Toscana Calcio

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su Toscana Calcio

La famiglia minaccia Ridley Scott di denuncia: “insulto”

“House of Gucci” è stato proiettato nei cinema tedeschi da giovedì. Non ci sono solo fan del film. La famiglia Gucci in particolare si sente attaccata dal lavoro di Ridley Scott e minaccia azioni legali.

Serie di foto con 13 foto

“La famiglia Gucci si riserva il diritto di prendere qualsiasi iniziativa per tutelare il proprio nome, la propria immagine e quella dei propri cari”, ha citato l’agenzia di stampa italiana Ansa in una lettera degli eredi del fondatore della famosa casa di moda italiana.

“House of Gucci” parla dell’omicidio dell’erede della moda Maurizio Gucci (interpretato da Adam Driver) negli anni ’90. Un tribunale ha dichiarato colpevole di omicidio la sua ex moglie, Patrizia Reggiani, interpretata da Lady Gaga nel film.

Interpretare Reggiani come una vittima è offensivo

Secondo la lettera, la famiglia è particolarmente turbata dalla rappresentazione di Reggiani come vittima nonostante la sua condanna. Questo tipo di presentazione si riferisce non solo al film, ma anche alle dichiarazioni degli attori in cui “Reggiani è raffigurato come una vittima che cerca di sopravvivere in una cultura istituzionale maschile, maschile”. La famiglia ha trovato questi account come un insulto.

La vera Reggiani è tornata una persona libera dall’ottobre 2016. È stata rilasciata dopo 18 anni di carcere. Inoltre, i membri della famiglia Gucci saranno ritratti come “rivoltosi, ignoranti e insensibili al mondo che li circonda”.

“Nessuno ci ha chiesto prima.”

Anche Patricia Gucci, cugina di secondo grado dell’ucciso Maurizio Gucci, è arrabbiata con il film. Ha detto all’Associated Press che sta accusando il regista Ridley Scott di “rubare l’identità della famiglia a scopo di lucro”. In un’intervista a “Bild” si è anche lamentata dell’approccio dei realizzatori: “Nessuno di loro ci ha chiesto in anticipo, niente. Il film è basato su un libro di Sarah Gay Forden che non è mai stato autorizzato ed è pieno di false affermazioni”.

READ  La rottura con i Kardashian: Tristan dichiara amore alla sua ex Khloe

Di conseguenza, la famiglia voleva interrompere la proiezione del film, ma era impossibile. Quindi ora stai pensando a come procedere legalmente. In Italia il nastro verrà proiettato solo dal 16 dicembre, motivo per cui Patricia Gucci non ha ancora visto l’opera. Tuttavia, crede che Al Pacino e Lady Gaga abbiano assolutamente torto.

Il solo trailer l’aveva già messa a disagio. “Mio padre, mio ​​nonno, tutta la mia famiglia sono dipinti lì come ignoranti, stupidi, maleducati, pazzi, pazzi, mezzi gangster”, ha detto il 72enne. “Perché tutto questo, ad esempio, per farci soldi? Non riesco a spiegarmelo: è un atto violento contro la nostra identità, la nostra immagine. Sono così scosso”.

La famiglia Gucci non ha avuto nulla a che fare con la casa di moda di lusso dagli anni ’90. Questo è ora di proprietà del gruppo francese Kering.