Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La “vecchia signora” nel cuore: la leggenda dell’Herta Nilo Di Martino compie 70 anni


Quando l’Union Berlin e l’Hertha Berlin si incontrano in Bundesliga per il principale derby cittadino sabato sera (18:30/Sky), giocatori e tifosi devono riscaldarsi. Non molti fan oggi possono immaginare che i due club fossero amici prima che cadesse il muro. Nilo Di Martino lo ricorda ancora bene.


L’italiano, che dovrebbe saperlo, ha detto: “Abbiamo sempre avuto un buon rapporto con la federazione. Spesso i tifosi di un club assistevano alle partite dell’altra squadra”. Quasi nessuno conosce l’Hertha e il calcio a Berlino così come Nelo Di Martino. È stato un giocatore, allenatore dei portieri, manager di maglia e coordinatore per The Old Lady negli ultimi 50 anni. Il 22 novembre compie 70 anni.

più di Hertha Berlino

Davanti all’Etihad Stadium: l’Hertha BSC ha un’enorme bandiera biancoazzurra

L'allenatore dell'Hertha Pal Darday e la sua squadra si incontrano sabato con l'Union Berlin.

L’allenatore dell’Hertha Pal Darday prima del match di Berlino con l’Al Ittihad: “Non c’è odio in questo derby”


All’inizio non sembrava che il ragazzo della località balneare italiana di Vico Equense, vicino a Napoli, arrivato a Berlino come portiere diciannovenne, avrebbe fatto un grande segno nella capitale. “Nello si è unito a noi e si è allenato con la prima squadra per due mesi. Poi è stato chiaro che non sarebbe stato sufficiente per i compiti più alti”, ricorda la leggenda dell’Hertha Eric “It” Bear, che, come Di Martino, è entrato a far parte dei Blue Whites in 1971. Poi ha giocato De Martino è stato due anni in campionato con l’Hertha, poi un infortunio al ginocchio lo ha costretto a lasciare.

Annunci


Tra Blombe e Coxswiss


Ma invece di tornare a casa, il viaggio di Di Martino nell’Herta è iniziato davvero. Ha deciso contro l’Italia e per Berlino – per buoni motivi. “Si può vivere al sole, ma non è abbastanza per sopravvivere”, dice Di Martino. Aveva bisogno di soldi in tasca e c’era sempre qualche tipo di lavoro per lui all’Hertha. “Era ossessionato dal calcio e aveva il cuore nel posto giusto. Puoi sempre contare su Nilo”, dice Bear.

READ  Sei giorni dopo il crollo: Christian Eriksen dimesso dall'ospedale

Bank Hertha Berlin con l'allenatore Kono Kluzer (secondo da destra), il massaggiatore Peter Benten (a destra) e il responsabile delle attrezzature Nilo Di Martino (al centro) Wolfgang Sedka (a sinistra) Bank Hertha Berlin con il team manager Kono Kluzer 2 dalla massaggiatrice a destra Peter Benten strumento destro sinistra manager Nilo To Martino, sinistra Wolfgang Sedka

Hertha-Bank 1979: Poco dopo Coach Kuno Klötzer (secondo da destra) siede Nello di Martino (secondo da sinistra) con una mascotte.
© Imago / Schumann


Oltre alle sue doti di preparatore dei portieri e al suo portamento solare, sono state soprattutto le capacità organizzative a rendere Di Martino così popolare tra i suoi compagni di squadra fin dalla tenera età. “Era ben informato su tutte le aree e sapeva sempre cosa era economico e dove. E ovviamente conosceva sempre i migliori ristoranti italiani in città”, afferma Beer. Nei primi anni, l’Hertha era ancora a casa a Gesundbrunnen, suonava in “Plumpe” e si allenava in “Kokswiese”. “Abbiamo vissuto tutti a un matrimonio. Volevo davvero imparare il tedesco in fretta, leggevo il giornale tutti i giorni e guardavo i film al cinema per imitare i movimenti della mia bocca”, ricorda Di Martino. Poi il club è andato a Westend e Di Martino è andato con loro.


Per quanto riguarda lo sport, sono seguiti gli anni di maggior successo dell’Hertha, e anche in campo le cose sono state allegre. Eravamo molto a Theodor-Heuss-Platz e al ‘Ciao Ciao’ e in altri ristoranti. A quel tempo, con Eat Beer, Uwe Kleiman e Erwin Hermandong, erano tutti leader. “Sapevano quando dovevo”, dice Di Martino, esibirsi e quando festeggiare”.


Poi ha attirato Maradona e SSC Napoli


Ma i tempi non erano sempre facili e di successo. All’inizio degli anni ottanta, l’Hertha per la prima volta passò al secondo livello della lega tedesca e nel 1986 si scontrò con il terzo livello dell’Oberliga di Berlino. Blau-Weiß 90 è stato autorizzato a trasferirsi allo Stadio Olimpico e all’Hertha è stato permesso di giocare a Maifeld solo grazie alle forze di occupazione inglesi. Il denaro è diventato scarso, per molte persone dentro e intorno al club è diventato scarso. In questo periodo, Di Martino ha allenato la seconda squadra maschile e l’e-team giovanile e ricorda: “Se non fosse stato per persone come il presidente Heinz Roloff, il club potrebbe non essere sopravvissuto all’epoca. Non molti sanno nemmeno che si è sacrificato così gran parte dei suoi soldi e persino la sua villa per salvare l’Hertha dalla bancarotta”. Lo ringrazierò sempre per questo”.

