Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La navicella New Horizons supera le 50 unità astronomiche: la navicella spaziale della NASA raggiunge una distanza specificata e acquisisce un’immagine della Voyager 1

Qualche giorno fa, era giunto il momento: la sonda spaziale New Horizons della NASA ha superato il limite di 50 unità astronomiche di distanza. Ora è più di 50 volte dal Sole rispetto alla Terra, e quindi raggiunge aree dello spazio che in precedenza erano utilizzate solo dalla sonda Voyager e Pioneer. Per la prima volta, ha anche puntato la sua fotocamera su Voyager 1.

La sonda spaziale della NASA è stata lanciata nel gennaio 2006 nuovi orizzonti Ha fornito viste e dati unici dal bordo esterno del nostro sistema solare: il tuo volo Plutone Nel luglio 2015, ha svelato un mondo incredibilmente dinamico con nuvole, montagne, nevicate e ghiacciai fluenti. Nel 2019, la sonda ha inviato i suoi primi primi piani della massa trans-Nettuno Arokoth. Dal suo punto di controllo nella fascia di Kuiper, è stato anche in grado di misurare con maggiore precisione Che buio L’universo è lontano dal sole.

Realizzazione raggiunta

La sonda New Horizons ha ora raggiunto una nuova pietra miliare nel suo viaggio: il 17 aprile 2021 ha coperto una distanza di 50 unità astronomiche. Ora è 50 volte più lontano dal sole della nostra Terra, raggiungendo così una regione dello spazio che aveva solo altre quattro sonde spaziali prima di essa: le silenziose Pioneer 10 e 11 e le sonde attive Voyager Sunden. Tuttavia, a causa della sua frequenza iniziale più elevata, New Horizons è il veicolo spaziale più veloce ad aver mai coperto queste distanze.

Il cerchio giallo segna la posizione del Voyager 1 nell’immagine della fotocamera di New Horizons.© NASA / Johns Hopkins APL / Southwest Research Institute

New Horizons si trova ora a circa 7,5 miliardi di chilometri da questa distanza, quindi anche le onde elettromagnetiche per i messaggi radio hanno bisogno di sette ore per viaggiare. “È difficile immaginare una distanza così grande”, afferma Alice Bowman, responsabile delle operazioni per il team di missione presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory. Sono necessarie 14 ore dall’invio del comando alla conferma della ricezione da parte della sonda.

READ  Un solo stato federale con un valore di incidenza di 100

Vista di Voyager 1

Per celebrare questo risultato, New Horizons ha diretto la sua telecamera verso un vicino: ho scattato una foto del campo stellare dove Voyager 1 La sua strada sta tirando. Ha viaggiato nello spazio dal 1977 e nel 2012 è stata la prima astronave costruita dall’uomo ad attraversare il confine nello spazio interstellare. Oggi, la Voyager 1 si trova a circa 151 unità astronomiche dal Sole, quindi non è direttamente visibile in questa immagine nemmeno agli occhi acuti della fotocamera di New Horizons.

“Questo è un quadro commovente per me”, ha detto Alan Stern, capo della missione New Horizons presso il Southwest Research Institute. “Un viaggio attraverso il nostro intero sistema solare per esplorare da vicino Plutone e la fascia di Kuiper non ha completato una missione prima di New Horizons.” Sebbene la sonda Voyager sia avanti di qualche decennio rispetto alla cugina più giovane, nessuna di loro sembrava che le sonde di Kuiper si avvicinassero ai corpi della cintura.

Il viaggio continua

La missione di New Horizons è tutt’altro che finita: la NASA invierà un aggiornamento software alla sonda quest’estate per aggiornare il suo apparato scientifico. Le batterie, alimentate da un piccolo reattore nucleare, forniranno energia sufficiente per mantenere in vita il veicolo spaziale almeno fino al 2030.

Cosa: NASA