Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La vitamina A può aiutare chi ha perso l’olfatto a causa del COVID-19?

Secondo le notizie di BBCI ricercatori nel Regno Unito continueranno uno studio per vedere se l’assunzione di vitamina A può aiutare le persone che hanno avuto COVID-19 o altre infezioni virali e sperimentano una perdita dell’olfatto o un cambiamento nell’olfatto. Durante il periodo di prova, i partecipanti riceveranno un trattamento con gocce nasali contenenti vitamina A e saranno monitorati prima e dopo il trattamento. I risultati vengono poi confrontati con quelli dei partecipanti che non hanno ricevuto gocce nasali di vitamina A.

A tal fine, oltre al trattamento, ai partecipanti viene chiesto di annusare profumi forti come uova marce e rose mentre le scansioni cerebrali vengono controllate per vedere se la vitamina ha riparato le vie olfattive danneggiate.

“Vogliamo sapere se c’è un aumento delle dimensioni e dell’attività delle vie olfattive danneggiate nel cervello dei pazienti quando vengono trattati con gocce nasali contenenti vitamina A”.e Lo ha spiegato il professor Carl Philpott della University of East Anglia Norwich School of Medicine.

“Cercheremo i cambiamenti nelle dimensioni del bulbo olfattivo – l’area sopra il naso dove i nervi olfattivi nel cervello si connettono e si connettono”, dice.

La perdita o l’alterazione dell’olfatto è un sintomo dell’infezione da SARS-CoV-2 elencata come comune, sebbene anche molti altri virus, come l’influenza, possano causare questi sintomi. Mentre la maggior parte delle persone guarisce naturalmente entro poche settimane, molte persone hanno problemi con il loro senso dell’olfatto.

Lena El-Nadi, ad esempio, ha sviluppato la parsomia dopo aver contratto il Covid-19, il che significa che gli odori di molte cose quotidiane sono cambiati: l’acqua del rubinetto ora è “puzzolente”, qualcosa di simile all’odore che alcune persone devono associare a “un palude”” o “scolare”. Le uova – uno dei cibi preferiti di Lina – puzzavano di gomma bruciata. Anche cose semplici come fare la doccia o lavarsi i denti diventano fastidiose perché il tuo senso dell’olfatto cambia.

READ  Infezione da corona: i sintomi variano molto a seconda dell'età

Ma gradualmente la situazione è migliorata e Lina ha trovato alcuni trucchi per aiutarla. “L’aggiunta di limone o pepe di Caienna al cibo può rendere l’odore più gradevole”, dice.

Secondo l’Università di Norwich, Precedenti studi in Germania mostrano i potenziali benefici della vitamina A. Ora il team dell’UEA indagherà su “come funziona questo trattamento per riparare il tessuto nasale danneggiato dai virus”.

L’aspettativa, hanno aggiunto, è che “potrebbe un giorno aiutare a migliorare la vita di milioni di persone in tutto il mondo con anosmia e ripristinare il loro quinto senso dell’olfatto”.