Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La guerra in Ucraina – ecco perché Mariupol non si rifornisce dall’aria – Politica

Dopo quasi due mesi di assedio, la situazione dei rifornimenti a Mariupol divenne catastrofica. Niente acqua, niente elettricità, niente cibo.

La fornitura di aria finora è fallita a causa degli attacchi dei russi.

Il 28 marzo, il ministero della Difesa russo ha annunciato l’abbattimento di un elicottero Mil Mi-8 ucraino.

Secondo l’Ucraina, il volo avrebbe dovuto rifornire i soldati rimanenti.

Poco più di una settimana dopo, due Mi-8 ucraini furono abbattuti. Hanno cercato di raggiungere i combattenti intrappolati dal lato del mare.

La guerra di Putin Gli utenti dell’app possono iscriversi alla nostra nuova newsletter qui!

Le forniture per droni non sono una vera alternativa.

Anche loro potrebbero facilmente diventare bersagli per i sistemi di difesa aerea russi. Inoltre, le capacità di trasporto di droni anche di grandi dimensioni sono limitate e non sarà possibile portare cibo e munizioni a sufficienza a coloro che sono intrappolati nelle acciaierie.

E: i sistemi di droni più grandi sono più costosi. Anche l’aereo turco Bayraktar TB2, relativamente conveniente, che è nell’arsenale delle forze armate ucraine, costa più di 1 milione di euro ciascuno.

I piccoli droni commerciali, che presto potrebbero essere utilizzati per trasportare generi alimentari nelle grandi città, sono molto più economici. Tuttavia, la loro altitudine e portata di volo sono limitate.


La guerra in Ucraina: ecco perché Mariupol non si rifornisce dall'aria

Foto: COSTRUISCI

Sfortunatamente, questo rende la loro diffusione molto irrealistica: dopotutto, i droni dovranno volare a più di 100 chilometri dal terreno nemico prima di raggiungere le persone intrappolate a Mariupol.

READ  'Grave emergenza nazionale': la Corea del Nord conferma il primo focolaio di coronavirus