Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La Russia conclude oggi le elezioni presidenziali

La Russia conclude oggi le elezioni presidenziali

Al: 17 marzo 2024 alle 05:29

Né libere né giuste: tra tre giorni si concludono oggi le elezioni presidenziali russe. Aspetta con ansia di sapere quante persone si recheranno alle urne alle 12.00. I membri dell'opposizione lo hanno definito un segno di protesta.

Si concludono oggi le elezioni presidenziali in Russia. I seggi elettorali nella regione autonoma di Chukchi e nella penisola di Kamchatka hanno riaperto oggi alle 8:00 ora locale (sabato 21:00 CET). Il paese più grande del mondo che abbraccia undici fusi orari. Nell’enclave di Kaliningrad sul Mar Baltico gli ultimi seggi elettorali chiuderanno alle 19:00, ora dell’Europa centrale.

Gli osservatori elettorali dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa non sono invitati. Anche i veri candidati dell’opposizione non possono partecipare al voto, che non è né libero né giusto. Pertanto, molti membri dell'opposizione invitano i russi a presentarsi ai seggi elettorali alle 12.00. Si spera che le lunghe code riflettano lo stato di insoddisfazione del Paese. Si teme che si ripetano gli arresti.

Le autorità avevano precedentemente messo in guardia dal partecipare all’operazione, sostenendo di aver visto “indizi di attività estremista”. Sono stati segnalati messaggi di testo minacciosi indirizzati ai critici del Cremlino dalla capitale Mosca. Il portale indipendente Meduza, tra gli altri, ha pubblicato gli screenshot di un messaggio di gruppo che diceva: “Indipendentemente dal vostro sostegno alle idee delle organizzazioni estremiste, siamo lieti che voterete a Mosca”. Segue la richiesta di partecipare alle elezioni “con calma” – “senza code e provocazioni”. Non si sa chi si celi dietro i messaggi inviati su Telegram e Signal e come siano stati scelti i destinatari.

READ  Ansia prima delle elezioni di marzo: Putin festeggia il Natale con le vedove di guerra

Gli osservatori affermano che vi è una frode sistematica nel voto

L’obiettivo del Cremlino era dimostrare la presunta grande fiducia dei cittadini nel presidente Vladimir Putin e il loro sostegno alla sua guerra aggressiva contro l’Ucraina. Secondo la Commissione elettorale, più di un avente diritto su due aveva già votato nel pomeriggio del secondo giorno. Nel complesso, secondo le autorità, le elezioni si sono svolte senza intoppi.

Tuttavia, osservatori indipendenti denunciano frodi sistematiche nelle elezioni. Ad esempio, si dice che i dipendenti delle aziende statali siano spinti in gran numero alle urne. Secondo i media indipendenti, centinaia di aziende hanno già pubblicato sui social media foto di gruppo dei propri dipendenti davanti a ciascun seggio elettorale. I video mostravano anche persone trasportate ai luoghi di voto sugli autobus.

Anche un video pubblicato sui social media dal gruppo di monitoraggio elettorale russo Golos ha sollevato interrogativi. Sembra che il personale di un seggio elettorale nella città meridionale di Krasnodar stia infilando diverse schede elettorali nelle urne. Sono inoltre giunte notizie di forti pressioni sul popolo ucraino che avrebbe dovuto partecipare al voto illegale nei territori occupati del paese aggredito.

Azioni di protesta Con colore e fuoco

Con questo voto Putin vuole assicurarsi il quinto mandato. Il 71enne capo del Cremlino non ha veri candidati rivali. Personaggi pericolosi dell'opposizione non sono stati accettati come candidati, sono fuggiti all'estero o si trovano in campi di concentramento. Ecco perché gli oppositori del Cremlino incitano alla protesta.

Come hanno riferito le agenzie di stampa, venerdì, il primo giorno di votazioni, uomini e donne hanno versato vernice sulle urne in vari seggi elettorali per invalidare le schede elettorali al loro interno. In alcuni casi hanno appiccato incendi più piccoli. Diverse persone sono state arrestate. Sabato, una donna è stata fermata dalla polizia a Ekaterinburg, negli Urali, mentre cercava di versare un liquido verde in un'urna elettorale. Un incidente del genere è stato segnalato anche a Kaliningrad.

READ  Putin minaccia una "risposta più dura"

La sostanza verde utilizzata è simile all'antisettico Selgonka, che è stato utilizzato più volte in passato negli attacchi di attori filo-Cremlino contro oppositori politici – tra cui Alexei Navalny, morto in una colonia penale a febbraio in circostanze poco chiare.

In totale, Mosca invita 114 milioni di persone a partecipare al voto, che è stato criticato come antidemocratico: più di 4,5 milioni di loro nelle zone occupate delle regioni ucraine di Donetsk, Luhansk, Zaporizhzhia e Kherson. Il voto si svolge anche nella penisola di Crimea, sul Mar Nero, annessa da Mosca nel 2014. Gli oppositori del Cremlino chiedono alla comunità internazionale di non riconoscere il risultato.

Elezioni in Russia

Il processo elettorale presidenziale che si svolgerà in Russia dal 15 al 17 marzo, durante il quale Vladimir Putin vuole ottenere un quinto mandato, non soddisfa gli standard democratici. I tre candidati accettati insieme a Putin, Nikolai Kharitonov (Partito Comunista), Leonid Slutsky (Partito Liberal Democratico populista di destra) e Vladislav Dawankov (Vicepresidente della Duma, candidato del Partito Nuovo Popolare, economicamente liberale), fanno parte del opposizione al regime. , i veri oppositori del Cremlino e della guerra aggressiva contro l’Ucraina non sono stati accettati come candidati.
La votazione avrà luogo anche nei territori occupati dell'Ucraina, in condizioni discutibili.
Non c'è stata una vera e propria campagna elettorale in anticipo, ma ci sono stati resoconti di giornalisti indipendenti riguardo a pressioni sui funzionari pubblici e sui dipendenti delle aziende statali affinché si registrassero per votare e portassero con sé almeno dieci persone.
Esistono ostacoli significativi per gli osservatori elettorali indipendenti; ad esempio, l’organizzazione Golos è stata più volte etichettata come “agente straniero” ed è stata sciolta. Dall'estero si annunciano soprattutto rappresentanti di paesi che simpatizzano fortemente con la leadership russa, come la Serbia, o che governano in modo autoritario o dittatoriale (Venezuela, Myanmar, Camerun). Tre deputati dell'AfD vogliono partire dalla Germania come “esperti di democrazia”.
Nelle precedenti elezioni in Russia, ci sono sempre stati rapporti e video che mostravano prove di manomissione delle urne, votazioni multiple o incentivi come sontuosi buffet offerti dal partito al governo Russia Unita nei seggi elettorali. Le proteste vengono rapidamente fermate dalle forze di sicurezza e di solito sfociano in procedimenti penali.
Gli esperti parlano quindi di elezioni farsa in cui il risultato desiderato – la vittoria di Putin e un altro mandato presidenziale – è già certo e può essere raggiunto solo attraverso una dimostrazione di forza da parte dell'apparato statale.

READ  Joe Biden scherza sulla sua età nel giorno del suo compleanno

Jasper Steinlein, tagesschau.de

Björn Blaschke, ARD Mosca, attualmente Tbilisi, Tagesschau, 15 marzo 2024 alle 20:29