criterio principale per l’avvio di contromisure come le restrizioni giornaliere. Poi dovranno decidere gli stati federali.

Quali parametri vogliono i funzionari medici?

Per l’epidemiologo Nikolai Savaskan, ufficiale medico del distretto Neukölln di Berlino, non esiste un sistema legale di segnalazione per l’occupazione dei letti d’ospedale. “Intendo un chiaro sistema di segnalazione ospedaliera in cui tutte le cliniche devono alimentare la propria capacità e occupazione”, afferma.

READ  Dubai sta manipolando il tempo: "vaccinazione contro le nuvole" nella lotta contro il caldo

Su questa base può quindi essere sviluppato un sistema di livello di allarme. “Ciò significa, ad esempio, che ci devono essere conseguenze da una certa percentuale di occupazione dei pazienti COVID. In altre parole, misure per contenere l’epidemia”.

Sarebbe sbagliato rimuovere il limite della polizza di 50 in caso di nuova infezione per 7 giorni?

Per l’ufficiale medico Savascan, l’incidenza dell’infezione rimane un’informazione significativa e importante, ma solo combinata con altri valori come l’età media dei pazienti COVID-19 attualmente trattati. Il sistema di allarme dovrebbe funzionare più rapidamente per molti anziani che per molti giovani, dice. Perché il rischio di forti pendenze è significativamente più alto con loro.

Quando si tratta di tassi di vaccinazione, si dovrebbe anche monitorare la distribuzione per età e quindi fare presentazioni più mirate ai gruppi non vaccinati. Poiché la stragrande maggioranza delle infezioni è tra i non vaccinati, afferma Savaskan. “Le scoperte vaccinali sono molto rare. E anche quando presente, l’infezione è generalmente più lieve. “(Ff/Dpa)

Secondo il Robert Koch Institute, il tasso di infezione di sette giorni per le persone di età compresa tra 15 e 34 anni era quasi il doppio rispetto alla popolazione totale del 26 agosto.