Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La vitamina D giornaliera aumenta la possibilità di sopravvivere al cancro

  1. 24 vita
  2. Vivi sano

creatura:

da: Andrea Pease

In un recente studio, il German Cancer Research Center ha scoperto che l’assunzione giornaliera di vitamina D può aumentare significativamente le possibilità di sopravvivenza per i malati di cancro.

In Germania, una persona su sette soffre di una marcata carenza di vitamina D, più precisamente circa il 15% degli adulti ne è affetto. I livelli ematici di vitamina D sono spesso al di sotto del valore soglia per i malati di cancro. In uno studio, gli scienziati hanno scoperto che il 59% dei pazienti con cancro al colon sottoposti a screening aveva una quantità insufficiente di vitamina D nel sangue. Anche questi pazienti avevano una prognosi sfavorevole.

Ricercatore sul cancro Ben Schotker: È possibile che la vitamina D non protegga dal cancro, ma riduce la mortalità

Lo scienziato Ben Schotker del German Cancer Research Center (DKFZ) di Heidelberg ha valutato gli studi sull’effetto della vitamina D sul cancro. © Tom Schulte / www.tomschultefoto

Al contrario, l’assunzione giornaliera di vitamina D aumenta le possibilità di sopravvivenza in caso di cancro, da un punto di vista puramente statistico. Questo è stato il risultato di una valutazione di 14 studi di altissima qualità condotti da scienziati del German Cancer Research Center (DKFZ) con sede a Heidelberg. Sono stati inclusi i dati di circa 105.000 partecipanti allo studio. La scoperta sorprendente: “La vitamina D probabilmente non protegge dal cancro. Ma statisticamente, la probabilità di morire a causa di essa diminuisce del dodici percento”, afferma l’epidemiologo Ben Schotker in un’intervista con i nostri redattori.

Pioniere della ricerca tedesca nella lotta contro il cancro

Il Centro tedesco per la ricerca sul cancro (DKFZ) impiega più di 3.000 persone, rendendolo la più grande struttura di ricerca biomedica in Germania. Gli esperti lavorano a stretto contatto con gli specialisti del cancro negli ospedali universitari e in altri istituti di ricerca. Tra le altre cose, stanno sviluppando nuovi metodi con cui i tumori possono essere diagnosticati in modo più accurato e i malati di cancro possono essere curati con maggiore successo. DKFZ è finanziato al 90% dal Ministero federale della ricerca e al 10% dallo Stato del Baden-Württemberg ed è membro dell’Associazione Helmholtz dei centri di ricerca tedeschi.

READ  Canada: un astronauta della NASA filma tutto il dramma dallo spazio

Analisi dello studio: l’assunzione giornaliera di vitamina D è fondamentale

L’analisi dello studio da parte degli scienziati del DKFZ ha anche rivelato che l’assunzione giornaliera a basse dosi da 400 a 4.000 UI era cruciale per quanto riguarda le migliori possibilità di sopravvivenza. “La maggior parte degli studi ha utilizzato dosi comprese tra 800 e 2.000 UI di vitamina D3 al giorno che sono comuni nella pratica oggi”, spiega Schotker. Al contrario, dosi singole più elevate assunte raramente non hanno ridotto la mortalità: in questi gruppi di studio, i partecipanti hanno ricevuto tra 60.000 e 120.000 UI di vitamina D3 una volta al mese o meno. Per chiarire: un’unità internazionale (abbreviata i.E.) è un’unità di misura per l’effetto di una sostanza medicinale. È usato per alcune vitamine, ma è anche usato per alcuni ormoni, vaccini e antibiotici.

Un dipendente DKFZ analizza le immagini MRI
Un leader nella ricerca nella lotta contro il cancro: più di 3.000 esperti del DKFZ stanno lavorando a diagnosi migliori e nuovi trattamenti. Qui vengono analizzate le immagini MRI del cancro alla prostata. © Uwe Anspach

Le interazioni della vitamina D nel corpo dovrebbero prevenire la crescita del tumore

Perché l’assunzione giornaliera di vitamina D riduca i decessi per cancro deve essere studiato in modo più dettagliato. Scienziati come Schotker vedono una connessione con le reazioni della vitamina D nel corpo. La vitamina D produce un ormone con il nome scientifico 1,25-diidrossivitamina D, “che potenzialmente inibisce la crescita del tumore”, afferma Schotker.

Controlla i tuoi livelli di vitamina D dopo i 50 anni

In questo contesto, lo scienziato DKFZ Schotker ritiene che abbia senso, in particolare per le persone sopra i 50 anni, far controllare i livelli di vitamina D nel sangue dal proprio medico di famiglia e reintegrare eventuali carenze. Il grosso problema con questo: la carenza di vitamina D non causa alcun sintomo chiaramente identificabile. Questo è uno dei motivi per cui molte persone non sanno che i livelli di vitamina D nel sangue sono molto bassi.

READ  Il prediabete è più pericoloso di quanto si pensasse - La pratica della guarigione

Soprattutto, le persone di età superiore ai 70 anni traggono beneficio dall’assunzione di vitamina D

“Prima dei 50 anni, il rischio di sviluppare il cancro è ancora relativamente basso, motivo per cui è più probabile che ci si aspetti un effetto positivo dell’assunzione di vitamina D nella fascia di età più avanzata”, afferma Schotker. Lo studio DKFZ ha dimostrato che i partecipanti allo studio di età superiore ai 70 anni hanno particolarmente beneficiato dell’assunzione di vitamina D.

Più della metà degli adulti non ha livelli ottimali di vitamina D

Studi dalla Germania hanno dimostrato che poco più della metà degli adulti ha appena sotto la soglia dei livelli ottimali di vitamina D nel sangue. Poiché il livello di vitamina D dipende principalmente dalla luce solare diretta sulla pelle, più persone sono colpite in inverno che in estate. Gli esperti del Robert Koch Institute spiegano: “Come regola generale, il corpo costituisce dall’80 al 90 percento della vitamina stessa nella pelle, con l’aiuto della luce solare, e in particolare con i raggi UVB”. “Con una quota stimata tra il 10% e il 20% circa, la dieta fornisce un contributo relativamente piccolo all’apporto di vitamina D”.