Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La vitamina D può aiutare a curare la depressione?

La vitamina D può aiutare a curare la depressione?


Qual è la relazione tra vitamina D e depressione? Secondo l'ufficiale medico capo Katri Tegtmeier non è facile rispondere a questa domanda. Potete trovare la recensione qui.

La vitamina D è una vitamina liposolubile che può essere immagazzinata dall’organismo. Sarà l'unico vitamina Viene prodotto utilizzando la luce solare. Secondo la Società tedesca di nutrizione il corpo necessita di circa 20 microgrammi al giorno, a condizione che non ci si esponga abbastanza a lungo alla luce solare.

La vitamina D è essenziale per una serie di processi nel corpo, tra cui ossa e denti sani e un buon sistema immunitario. Ma per quanto riguarda psicologicamente? L’assunzione di vitamina D può prevenire la depressione o alleviare i sintomi? Secondo l'ufficiale medico capo Katri Tegtmeyer, la risposta a questa domanda non è così semplice.

Vitamina D e depressione: esistono collegamenti?

La relazione tra depressione e vitamina D è già stata esaminata in diversi studi. 2020 ha un gruppo di ricerca indiano risultati della ricerca La relazione tra vitamina D e depressione è stata esaminata e riassunta in database come PubMed o Cochrane Library. Il team ha esaminato un totale di 61 pubblicazioni ed è giunto alla conclusione che la carenza di vitamina D si riscontra spesso nei pazienti affetti da depressione.

I dati non consentono tuttavia di trarre conclusioni sui collegamenti esatti. A causa della mancanza di prove, il trattamento con vitamina D per la depressione non può essere raccomandato universalmente, ha valutato il gruppo di ricerca indiano. Tuttavia, secondo il German Medical Journal, gli studi indicano che le persone con carenza di vitamina D hanno un rischio maggiore di sviluppare depressione.

READ  Acqua marrone: i laghi stanno diventando più torbidi, rappresentando una minaccia esistenziale per i pesci d’acqua fredda

La vitamina D può prevenire la depressione?

La relazione tra vitamina D e depressione è ancora oggetto di ricerca. “La relazione tra carenze nutrizionali e malattie depressive non è stata ancora dimostrata in modo definitivo”, afferma Katri Tegtmeyer, medico capo del Dipartimento di medicina psicosomatica/psicoterapia e terapia dei traumi. Clinica di vimini A Bad Wildungen.

Sebbene esista un legame tra le persone con carenza di vitamina D e depressione, secondo un ricercatore gli integratori di vitamina D potrebbero essere altrettanto efficaci. Uno studio condotto da un gruppo di ricerca americano Non previene i disturbi depressivi. Sono stati esaminati 18.353 adulti di età pari o superiore a 50 anni. Secondo la metodologia dello studio, la maggioranza, 16.657, non aveva mai sofferto di depressione in precedenza, e 1.696 avevano già sofferto di depressione ma non erano stati trattati negli ultimi due anni. Durò più di cinque anni.

Secondo i ricercatori americani, l’assunzione di vitamina D non ha portato a punteggi sull’umore più alti o a una minore incidenza di sintomi depressivi clinicamente rilevanti rispetto al gruppo placebo. Ogni giorno venivano somministrate 2.000 UI di vitamina D e, secondo il German Medical Journal, “è improbabile che uno studio simile su persone con carenza di vitamina D venga ripetuto nei prossimi anni”.

Importante da valutare: solo l'11,6% dei partecipanti presentava effettivamente una carenza di vitamina D o valori inferiori a 20 ng/mL. Secondo l'Istituto Robert Koch, un livello adeguato di vitamina D si ottiene nel sangue a livelli compresi tra 20 ng/ml e 50 ng/ml.

La vitamina D può aiutare a curare la depressione?

Secondo Katri Tegtmeyer, con un livello di vitamina D superiore a 30 ng/ml, “non si prevede che l’assunzione di vitamina D abbia un effetto significativo sull’umore”. Lo studio ha quindi portato a discussioni tra esperti internazionali di vitamina D. Secondo Katri Tegtmeier sarebbe interessante uno studio in cui i pazienti presentano già una grave carenza. Ma questo è difficile da realizzare: “Condurre uno studio in cui un gruppo riceve un'alternativa in caso di grave carenza e un altro gruppo no, è eticamente difficile”, dice l'esperto. Il difetto dovrebbe essere risolto urgentemente.

READ  Ci sono 3 motivi

Catri Tegtmeier osserva che i pazienti depressi con grave carenza di vitamina D riferiscono anche un miglioramento dei sintomi quando trattati. “Naturalmente questo non è l'unico trattamento per la depressione. Ma lo considero una misura di supporto nell'ambito di un approccio terapeutico olistico”, dice il primario.

Vitamina D contro la depressione: la carenza si compensa in clinica

Secondo Katri Tegtmeier, a tutti i pazienti curati presso la Wicker Depression Clinic viene determinato, tra le altre cose, il loro livello di vitamina D. “La maggioranza aveva una carenza. I valori più bassi sono stati rilevati a marzo: il 46% aveva una carenza grave e il 27% una carenza maggiore. Il 13% dei valori era nel range non ottimale e solo il 14% era nel range ottimale gamma.” Disse il primario.

La vitamina D ha un'elevata funzione protettiva per le cellule nervose del cervello, motivo per cui, secondo il primario, la sua carenza può portare ad una diminuzione delle prestazioni intellettuali. “Inoltre, influisce sulla formazione delle sostanze di trasporto dopamina e serotonina, che sono responsabili, tra le altre cose, del buon umore e della forza mentale”, afferma Katri Tegtmeyer. Il ritmo sonno-veglia è influenzato anche dalla vitamina D. Questo può alleviare uno dei sintomi più comuni della depressione: la difficoltà a dormire. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per comprendere più in dettaglio la relazione tra vitamina D e depressione.