Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La proteina di difesa immunitaria inibisce la replicazione di SARS-CoV-2 di un fattore 20 – la pratica della guarigione

SARS-CoV-2: la proteina inibisce la carica virale di un fattore 20

Diversi istituti di ricerca in tutto il mondo sono impegnati nello sviluppo di agenti contro la SARS-CoV-2 e la malattia causata dal patogeno COVID-19. Ora c’è un barlume di speranza: esperti tedeschi segnalano una proteina che impedisce al virus di moltiplicarsi per un fattore 20.

Scienziati del Würzburg Helmholtz Institute for RNA-Based Infection Research (HIRI) e del Helmholtz Center for Infection Research (HZI) di Braunschweig hanno mostrato per la prima volta come la ZAP, una proteina nel sistema immunitario umano, responsabile del meccanismo di replicazione inibisce SARS-CoV-2 coronavirus e può Riduce la carica virale di 20 volte. I risultati potrebbero aiutare lo sviluppo di farmaci antivirali per combattere la pandemia.

Proteine ​​immunitarie e antivirali

come in Messaggio Ha dimostrato che SARS-CoV-2 e altri virus i cui genomi sono costituiti da acidi ribonucleici (RNA) utilizzano un trucco di replica noto come spostamento del frame di lettura ribosomiale apoptotico.

Questi agenti patogeni si dimostrano maestri della manipolazione: i virus si infiltrano nelle cellule ospiti e dirottano il processo utilizzato dalle cellule per leggere le informazioni genetiche dall’RNA messaggero e produrre proteine. Gli agenti patogeni cambiano la direzione di lettura rigidamente regolata e quindi possono produrre le proprie proteine ​​e moltiplicarsi.

Alla ricerca di modi per prevenire la replicazione del falso SARS-CoV-2, i ricercatori dell’HIRI hanno ora identificato un agente di restrizione chiamato ZAP.

ZAP (dall’inglese: proteina antivirale a dita di zinco) è nota come proteina immunomodulante e antivirale: “ZAP è una molecola multifunzionale nel sistema immunitario che può reprimere una risposta immunitaria eccessiva e disattivare l’attività virale”, spiega il professor John Neva Caliskan, HIRI Research Group Leader e Principal Ora sulla rivista specializzataComunicazioni sulla natura“Uno studio pubblicato.

READ  Corona a Dresda: il contagio torna ad aumentare

Bersaglio di droga attraente

Finora, non è stato ancora studiato se e come proteine ​​come ZAP interferiscano con lo spostamento del frame di lettura ribosomiale di SARS-CoV-2 e come lo facciano. La lettura del frame shift è diventata la base per la replicazione dei virus. E questo è esattamente ciò che lo rende un bersaglio farmacologico attraente”, afferma Matthias Zimmer, uno dei primi autori dello studio.

“È interessante notare che siamo stati in grado di dimostrare che ZAP si lega all’RNA virale che porta a un frame di lettura alterato”, aggiunge lo studente di dottorato HIRI del gruppo di ricerca di Caliskan “Meccanismi di ricodifica nell’infezione”.

“ZAP interferisce con il ripiegamento strutturale dell’RNA del coronavirus e blocca il segnale inviato da SARS-CoV-2 per indurre le cellule ospiti a produrre enzimi di replicazione”, spiega la studentessa di dottorato HIRI Anuja Kibi, secondo autore principale dello studio, la proteina antivirale.

E c’è di più: in collaborazione con i ricercatori dell’HZI di Braunschweig, il team è stato in grado di dimostrare che le cellule ospiti con un livello di ZAP aumentato avevano una quantità di virus ridotta di quasi 20 volte. Pertanto, un’aumentata incidenza – o assenza – della proteina può anche essere un indicatore del fatto che l’infezione da corona sia lieve o grave.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno i meccanismi molecolari sottostanti. Ma i risultati dello studio sono già molto promettenti: “I nostri risultati danno motivo di sperare che ZAP possa essere utilizzato come modello per lo sviluppo di potenziali nuovi agenti antivirali”, afferma Caliskan.

Come spiegato per ultimo nell’autore, la cosiddetta proteina antivirale a dita di zinco (ZAP in breve) è una proteina multifunzionale nel sistema immunitario e inibisce la replicazione di alcuni virus. È disponibile in una forma breve (ZAP-S) e in una forma lunga (ZAP-L). Le implicazioni descritte delle attuali indagini si riferiscono a ZAP-S. (anno Domini)

READ  Ricercatori scoprono il primo potenziale antidoto per la febbre dengue - Notizie Augsburg, Allgäu e Ulm

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti medici.

Risorse:

  • Centro Helmholtz per la ricerca sulle infezioni: un barlume di speranza in una pandemia: la proteina ZAP inibisce la replicazione di SARS-CoV-2 di un fattore 20, (accesso: 11 dicembre 2021), Centro Helmholtz per la ricerca sulle infezioni
  • Zimmer M, Kibe A, Rand U, Pekarek L, Ye L, Buck S, Smyth R, Cicin-Sain L, Caliskan N: L’isoforma corta della proteina antivirale ZAP agisce come inibitore del ribosoma SARS-CoV-2 programmato spostamento del fotogramma. In: Nature Communications (veröffentlicht: 10.12.2021), Comunicazioni sulla natura

nota importante:
Questo articolo è solo a scopo di orientamento generale e non è destinato all’uso per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.