Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La vaccinazione contro l’HPV ha ridotto i casi di cancro cervicale fino all’87 percento

Cancro cervicale: uno studio conferma l’importanza della vaccinazione contro l’HPV

Secondo un nuovo studio, l’introduzione della vaccinazione contro il papillomavirus umano (HPV) ha ridotto significativamente il cancro del collo dell’utero. Secondo i ricercatori, il vaccino ha ridotto i casi fino all’87 percento.

Secondo il post Messaggio Ha scoperto che il programma di vaccinazione HPV del Regno Unito aveva prevenuto circa 450 casi di cancro cervicale e circa 17.200 lesioni precancerose entro la metà del 2019.

L’effetto è particolarmente elevato nei giovani che sono stati vaccinati

nella rivista”bisturiUno studio pubblicato ha esaminato tutti i tipi di cancro cervicale diagnosticati in Inghilterra tra gennaio 2006 e giugno 2019 in donne di età compresa tra 20 e 64 anni.

Il programma di vaccinazione in Inghilterra è iniziato nel 2008 e ha utilizzato il vaccino bivalente Cervarix, che protegge dai due tipi più comuni di HPV. Da settembre 2012 è invece in uso il vaccino quadrivalente Gardasil.

I ricercatori hanno riferito che le giovani donne che hanno ricevuto il vaccino Cervarix all’età di 12 o 13 anni avevano un’incidenza di cancro cervicale inferiore dell’87%. Nelle donne che hanno ricevuto il vaccino HPV di età compresa tra 16 e 18 anni, la riduzione è stata del 34%.

Cancro cervicale causato da HPV

Il papillomavirus umano a trasmissione sessuale (HPV) è la principale causa di cancro del collo dell’utero. Il vaccino, secondo gli esperti londinesi, ha i maggiori benefici se somministrato prima della prima attività sessuale. Il virus è stato anche collegato ad altri tipi di cancro, compresi i tumori della vagina, della vulva, dell’ano, del pene e alcuni tumori della testa e del collo.

READ  C'è forse la luce del sole? - Controlla il tempo di BILD per la Pentecoste - Notizie

Questo cancro può diventare una malattia rara

“Ora siamo stati in grado di dimostrare che a centinaia di donne in Inghilterra è stato impedito lo sviluppo del cancro. Il primo autore, il professor Peter Sasini del College of Cancer and Pharmaceutical Sciences, ha dichiarato: “Sappiamo da molti anni che il vaccino HPV contro alcuni ceppi del virus è molto efficace, ma vedere gli effetti del vaccino nella vita reale è stato davvero gratificante”.

Ha aggiunto: “Supponendo che la maggior parte delle persone continui a ricevere il vaccino HPV e si sottoponga allo screening, il cancro cervicale diventerà una malattia rara. Quest’anno abbiamo già visto il potere dei vaccini nel controllare la pandemia di COVID-19. Questi dati mostrano che i vaccini funzionano. nella prevenzione di alcuni tipi di cancro”.

Medico. Vanessa Saliba, consulente epidemiologa presso Public Health England, ha dichiarato: “Questi risultati notevoli confermano che il vaccino HPV salva vite riducendo significativamente i tassi di cancro cervicale nelle donne. Questo ci ricorda che i vaccini sono uno degli strumenti più importanti che ci aiutano a vivere un vita più lunga e più sana”.

E: “Questo straordinario risultato è stato reso possibile dall’alto livello di accettazione della vaccinazione HPV in Inghilterra. Incoraggiamo tutti coloro che hanno diritto al vaccino HPV a essere vaccinati quando viene offerto a scuola. Tutte le persone autorizzate possono essere vaccinate fino al compimento dei 25 anni. Insieme allo screening cervicale, questo aiuterà a proteggere più donne dai casi prevenibili di cancro cervicale.

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Risorse:

  • King’s College London: il vaccino HPV riduce il cancro cervicale dell’87% (APROV: 07.11.2021), King’s College di Londra
  • Milena Falcaro, PhD Alejandra Castañon, PhD Busani Ndlela, PhD Marta Checchi, MSc Kate Soldan, PhD Jamie Lopez-Bernal, PhD Lucy Elliss-Brookes, BSc Prof Peter Sasieni: effetti del programma nazionale di vaccinazione HPV in Inghilterra, Regno Unito, in cervicale carcinoma e neoplasia intracervicale di grado 3: uno studio osservazionale basato sul registro; In: The Lancet, (veröffentlicht: 03.11.2021), bisturi

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.