Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La noia dopo un inizio furioso: cosa sta succedendo sulla “scena del crimine” della Foresta Nera?

La noia dopo un inizio burbero
Cosa sta succedendo sulla “scena del crimine” della Foresta Nera?

Scritto da Julian Witten

Tobler e Berg non sono necessariamente i detective delle “scene del crimine” più interessanti. In alternativa a tutti i problemi delle grandi città, in realtà va benissimo. Tuttavia, per la seconda volta consecutiva, i creatori confondono la bassa velocità con la noia estrema.

Forse non c’è nessun altro formato TV in Germania con una qualità così instabile come “Tatort”: a volte c’è un ottimo intrattenimento televisivo, spesso c’è la media nei fine settimana e di tanto in tanto C’è anche un completo fallimento assoluto.

Sì, anche tu puoi vederla così…

(Foto: ntv.de)

Ma non importa quanto buono possa essere un caso (agli occhi di un critico), scriverne in realtà è sempre un bel lavoro, se è solo per la bella posta che ricevi quando i lettori non sono d’accordo.

È diverso con “l’aspetto degli altri”, e sfortunatamente non in senso positivo. Certo, 3 punti su 10 su una scansione rapida, questo richiede fondamentalmente un elenco. Seguita da una domanda su quella che è diventata la “scena del crimine” della Foresta Nera, iniziata in modo promettente dopo nove episodi e una recensione di un’intervista. Ma questa sarebbe solo una versione audace Recensione del collega Ingo Schiele a febbraio dell’ultimo caso di Breisgauer: All’epoca c’era anche un punteggio di 3 su 10 per “La confessione di Sara”, in parte perché il principale sospettato era “giocato con un misto di eloquente tristezza e una discreta dose di indifferenza”.

Il principale sospettato nel nuovo caso ha un nome diverso, ma a parte questo c’è un alto rischio di déjà vu: “Sandra Vogt (Lisa Hagmeister) si sta comportando in modo completamente negligente e apparentemente indifferente a quello che sta succedendo”, diciamo per ora un rapido controllo. In entrambi i film, questa è una decisione registica piuttosto sfortunata, dopotutto i commissari Tobler (Eva Lobau) e Berg (Hans-Jochen Wagner) non sono i detective di strada più ardenti in Germania per natura.

Cibo incurante dritto

È già chiaro: la “scena del crimine” nella Foresta Nera è stata creata fin dall’inizio come alternativa ai problemi talvolta sollevati delle grandi città. Ma il ritmo più basso e la minore stravaganza investigativa non significano necessariamente una perdita di suspense. Il fatto che SWR ora regali una tariffa così divertente per la seconda volta consecutiva è un po’ sconcertante.

È particolarmente negativo, perché l’argomento merita un resoconto migliore: “Le opinioni degli altri” raccontano una tragedia familiare e vogliono sollevare la questione della nostra posizione come società. Cosa ci unisce, cosa ci separa e come potrebbero essere le nostre vite insieme in futuro. Ma nonostante tutte le grandi domande, questa “scena del crimine” è molto più grande delle sue piccole dimensioni. Cito ancora il mio collega Shell: “Finalmente c’è impotenza e la speranza che le cose tornino presto nella Foresta Nera – in generale, che sfondo è sempre più passato in secondo piano, ma molto promettente”.

READ  Storia di BR: Panoramica: Cronaca della radiodiffusione bavarese | Storia di br | BR | società