READ  Finale Europei allo stadio di Wembley: Inghilterra con tre terzini - L'Italia gioca invariata - Sport

    Berlino, Germania 25 agosto 2016: 1 BL - 16/17 - Allenamento - Hertha BSC - Il capitano della squadra 2016 Nello di Martino Berlino arriva al campo di allenamento con uno scooter.  movimento, immagine singola, taglio, paesaggio, espressioni facciali, forti espressioni facciali, emozione, campo di allenamento Berlino *** Berlino, Germania 25 agosto 2016 1 BL 16 17 Allenamento Hertha BSC 2016 Il capitano della squadra Nello di Martino Berlino arriva a un campo di allenamento sul lavoro scooter foto singola ritaglio paesaggio espressione facciale forte espressione facciale emozione berlino campo di allenamento Copyright: xFotostandx / xBansemerx

L’italiano Nello Di Martino è uscito a Berlino, ovviamente in grande stile in Vespa.
© Immagini imago / photostand


Ironia della sorte, è stato durante questi giorni piuttosto grigi a Herta che è arrivato il luminoso richiamo della casa. Nel 1987 la grande squadra della SSC di Napoli chiamò Diego Maradona. “Ernest Abel doveva essere l’allenatore del Napoli in quel momento e voleva portarmi con sé come assistente”, ricorda Di Martino: “Potrei vivere con mio padre e tornerei a casa”. Si è conosciuto prima a Milano, poi è rimasto sveglio tutta la notte perché non sapeva bene come prendere la sua decisione. “Ma poi l’allenatore del Napoli è stato sostituito e la decisione è stata presa per me. Penso che tutto accada per un motivo. Non dovrebbe essere così”.


Così è rimasto a Berlino. Ma anche qui è riuscito a lasciare un’impronta sportiva nella sua nativa Italia. Allo Stadio Olimpico di Berlino ha vinto la Coppa del Mondo 2006 come supervisore della “Squadra Azzurra” ed è diventato “l’uomo più felice” della capitale. “Volevo tanto questo trofeo nel mio salotto. C’era un grande portiere e una squadra con grandi giocatori e grande solidarietà”, ha detto Di Martino, che ha coordinato l’intera permanenza degli italiani in Germania e, tra l’altro, ha confermato, tra altre cose, che ci sono stazioni ferroviarie Le ferrovie sono state chiuse ei laghi sono stati chiusi a Marcello Lippi.

Numero immagine: 02197956 Data: 09/07/2006 Copyright: imago / Buzzi 2006 Campione del Mondo Italia - Cerimonia di premiazione Da sinistra: Gianluca Zambrotta, Supervisore Tecnico Nello Di Martino, Andrea Barzagli, Co-Trainer Ciro Ferrara, Filippo Inzaghi e Team Doctor Enrico Castellacci - Fdig, Croce, Medicare, Medico di squadra, Dottore, Dottore, Personale d'onore, Medaglia, Oro, Medaglia d'oro, Evviva, Evviva, Evviva vittoria, Campione del mondo, Cerimonia di premiazione, Podi, Podi, Assistenti allenatori, Allenamento a squadre Coppa del mondo 2006 Partita internazionale Squadra nazionale Maglia nazionale Finale Berlin Delight Squadra di calcio maschile Foto di gruppo Persone ottimiste Motivazione marginale

Nel 2006, Nelo Di Martino ha vinto il titolo mondiale come allenatore della nazionale italiana.
©


L’insufficienza del titolo con l’Hertha infastidisce alla follia Di Martino. Ci sono andato vicino un paio di volte, ma non dovrebbe esserlo. Non è più un coordinatore della squadra, anche se il tuttofare è ancora onnipresente sul sito olimpico. Ora si occupa della tradizionale squadra dell’Hertha. Attualmente sta aiutando come preparatore dei portieri per la Youth A. Vede l’Hertha di nuovo sulla strada giusta dopo anni difficili. “La distruzione ha richiesto tempo. Il denaro da solo è inutile. Le strutture devono adattarsi. Ora le basi sono giuste. Ora devi costruirci sopra con pazienza”, dice Di Martino e puoi sentire quanto sia importante per lui.

READ  Werder Bremen: Marco Friedl è in sciopero e vuole trasferirsi all'Union Berlin!


Il suo vecchio amico Eric “Etty” Bear conosce fin troppo bene questo fuoco. “Se ci sono pochi giocatori che hanno nel cuore l’Hertha come Nilo, la squadra sarà completamente diversa”, dice il 74enne, aggiungendo: “Soprattutto gli auguro salute e restare a lungo con il club. Nilo è Herta e spero che un giorno venga adottato così generoso come merita per molti anni a venire.