Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La vitamina B12 colpisce il morbo di Alzheimer | Città della salute Berlino

Sabato 17 settembre 2022 – Autore:
zdr

Fornire all’organismo la vitamina B12 metabolica sembra svolgere un ruolo importante nello sviluppo della demenza di Alzheimer, ma anche nella sua prevenzione e cura. Uno studio attuale parla di un “interessante multieffetto”.

La vitamina B12 è coinvolta in un gran numero di importanti processi metabolici: nella formazione del sangue, ad esempio, nella divisione cellulare o nelle funzioni del sistema nervoso. Un recente studio condotto dalla “SRH Hochschule für Gesundheit” di Leverkusen e dall’Università del Saarland indica un legame tra il livello di vitamina B12 nell’organismo e lo sviluppo del morbo di Alzheimer. Gli esperimenti dei ricercatori primari hanno mostrato che un adeguato apporto di vitamina metabolica potrebbe apparentemente prevenire lo sviluppo del morbo di Alzheimer. Al contrario, la sua assenza può portare al rafforzamento della malattia. Lo studio parla di un “interessante multieffetto”.

Morbo di Alzheimer: i depositi di proteine ​​(“placche”) danneggiano la materia cerebrale

Uno dei segni distintivi della malattia è l’accumulo di una speciale proteina chiamata beta-amiloide (A-β). Questo si forma anche dalla nascita nelle persone sane senza malattia di Alzheimer. Tuttavia, qui l’accumulo e la degradazione delle proteine ​​sono bilanciati. Se c’è un aumento dell’accumulo o una diminuzione della scomposizione di A-, allora sempre più molecole di proteina A si accumulano nel cervello, si formano prima aggregati più piccoli e successivamente agglomerati più grandi, Targhe chiamate: Questi sono depositi nella materia grigia del cervello che danneggiano le cellule nervose e i tessuti.

Il circolo vizioso con i radicali liberi e lo stress ossidativo

Le vie metaboliche che portano alla formazione o alla scomposizione della proteina A- si verificano sulla o nella membrana cellulare, una copertura composta in gran parte da lipidi. Precedenti studi hanno dimostrato che le cause del morbo di Alzheimer possono essere influenzate positivamente o negativamente dall’effetto del grasso. In particolare, i plasmalogeni svolgono una funzione protettiva nelle malattie: sono elementi costitutivi simili ai lipidi della struttura delle membrane cellulari. Riduce la formazione di A-.

READ  462 nuovi casi di corona a Berlino: l'infezione è ora di 56,3! - BZ Berlino

Tuttavia, nei malati di Alzheimer, la loro incidenza è significativamente ridotta. “A causa della sua struttura chimica, i plasmogeni sono particolarmente sensibili ai radicali liberi e allo stress ossidativo, che è significativamente aumentato nella malattia di Alzheimer a causa della maggiore incidenza di A-β”, afferma una dichiarazione della SRH University. “Questo porta a un circolo vizioso”: una diminuzione del livello di plasmogeno porta ad un aumento della produzione di molecole di proteine ​​A, che a loro volta distruggono i plasmogeni attraverso lo stress ossidativo, accelerando la produzione di A-.

Effetti multipli della vitamina B12 sui meccanismi della malattia di Alzheimer

Secondo lo studio, se è disponibile una quantità sufficiente di vitamina B12, ci sono molti effetti positivi che possono aiutare a prevenire il morbo di Alzheimer. “Oltre a un effetto positivo sulla lipogenesi della membrana, la vitamina B12 ha anche un effetto positivo sulla disintossicazione cellulare dai radicali liberi e dallo stress ossidativo”, afferma il professor D. Marcus Grimm, presidente del Dipartimento di Terapia e Counseling Nutrizionale presso l’Università della Salute riproduttiva e della salute riproduttiva. “Questi molteplici effetti della vitamina B12 sui meccanismi che svolgono un ruolo importante nella malattia di Alzheimer rendono la vitamina un bersaglio intrigante che potrebbe svolgere un ruolo importante nella prevenzione e nel trattamento della malattia di Alzheimer”.

Gli scienziati consigliano di controllare i livelli di vitamina B12

Anche se gli studi clinici (vale a dire studi su esseri umani, pazienti o volontari sani) non hanno ancora confermato i risultati degli studi cellulari che sono stati ora eseguiti, l’autore dello studio Grimm consiglia in particolare alle persone che sono a più alto rischio di carenza di vitamina B12 di controllarlo fuori e su Una dieta ricca di vitamina B12, se necessario con assistenza Supplementi nutrizionaliper l’attenzione.

READ  Il grasso comico si sottopone a cure psichiatriche e invia un messaggio a Oliver Bucher

Una persona su cinque di età superiore ai 60 anni ha troppo poca vitamina B12

Secondo gli scienziati, la carenza di vitamina B12 si verifica anche nei paesi industrializzati occidentali. Il rischio aumenta con l’età. Si stima che una persona su cinque di età superiore ai 60 anni soffra di una carenza di vitamina B12, cioè una carenza della vitamina metabolica.