Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La guardia costiera italiana ha salvato più di 1.400 migranti annegati

La guardia costiera italiana ha salvato più di 1.400 migranti annegati

Stato: 08.06.2023 09:09

In diverse operazioni, la Guardia Costiera italiana ha salvato 1.400 persone alla deriva in barche sovraffollate. Qualche settimana fa anche navi di soccorso private hanno portato a terra centinaia di migranti.

Più di 1.400 migranti sono stati salvati dall’annegamento in diverse operazioni al largo della costa mediterranea italiana. Secondo la Guardia Costiera italiana, si trovavano su imbarcazioni sovraffollate. A bordo c’erano 47 persone, tra cui due bambini, che si trovavano in difficoltà al largo della costa calabrese e avevano urgente bisogno di cure mediche. Sono stati soccorsi da un motoscafo della Guardia Costiera martedì mattina presto.

Un’altra nave della guardia costiera ha prelevato circa 590 migranti da un peschereccio e poi circa 650 da un altro peschereccio, afferma la nota. Un motoscafo della Guardia Costiera e un motoscafo della Polizia di Frontiera italiana sono accorsi anche in soccorso di una quarta imbarcazione con a bordo 130 migranti.

Una delle vie di fuga più pericolose

I funzionari non hanno fornito alcuna informazione sulla nazionalità dei passeggeri o sulle rotte seguite dalle navi. Tuttavia, in generale, dalla costa turca partono molte imbarcazioni che trasportano migranti dal Mar Ionio. I trafficanti spesso vi guidano barche sovraffollate.

Il Mediterraneo è una delle vie di fuga più pericolose al mondo. Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM), dall’inizio dell’anno circa 1.100 persone sono morte o sono scomparse nel tentativo di attraversare il confine. Il numero di casi non registrati è molto elevato. Entro la fine di maggio, le navi di soccorso erano nuovamente sempre più ancorate nei porti italiani con persone salvate dal mare.

READ  Passaggio di potere in Italia: il futuro primo ministro italiano, Giorgio Meloni, diventa europeo contro la sua volontà

L’organizzazione umanitaria Medici Senza Frontiere, che gestisce la nave di soccorso, ha detto che 606 uomini, donne e bambini di “Geo Parents” sono sbarcati nel porto di Bari. Un team dell’organizzazione tedesca SOS Humanity “Humanity 1” ha portato nella città di Livorno quasi 90 rifugiati.

“Sea-Eye 4” risolto

In alcuni casi, le autorità italiane hanno nuovamente arrestato temporaneamente le navi di soccorso in mare tedesche. Le azioni sono state intraprese dagli equipaggi “Mare*Co” e “Sea-I 4” all’inizio di giugno. Secondo i suoi stessi rapporti, “Mare*Co” ha salvato 37 migranti del Mediterraneo dalle sofferenze in mare. Nonostante le autorità avessero assegnato alla nave il porto siciliano di Trapani, la nave sbarcò a Lampedusa.

L’omonima nave “Sea-I 4” dell’ente umanitario, invece, ha portato ad Ortona 49 persone che erano state imbarcate durante due viaggi. Dopo il primo soccorso, il Sea-Eye 4 avrebbe dovuto dirigersi immediatamente verso Ortona, ha detto la Guardia Costiera. Secondo la Guardia Costiera, le due agenzie umanitarie hanno violato la legge, che comporta una pesante sanzione per l’arresto di una nave. Con questa legge il governo di Roma ha inasprito la pratica nei confronti dei soccorritori privati ​​in mare.

La politica in materia di asilo dovrebbe essere un problema negli incontri con Scholz

In Italia, l’afflusso di migliaia di migranti è in discussione a causa dei recenti alti numeri di migrazione attraverso il Mediterraneo. Secondo i dati ufficiali del ministero dell’Interno a Roma, dall’inizio dell’anno sono arrivate in Italia via mare più di 50.000 persone, rispetto alle circa 19.600 dello stesso periodo dell’anno scorso. Il governo di destra del primo ministro Georgia Meloni è fermamente contrario alla migrazione incontrollata attraverso il Mediterraneo e non consentirà affatto alle navi con migranti di attraccare.

READ  Campagna antiaborto in Italia - Oltre il pilastro

Anche la politica europea in materia di asilo dovrebbe essere un problema oggi, quando Maloney riceve a Roma il presidente Olaf Scholes. Parallelamente alla visita del presidente, i ministri dell’Interno dell’UE stanno cercando di portare avanti un’importante riforma del sistema europeo di asilo in Lussemburgo. Si tratta dell’obbligo di sostenere gli Stati membri che sono particolarmente sovraccarichi alle frontiere esterne dell’UE, tra cui l’Italia, e di trattare più duramente i migranti che non hanno alcuna possibilità di restare.